News

News

La riforma del processo penale è stata approvata dal Governo

02 Agosto 2021 | di Redazione Scientifica

Procedimento e processo

Il Consiglio dei Ministri, tenutosi il 29 luglio, su iniziativa del Ministro della Giustizia, Marta Cartabia, ha affrontato la riforma della giustizia penale decidendo di apportare alcune modifiche.

Leggi dopo

L’istanza di accelerazione non assicura la ragionevole durata dei processi

02 Agosto 2021 | di Giuseppe Marino

Corte cost., 24 giugn 2021 (dep. 30 luglio 2021), n. 175

Giusto processo

L’istanza di accelerazione prevista dalla c.d. legge Pinto, come modificata dalla legge n. 208/2015, quale facoltà dell’imputato e delle altre parti del processo penale, non rivela un’efficacia effettivamente acceleratoria del giudizio, atteso che questo, pur a fronte dell’adempimento dell’onere di deposito, può comunque proseguire e protrarsi oltre il termine di ragionevole durata, senza che la violazione dello stesso possa addebitarsi ad esclusiva responsabilità della parte.

Leggi dopo

Lecito il suicidio assistito se frutto dell’autodeterminazione del malato

28 Luglio 2021 | di Attilio Ievolella

Corte d'Assise di Genova

Istigazione (alla corruzione o al suicidio)

Confermata in secondo grado l’assoluzione per un uomo e una donna, finiti sotto processo per avere aiutato una persona malata, affetta da sclerosi multipla, a porre fine alla propria vita. Per i Giudici va riconosciuto il diritto al suicidio assistito se è frutto dell’autodeterminazione del malato a congedarsi da una esistenza che non è più in grado di apprezzare e che è divenuta esclusivamente indicibile sofferenza.

Leggi dopo

La dichiarazione di incostituzionalità dell'art. 13 della legge sulla stampa: la Corte costituzionale viene in soccorso all'inerzia del legislatore

28 Luglio 2021 | di Antonio D'Avirro

Corte cost.

Diffamazione

La condanna alla pena detentiva per i reati di diffamazione a mezzo stampa ha dato vita a un forte dibattito dell'opinione pubblica sull'opportunità di mantenere ancora in vita la sanzione detentiva in materia di libertà di espressione giornalistica, soprattutto alla luce di una serie ripetuta di sentenze della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo che hanno evidenziato come la condanna dei giornalisti a pena detentiva si riveli quanto meno una sanzione sproporzionata, anche se...

Leggi dopo

Udienza su Teams e nullità dell’interrogatorio di convalida

27 Luglio 2021 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. VI

Processo telematico

L’eventuale nullità dell’interrogatorio di convalida produce un riflesso diretto sul provvedimento di convalida, in quanto incide sul presupposto processuale di esso ex art. 391, comma 3, c.p.p. ed un riverbero solo indiretto sul provvedimento coercitivo, imponendo la celebrazione dell’interrogatorio di garanzia entro 5 giorni dall’esecuzione della custodia a norma dell’art. 294, comma 1, c.p.p. (che prescrive al giudice di procedere all’interrogatorio “se non vi ha proceduto nel corso dell’udienza di convalida dell’arresto o del fermo”), dovendosi equiparare l’interrogatorio nullo all’interrogatorio non celebrato.

Leggi dopo

La recidiva può essere riqualificata in appello con conferma della pena di prime cure?

27 Luglio 2021 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. II

Cass. pen., Sez. II, 4 maggio 2021 (dep. 22 luglio 2021), n. 28532.pdf

Recidiva

Il giudice di appello, dopo aver riqualificato la recidiva ed operato un suo ridimensionamento (per esempio, escludendo la recidiva specifica, ovvero quella infraquinquennale ovvero quella reiterata ovvero ancora tutte le recidive qualificate precedentemente ritenute) in accoglimento dei motivi proposti dall’imputato, può, senza incorrere nel divieto di "reformatio in peius", confermare la pena applicata in primo grado, ribadendo il giudizio di equivalenza tra le circostanze, purché questo sia accompagnato da adeguata motivazione.

Leggi dopo

Responsabilità civile dei magistrati: sempre obbligatoria l’azione disciplinare?

26 Luglio 2021 | di Renato Savoia

Corte Cost.

Responsabilità disciplinare dei magistrati

La Corte Costituzionale ha confermato la legittimità costituzionale della Legge Vassalli sulla responsabilità civile dei magistrati, ove prevede l’obbligo per il Tribunale investito dell’azione di risarcimento dei danni di trasmettere immediatamente gli atti al procuratore Generale presso la Corte di Cassazione, con alcuni distinguo.

Leggi dopo

Reddito di libertà per le donne vittime di violenza: il decreto in G.U.

26 Luglio 2021 | di Redazione Scientifica

D.P.C.M. 17 dicembre 2020

Maltrattamenti in famiglia o verso fanciulli

È stato pubblicato sulla G.U. n. 172 del 20 luglio scorso il d.P.C.M. 17 dicembre 2020 recante disposizioni in tema di reddito di libertà per le donne vittime di violenza. Il decreto prevede i criteri di riparto delle risorse del Fondo istituito mediante l’incremento del Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità ( art. 19, comma 3, d.l. n. 223/2006, conv. in l. n. 248/2006).

Leggi dopo

Per rivendicare le attenuanti nel giudizio d’appello, la doglianza non deve essere generica

23 Luglio 2021 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. V

Cass. pen., Sez. V, 10 giugno 2021 (dep. 19 luglio 2021), n. 27920.pdf

Appello

In tema di giudizio d’appello, la richiesta di riconoscimento delle attenuanti generiche può essere legittimamente effettuata anche soltanto mediante una memoria difensiva, senza necessità che già sia stata dedotta con i motivi d’impugnazione o con i motivi nuovi, dal momento che incombe sul giudice di merito il potere-dovere di riconoscere anche d’ufficio le dette attenuanti generiche ai sensi dell’art. 597, comma 5, c.p.p., ma ove la rivendicazione sia formulata in termini del tutto generici, la parte non potrà poi dolersi della mancata decisione in relazione ad esse...

Leggi dopo

Inapplicabile il c.d. decreto Ristori se il PM firma digitalmente il ricorso ma lo deposita in forma cartacea

22 Luglio 2021 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. III

Processo telematico

Il ricorso sottoscritto digitalmente ma depositato su supporto cartaceo, presso la cancelleria del Tribunale del riesame, da parte del PM, è inammissibile, in quanto costituisce una modalità non riconosciuta nel processo penale telematico.

Leggi dopo

Pagine