News

News

La Cassazione ribadisce che il concorso esterno in associazione mafiosa non è una creazione giurisprudenziale

11 Maggio 2016 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. II

Concorso esterno nei reati associativi

La Corte di cassazione ha ribadito che è manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale degli artt. 110 e 416-bis c.p., sollevata per asserito contrasto con gli artt. 25, comma 2, e 117 della Costituzione, quest’ultimo in riferimento all’art. 7 della Convenzione Edu, per violazione del principio di legalità, nella parte in cui le predette disposizioni codicistiche attribuiscono rilevanza penale alla fattispecie di c.d. concorso esterno in associazioni di tipo mafioso.

Leggi dopo

T.U. Stupefacenti: incostituzionale l’introduzione della norma sui “Provvedimenti a tutela della sicurezza pubblica”

10 Maggio 2016 | di Redazione Scientifica

Corte costituzionale

Droga (traffico di)

La Corte costituzionale con sentenza n. 94 del 20 aprile 2016, depositata il 6 maggio 2016 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 4-quater del d.l. 272/2016 , come convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della legge 21 febbraio 2006, n. 49, che introduce l’art. 75-bis del d.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309.

Leggi dopo

Sulla motivazione semplificata di sentenze penali, il decreto di Canzio

10 Maggio 2016 | di Redazione Scientifica

Corte di cassazione, 28 aprile 2016, decr. n. 68

Sentenza

Il 28 aprile 2016 è stato depositato il decreto del primo Presidente della Cassazione, Giovanni Canzio, n. 68, Provvedimento sulla motivazione semplificata di sentenze penali.

Leggi dopo

Pubblicazione della sentenza di condanna: per la Cassazione è meno afflittiva su quotidiano che su internet

09 Maggio 2016 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. II, 14 aprile 2016 (dep. 5 maggio 2016), n. 18728

Sentenza

La pubblicazione delle sentenza di condanna online si caratterizza per una maggiore afflittività rispetto alla pubblicazione su giornali cartacei.

Leggi dopo

L’“accordo”, anteriore al contratto, su condizioni di lavoro contrarie alla legge non salva il datore dalla condanna per estorsione

09 Maggio 2016 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. II, 14 aprile 2016 (dep. 5 maggio 2016), n. 18727

Estorsione

Integra il reato di estorsione anche la condotta del datore di lavoro che, anteriormente alla conclusione del contratto, impone al lavoratore ovvero induce il lavoratore ad accettare condizioni contrarie a legge ponendolo nell’alternativa di accettare quanto richiesto ovvero di subire il male minacciato.

Leggi dopo

Le Sezioni unite intimano lo stop (ma fino ad un certo punto) al captatore informatico

05 Maggio 2016 | di Leonardo Filippi

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

Dobbiamo attendere le motivazioni della sentenza Scurato, pronunciata in esito all’udienza del 28 aprile 2016 dalle Sezioni unite sull’intercettazione a mezzo di captatore informatico. Per ora si dispone soltanto dell’informazione provvisoria. La questione rimessa alle Sezioni unite era di fondamentale importanza e rischiava di stravolgere il ruolo che alle intercettazioni ha da sempre assegnato il legislatore italiano.

Leggi dopo

Le Linee guida della Procura di Napoli in tema di intercettazioni inutilizzabili o irrilevanti

04 Maggio 2016 | di Redazione Scientifica

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

Anche il procuratore della Repubblica di Napoli, il dott. Giovanni Colangelo, ha ritenuto necessario inviare ai magistrati dell’ufficio una direttiva avente ad oggetto i criteri direttivi in tema di intercettazioni inutilizzabili o irrilevanti nonché in tema di intercettazioni di conversazione del difensore.

Leggi dopo

Non è punibile chi commette furto per far fronte all’esigenza di alimentarsi

03 Maggio 2016 | di Redazione Scientifica

Cassazione penale, Sez. V, 7 gennaio 2016 (dep. 2 maggio 2016), n. 18248

Furto

La condizione dell’imputato e le circostanze in cui è avvenuto l’impossessamento della merce dimostrano che egli si impossessò di quel poco cibo per far fronte ad una immediata ed imprescindibile esigenza di alimentarsi, agendo quindi in stato di necessità.

Leggi dopo

Intercettazioni di conversazioni tra l’indagato e il suo difensore. Le linee guida della Procura di Roma

03 Maggio 2016 | di Redazione Scientifica

Intercettazione illecita di comunicazioni informatiche o telematiche

Dati i molteplici interventi della Corte di cassazione finalizzati a stabilire alcuni limiti all’operatività del divieto di cui all’art. 103, commi 3 e 5, c.p.p., il procuratore della Repubblica di Roma, il Dott. Giuseppe Pignatore, ha ritenuto necessario inviare alla polizia giudiziaria e ai magistrati d’ufficio alcuni criteri direttivi in tema di intercettazioni di conversazioni tra l’indagato e il suo difensore, finalizzati a uniformare l’attività dell’Ufficio e a contemperare le esigenze investigative e la garnzia della libertà del mandato difensivo.

Leggi dopo

Le Sezioni unite su: violazione art. 6 Cedu, braccialetto elettronico, sostituto difensore e intercettazioni con "trojan"

02 Maggio 2016 | di Redazione Scientifica

Ricorso per cassazione

Il 28 aprile 2016, le Sezioni unite si sono pronunciate su quattro importanti questioni che erano state loro rimesse e aventi ad oggetto: la rilevabilità d'ufficio o meno della questione relativa alla violazione dell'art. 6 Cedu; l'ammissibilità del ricorso in Cassazione presentato dal difensore cassazionista ma nominato quale sostituto dal difensore non cassazionista; se, data l'indisponibilità del c.d. braccialetto elettronico, debba applicarsi la misura della custodia cautelare in carcere ovvero quella degli arresti domiciliari; la possibilità di effettuare intercettazioni mediante c.d. captatore informatico anche nei luoghi di provata dimora.

Leggi dopo

Pagine