News

News

La stretta della Cassazione sul concetto di “privata dimora”

01 Agosto 2016 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. II

Rapina

In tutti i casi in cui difetti la possibilità di sottrarre un soggetto dalle ingerenze esterne, e per costui di esercitare il c.d. ius excludendi alios, non potranno ritenersi sussistenti i presupposti per configurarela circostanza aggravante connessa alla commissione del fatto in luoghi di privata dimora.

Leggi dopo

La Corte costituzionale dice no al principio di retroattività della legge più favorevole per gli illeciti amministrativi

28 Luglio 2016 | di Redazione Scientifica

Corte costituzionale, 6 luglio 2016 (dep. 20 luglio 2016), n. 193

Successione nel tempo di norme penali

Con la sentenza n. 193 del 2016, la Corte costituzionale, ha dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 1 della l. 689/1981, per contrasto con gli artt. 117 Cost., in relazione all'art. 7 Cedu e 3 Cost., nella parte in cui non prevede l'applicazione della legge successiva più favorevole agli autori di illeciti amministrativi.

Leggi dopo

Modifiche alla disciplina sul diritto all'interpretazione e alla traduzione nei procedimenti penali

27 Luglio 2016 | di Antonella Marandola

Atti (traduzione degli)

Il recente d.lgs. 23 giugno 2016, n. 129 contenente Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 32, recante attuazione della direttiva 2010/64/Ue sul diritto all'interpretazione e alla traduzione nei procedimenti penali adottato sulla base della delega contenuta nell’articolo 31, comma 5 della L. n. 234 del 2012 al fine di semplificare la disciplina del conferimento dell’incarico all’interprete e al traduttore, apporta delle modifiche a quel testo.

Leggi dopo

Viola il diritto di difesa il mancato avviso all’imputato della facoltà di richiedere la sospensione con messa alla prova

25 Luglio 2016 | di Redazione Scientifica

Corte cost. 6 luglio 2016 (dep. 21 luglio 2016), n. 201

Sospensione del procedimento con messa alla prova

La Corte costituzionale, con sentenza n. 201, depositata il 21 luglio 2016, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 460, comma 1, lett. e) c.p.p. nella parte in cui non prevede che il decreto penale di condanna contenga l’avviso della facoltà dell’imputato di chiedere mediante l’opposizione la sospensione del procedimento con messa alla prova.

Leggi dopo

Divieto di un secondo giudizio, la Corte costituzionale boccia la norma ma salva il processo Eternit

22 Luglio 2016 | di Redazione Scientifica

Corte cost., 31 maggio 2016 (dep. 21 luglio 2016), n. 200

Bis in idem (divieto)

La Corte costituzionale, con sentenza n. 200 depositata il 21 luglio 2016, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 649 c.p.p. (Divieto di un secondo giudizio) nella parte in cui esclude che il fatto sia il medesimo per la sola circostanza che sussiste un concorso formale tra il reato giudicato con sentenza divenuta irrevocabile e il reato per cui è iniziato il procedimento penale.

Leggi dopo

Contrasto al terrorismo. Approvati in via definitiva i nuovi reati

22 Luglio 2016 | di Redazione Scientifica

Terrorismo

Il 19 luglio 2016 la Camera dei deputati ha approvato in via definitiva una legge di ratifica di cinque diversi atti internazionale, volti al contrasto al terrorismo. Con tale legge vengono inoltre introdotti nel codice penale i delitti di finanziamento di condotte con finalità di terrorismo; sottrazione di beni o denaro sottoposti a sequestroe atti di terrorismo nucleare.

Leggi dopo

Sussiste il reato di molestia anche se le offese via sms sono reciproche

19 Luglio 2016 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. I, 5 maggio 2016 (dep. 23 giugno 2016), n. 26312

Contravvenzioni

Chiamata a pronunciarsi sul ricorso proposto da un soggetto condannato per i reati di ingiuria (art. 594 c.p.) e molestia e disturbo alle persone commesse per mezzo del telefono (art. 660, comma 1, c.p.) la Cassazione, sesta Sezione, ha affermato che la reciprocità delle offese, prevista come causa di non punibilità dall’art. 599, comma 1, c.p., non fa venir meno la contravvenzione contestata.

Leggi dopo

Prime applicazioni della sentenza Scurato

18 Luglio 2016 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. VI, 3 maggio (dep. 4 luglio 2016), n. 27404

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

La Corte di cassazione, Sez. VI, a pochi giorni di distanza dalla sentenza Scurato, fa applicazione dei principi di diritto ivi espressi. Chiamata a pronunciarsi sul un ricorso nel quale si lamentava l’errata applicazione della disciplina sulle intercettazioni ambientali in un procedimento per 416-bis c.p. la Cassazione si è espressa nel senso che nel caso di reati di criminalità organizzata, in ossequio al disposto del d.l. 152 del 1991, art. 13, l'utilizzo di intrusore informatico è sempre legittimo, a prescindere dalla specificazione del luogo in cui la captazione avviene.

Leggi dopo

Dall’Unione europea la prima direttiva sui diritti dei minori indagati o imputati

18 Luglio 2016 | di Glauco Giostra

Processo minorile

L’11 giugno scorso è entrata in vigore la direttiva 2016/800/Ue del Parlamento europeo e del Consiglio, Sulle garanzie procedurali per i minori indagati o imputati nei procedimenti penali, cui gli Stati membri dovranno dare attuazione entro tre anni. Si tratta della prima direttiva specificamente diretta a stabilire norme minime comuni sulla protezione dei diritti di minorenni inquisiti o ricercati, anche nell’intento di rafforzare la fiducia degli Stati membri nei sistemi giudiziari penali degli altri Stati membri e quindi di facilitare il riconoscimento reciproco delle decisioni in materia penale.

Leggi dopo

Se il giudice di merito subordina la sospensione condizionale ad un adempimento ante iudicatum può porvi rimedio il giudice di legittimità

13 Luglio 2016 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. V, 10 febbraio 2016 (dep. 28 giugno 2016), n. 26811

Sospensione condizionale della pena

La Cassazione penale, Sezione V, nella sentenza n. 26811 del 28 giugno 2016, ha accolto la censura, proposta dalla ricorrente, relativa alla subordinazione della concessione del beneficio al pagamento di una provvisionale da effettuarsi entro sei mesi dalla pronuncia della sentenza di primo grado.

Leggi dopo

Pagine