Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Autoriciclaggio con bitcoin: nuove impostazioni criminali e giurisprudenziali

28 Febbraio 2022 | di Ranieri Razzante

Cass. pen. sez. II,

Autoriciclaggio

Tra le caratteristiche del cyber crime che assicura, in questo caso, il provento da reato, vi è l'anonimato delle transazioni operate mediante bitcoin, fortemente attrattive anche a fronte dell'assenza di un sistema di controllo adeguato.Ciò assicura la limitata tracciabilità di tali operazioni la quale comporta di sostituire e trasferire profitti illeciti con ragionevole probabilità di passare indenni a prime indagini. È proprio per le sue caratteristiche essenziali che il bitcoin stesso può erigersi a strumento idoneo per porre in essere attività di riciclaggio...

Leggi dopo

REMS: urge una complessiva riforma di sistema

28 Febbraio 2022 | di Pierangelo Cirillo

C. cost.

Misure di sicurezza

La sentenza in commento affronta alcune rilevanti questioni inerenti alla costituzionalità delle norme che hanno portato alla graduale chiusura degli OPG e alla loro sostituzione con le REMS quali strutture per l'esecuzione delle misure di sicurezza detentive (OPG e CCC). Il processo di riforma è stato lento e graduale e ha avuto inizio con il DPCM del 1° aprile 2008, che ha previsto il passaggio alle Regioni delle competenze sanitarie attinenti agli OPG. Ulteriori fondamentali passaggi di tale articolato processo di riforma sono stati realizzati con la l. n. 9/12 (d.l. n. 211/2011), che ha previsto il completo superamento degli OPG e l'istituzione delle REMS, e la l. n. 81/2014 (d.l. n. 52/2014), che ha fissato nuovi e fondamentali principi in materia di mds detentive...

Leggi dopo

L’estensione dell’istituto della applicazione provvisoria alla detenzione domiciliare speciale

21 Febbraio 2022 | di Lorenzo Cattelan

Corte Costituzionale

Detenzione domiciliare

L’art. 47-quinquies, commi 1, 3 e 7, della legge 26 luglio 1975, n. 354 (recante Norme sull'ordinamento penitenziario e sull'esecuzione delle misure privative e limitative della libertà) è costituzionalmente illegittimo per violazione dell’art. 31 Cost., nella parte in cui non prevede che, ove vi sia un grave pregiudizio per il minore derivante dalla protrazione dello stato di detenzione del genitore...

Leggi dopo

La sola emissione della richiesta di rinvio a giudizio interrompe la prescrizione nei confronti della società

21 Febbraio 2022 | di Ciro Santoriello

Cass. pen., sez. IV,

Responsabilità degli enti

In tema di responsabilità da reato degli enti, la richiesta di rinvio a giudizio, in quanto atto di contestazione dell'illecito amministrativo, interrompe, per il solo fatto della sua emissione, la prescrizione e ne sospende il decorso dei termini fino al passaggio in giudicato della sentenza che definisce il giudizio, ai sensi degli artt. 59 e 22, commi 2 e 4, del d.lgs. 8 giugno 2001, n. 231

Leggi dopo

Limiti alla possibilità di pagamento in contanti, per una pubblica amministrazione, ma solo per motivi di interesse pubblico

16 Febbraio 2022 | di Ranieri Razzante

CGUE, Grande Sezione, 26 gennaio 2021, cause riunite C422/19 e C423/19

Antiriciclaggio

L’esperienza italiana del c.d. “cashback” ha confermato tutte le perplessità e, in questa sede, l’interpretazione delle Corti Superiori, in quanto la stessa Banca Centrale Europea, con due missive, indirizzate ai nostri Governi pro-tempore nel 2019 e nel 2020, aveva raccomandato di non istituire forme restrittive di pagamento con moneta cash se non giustificato (e dimostrabile) da ragioni di ordine e interesse pubblico. Su quest’ultimo profilo, però, come ampiamente noto, le direttive contro il riciclaggio, e le disposizioni italiane...

Leggi dopo

La Corte di cassazione sulla disciplina transitoria della riforma delle intercettazioni

07 Febbraio 2022 | di Luigi Giordano

Cass. pen., sez. VI,

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

L'art. 9 del d.lgs. n. 216/2017, come modificato dall'art. 1 del d.l. n. 161 del 2019 e art. 1 del d.l. n. 28 del 2020, secondo cui le norme che hanno riformato la disciplina delle intercettazioni si applicano ai procedimenti penali iscritti dopo il 31 agosto 2020, ha introdotto una deroga al principio generale del tempus regit actum...

Leggi dopo

Mandato d'arresto europeo e consegna dei residenti extracomunitari: la parola alla Corte di giustizia

07 Febbraio 2022 | di Guido Colaiacovo

Mandato di arresto europeo (MAE)

La Corte costituzionale chiede alla Corte di giustizia, in prima battuta, di chiarire se l'art. 4, punto 6, della direttiva 2002/584/GAI del Consiglio, del 13 giugno 2002, relativa al mandato d'arresto europeo e alle procedure di consegna tra gli Stati membri, interpretato alla luce dell'art. 1, paragrafo 3, della medesima decisione quadro e dell'art. 7 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, osti a una normativa, come quella italiana, che

Leggi dopo

Il (prossimo) futuro del processo penale telematico: dal progetto Cartabia al PNRR

24 Gennaio 2022 | di Paolo Grillo

Processo telematico

Uno dei punti nevralgici della riforma "Cartabia" è quello che impone, entro un anno dall'entrata in vigore della legge delega, l'adozione di uno o più decreti legislativi con cui le modifiche dovranno essere adottate. Tra queste un posto particolare è riservato al processo penale telematico. Il principio cardine che ispira le future norme dovrà essere quello della obbligatorietà dell'utilizzo di tecniche digitali per il deposito degli atti processuali. Quindi, nella mente del legislatore, si profila uno scenario in cui il rapporto di forza tra analogico e digitale si invertirà.

Leggi dopo

Intercettazioni e vincolo di continuazione tra reati: la Cassazione interviene sul regime di utilizzabilità

17 Gennaio 2022 | di Vittorio Bratti

Cass. pen., sez. V,

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

Secondo la disciplina applicabile ai procedimenti iscritti fino al 31 agosto 2020, antecedente alla riforma introdotta dal d.lgs. 29 dicembre 2017, n. 216, come modificato dal d.l. 30 aprile 2020, n. 28, convertito dalla l. 25 giugno 2020 n. 70, i risultati delle intercettazioni telefoniche autorizzate per un determinato fatto-reato sono...

Leggi dopo

Responsabilità medica: accertamento della colpa e profili di diritto intertemporale

14 Gennaio 2022 | di Vittorio Nizza

Cass. pen., sez. IV,

Colpa professionale

Nel reato di lesioni personali colpose riconducibili a responsabilità medica, la prescrizione inizia a decorrere dal momento dell'insorgenza della malattia "in fieri", anche se non ancora stabilizzata in termini di irreversibilità o di impedimento permanente.

Leggi dopo

Pagine