News

News

Il sindaco inerte concorre nella bancarotta causata dagli amministratori

21 Dicembre 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., 27 ottobre 2015 (dep. 16 dicembre 2015), n. 49628

Reati fallimentari

L’inerzia del sindaco di fronte agli atti illeciti compiuti dagli amministratori configura un contributo causale al configurarsi del reato di bancarotta.

Leggi dopo

Il detenuto ha diritto a comparire in udienza di riesame solo se ha presentato la richiesta

21 Dicembre 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. I, 6 ottobre 2015 (dep. 17 dicembre 2015), n. 49882.pdf

Misure cautelari personali

La Cassazione penale, Sezione I, con sentenza depositata il 17 dicembre 2015, si esprime per la prima volta sulla disciplina del riesame (art. 309 c.p.p.) come modificata dall’art. 11 della l. 47/2015.

Leggi dopo

Bancarotta per distrazione: il reato non sussiste se la società ha a disposizione altre risorse

18 Dicembre 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. V

Reati fallimentari

Con la sentenza n. 49622 depositata il 16 dicembre scorso, la Corte di cassazione ribadisce come il reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale si configuri quale reato di pericolo concreto, aggiungendo che tale fattispecie delittuosa non può essere contestata all’amministratore che impoverisca la società di risorse enormi quando questa abbia comunque a disposizione risorse ben più rilevanti idonee a fornire garanzia per eventuali pretese creditorie.

Leggi dopo

Le Sezioni unite su prescrizione del reato e su forma dell'udienza

18 Dicembre 2015 | di Redazione Scientifica

Prescrizione del reato

Il 17 dicembre 2015 la Corte di cassazione, in due differenti udienze, si è espressa in materia di prescrizione del reato e sulla forma da seguire nei procedimenti ex art. 325 c.p.p.

Leggi dopo

Il tentativo di favorire un’adesione anche solo ideologica all’Isis è apologia di terrorismo

03 Dicembre 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. I, 6 ottobre (dep. 1 dicembre 2015), n. 47489

Cass. pen., Sez. I, 6 ottobre (dep. 1 dicembre 2015), n. 47489.pdf

Terrorismo

La I sezione della Cassazione penale, con sentenza depositata il 1° dicembre 2015, ha confermato la condanna, emessa nei confronti del ricorrente, per aver questi commesso il reato di apologia dello Stato islamico, associazione con finalità di terrorismo internazionale, diffondendo per sulla rete internet il documento “Lo Stato islamico, una realtà che ti vorrebbe comunicare”.

Leggi dopo

Il ricorso è inammissibile ma la Cassazione può rilevare le modifiche al sistema sanzionatorio favorevoli all’imputato

26 Novembre 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. un., 26 giugno 2015 (25 novembre 2015), n. 46653

Successione nel tempo di norme penali

Il 26 novembre 2015 sono state depositate le motivazioni della sentenza con la quale le Sezioni unite penali della Corte di cassazione hanno esaminato la seguente questione controversa: se siano rilevabili di ufficio in sede di legittimità, anche in presenza di ricorso manifestamente infondato e provo di censure in ordine al trattamento sanzionatorio, gli effetti delle modifiche normative sopravvenute in termini di attenuazione della pena, anche nel caso in cui la pena inflitta rientri nella cornice edittale recata dalla nuova disciplina.

Leggi dopo

Patrocinio a spese dello Stato: soglie di reddito più alte per il penale rispetto al civile

20 Novembre 2015 | di Redazione Scientifica

Corte costituzionale

Patrocinio a spese dello Stato

Non è irragionevole differenziare le soglie di reddito, tra processo civile e processo penale, ai fini dell’ammissione al gratuito patrocinio dei non abbienti, tenuto conto delle differenti esigenze di tutela connesse all’esercizio dell’azione penale.

Leggi dopo

Si può processare in absentia l’imputato elettivamente domiciliato presso il difensore d’ufficio all'atto della prima identificazione di P.G.?

18 Novembre 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Asti

Notificazioni

Con ordinanza emessa dal tribunale di Asti in data 10 novembre 2015,è stata rimessa all’attenzione della Consulta la questione di legittimità costituzionale degli articoli161 e 163 c.p.p. nella parte in cui non prevedono la notifica personale dell’atto introduttivo del giudizio penale, quantomeno nell’ipotesi di elezione di domicilio presso il difensore d’ufficio.

Leggi dopo

Il falso c.d. valutativo è tuttora punibile

17 Novembre 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez.V, 13 novembre 2015_informazione provvisoria.pdf

Reati societari

La rilevanza penale degli enunciati valutativi non è da ritenersi esclusa a seguito delle modifiche apportate al dettato normativo dell’art. 2621 c.c. apportate dall’art. 9 della legge 69/2015.

Leggi dopo

Depenalizzazioni, sanzioni civili, contrasto al caporalato. I testi approvati dal Consiglio dei Ministri

17 Novembre 2015 | di Redazione Scientifica

Giudizio

Al Consiglio dei Ministri n. 90 del 13 novembre 2015 sono stati approvati una serie di testi di interesse per la materia penale. In particolare sono stati approvati, all’esame preliminare, due decreti legislativi in attuazione all’articolo 2, commi 2 e 3, della legge delega 67/2014.

Leggi dopo

Pagine