News

News su Carcere duro

Ergastolo ostativo incostituzionale: la Consulta dà un anno di tempo al Legislatore per intervenire

16 Aprile 2021 | di Redazione Scientifica

Carcere duro

La Corte costituzionale rinvia a maggio 2022 la trattazione delle questioni di legittimità sollevate dalla Corte di cassazione relative al regime applicabile ai condannati alla pena dell’ergastolo per reati di mafia e di contesto mafioso che non abbiano collaborato con la giustizia e che chiedano l’accesso alla liberazione condizionale.

Leggi dopo

Detenuti al 41-bis e COVID-19: sono ammessi i colloqui a distanza con i figli minorenni?

01 Aprile 2021 | di Giuseppe Marino

Corte cost., 9 marzo 2021 (dep. 31 marzo 2021), n. 57

Carcere duro

Il Tribunale per i minorenni è palesemente privo di qualsiasi competenza in materia di autorizzazione dei colloqui dei detenuti; competenza che non può essere in alcun modo fatta discendere da quella per la dichiarazione di decadenza dalla responsabilità dei genitori. Ne consegue l’inammissibilità della questione di legittimità...

Leggi dopo

Brevissime riflessioni random in tema di art. 41-bis ord. penit.

22 Marzo 2021 | di Giorgio Spangher

Carcere duro

Nato sulle ceneri dell’art. 90 ord. penit., l’attuale formulazione dell’art. 41-bis ord. penit., frutto delle successive modificazioni introdotte da l. n. 663 del 1986; d.l. n. 306 del 1992 conv. in l. n. 356 del 1992; l. n. 11 del 1998; l. n. 279 del 2002; l. n. 94 del 2009, presenta non poche criticità. Invero, uno strumento emergenziale...

Leggi dopo

Alla Consulta la quaestio della preclusione assoluta per l’ergastolano di accesso alla liberazione condizionale in assenza di collaborazione

22 Giugno 2020 | di Carmelo Minnella

Cass. pen., Sez. I, 3 giugno 2020 (dep. 18 giugno 2020), ord. n. 18518

Carcere duro

È rilevante e non manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale, in riferimento agli artt. 3, 27 e 117 Cost., delle norme che escludono per i condannati all’ergastolo, per i delitti commessi avvalendosi delle condizioni di cui all’art. 416-bis c.p. ovvero al fine di agevolare l’attività delle associazioni in esso previste, che non abbiano collaborato con la giustizia, l'ammissione alla liberazione condizionale.

Leggi dopo

Il regime “ostativo” alla rieducazione per i minorenni è incostituzionale

11 Dicembre 2019 | di Redazione Scientifica

Corte cost., 6 dicembre 2019 (ud. 5 novembre 2019), n. 263

Carcere duro

Con sentenza n. 263/2019, la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 2, comma 3 del d.lgs. n. 121/2018 in materia di Disciplina dell’esecuzione delle pene nei confronti dei condannati minorenni, in attuazione della delega di cui all’art. 1, commi 82, 83 e 85, lettera p), della legge 23 giugno 2017, n. 103, in relazione ai parametri costituzionali di cui agli artt. 76, 27, comma 3, e 31, comma 2, Cost....

Leggi dopo

Alla Consulta il divieto di “scambio” di oggetti nel medesimo gruppo di socialità tra detenuti al 41-bis ord. pen.

28 Ottobre 2019 | di Redazione Scientifica

Carcere duro

Con ordinanza n. 43436/2019, la Prima Sezione della Cassazione ha sollevato questione di legittimità costituzionale dell'art. 41-bis, comma 2-quater, lett. f) ord. pen., in relazione agli artt. 3 e 27 Cost., nella parte in cui prevede che siano adottate tutte le necessarie misure di sicurezza volte a garantire che sia assicurata la assoluta...

Leggi dopo

Legittimo il trattenimento della corrispondenza in entrata al detenuto 41-bis, anche se proveniente dal difensore

02 Settembre 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. I, 14 giugno 2019 (dep. 13 agosto 2019), n. 36041

Carcere duro

Secondo la Prima Sezione, con sentenza n. 36041, è legittimo, e, quindi, privo di censure, il provvedimento adottato dal Magistrato di Sorveglianza di Viterbo (e confermato dal Tribunale di Sorveglianza di Roma), con cui si è disposto il trattenimento di una missiva proveniente dal difensore di un detenuto sottoposto al regime di cui al 41-bis ord. pen.

Leggi dopo

Rimosso il divieto di ricevere stampa locale per il detenuto al 41-bis

22 Agosto 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. I, 13 giugno 2019 (dep. 6 agosto 2019), n. 35766

Carcere duro

l diritto a ricevere pubblicazioni della stampa periodica costituisce declinazione del più generale diritto a essere informati, a sua volta riconducibile alla libertà di manifestazione del pensiero, di cui costituisce una sorta di precondizíone; sicché esso trova una diretta copertura costituzionale negli artt. 2 e 21 Cost. (così Corte cost., n. 112/1993; Corte cost., n. 826/1988; Corte cost., n. 148/1981) e, a livello convenzionale, nell'art. 10 Cedu».

Leggi dopo

Il regime di 41-bis non può ostacolare alla detenzione domiciliare “in deroga”

11 Luglio 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. I, 7 maggio 2019 (dep. 5 luglio 2019), n. 29488

Carcere duro

Alla valutazione di applicabilità della detenzione domiciliare in deroga non può ritenersi di ostacolo né l’entità del residuo pena, né il titolo del reato in esecuzione, né tanto meno la attuale sottoposizione del ricorrente al regime differenziato di cui all’art. 41-bis ord. pen.

Leggi dopo

In assenza di una norma di legge non è possibile estendere il colloquio Skype al regime del 41-bis

21 Maggio 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. I, 22 marzo (dep. 16 aprile 2019), n. 16557

Carcere duro

In materia di corrispondenza telefonica, è illegittima, e, pertanto censurabile, l’estensione dell’uso di mezzi di comunicazione supportati dalla piattaforma Skype ai detenuti reclusi al regime di cui all’art. 41-bis ord. pen.: in assenza, infatti, di un’espressa previsione normativa...

Leggi dopo

Pagine