Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Appellabilità della sentenza di estinzione per condotta riparatoria nel giudizio dinanzi al giudice di pace

09 Settembre 2015 | di Lucia Randazzo

Cass. pen., Sez. un.

Giudice di pace

In tema di reati di competenza del giudice di pace non sussiste l’interesse della parte civile ad impugnare la sentenza dichiarativa dell’estinzione del reato ai sensi dell’art. 35 del d.lgs. n. 274/2000. La parte civile, qualora non ritenga esaustivo il risarcimento offerto, potrà adire comunque il giudice civile rispetto alla cui decisione, alla luce dei principi elaborati dalla giurisprudenza di legittimità, la pronuncia penale non avrà alcuna incidenza, in quanto la congruità del risarcimento, operata allo stato degli atti ai soli fini dell'estinzione del reato, lascia comunque impregiudicata la possibilità di un nuovo e completo accertamento circa l'esistenza e l'entità del danno in favore della persona offesa.

Leggi dopo

La diffamazione nell'era del social network

04 Settembre 2015 | di Vanessa Spaziani Testa

Cass. pen., Sez. I

Diffamazione

La diffusione di un messaggio con le modalità consentite dall’utilizzo di una bacheca facebook ha potenzialmente la capacità di raggiungere un numero indeterminato di persone. Pertanto, la condotta consistente nel postare un commento sulla bacheca facebook, ove tale commento sia offensivo, rientra nella tipizzazione cui al comma 3 dell’art. 595 c.p., stante l’idoneità del mezzo utilizzato a determinare la circolazione del commento tra un consistente numero di persone.

Leggi dopo

Il principio della pubblicità nelle procedure giudiziarie. Il cammino della Corte Costituzionale

03 Settembre 2015 | di Maria Mercedes Pisani

Corte Cost.

Convenzione europea dei diritti dell’uomo

La garanzia della pubblicità dei procedimenti giudiziari, sancita dall'art. 6, par.1,della Cedu, così come interpretato dalla Corte europea per i diritti dell'uomo, deve rappresentare una regola che ammette eccezioni solo in base a peculiari caratteristiche del caso concreto, oppure per procedure particolari di contenuto essenzialmente tecnico. Tali eccezioni, ammesse dai Giudici di Strasburgo, riguardano procedure che, comunque, contemplano una fase pubblica di discussione della causa portata in giudizio.

Leggi dopo

Responsabilità da sinistri stradali e malore improvviso del conducente ancora al vaglio della Cassazione

03 Settembre 2015 | di Sergio Beltrani

Cass. pen., Sez. IV

Caso fortuito e forza maggiore

In tema di omicidio colposo determinato dalla perdita di controllo di un autoveicolo, nel caso in cui venga prospettata dalla difesa dell'imputato la tesi del malore, il giudice di merito può correttamente disattenderla qualora manchino elementi concreti capaci di renderla plausibile e siano presenti elementi idonei a far ritenere che la perdita di controllo del veicolo sia stata determinata da un altro fattore non imprevedibile, che avrebbe dovuto indurre il conducente a desistere dalla guida.

Leggi dopo

Violazione degli obblighi di assistenza familiare: la prolungata detenzione non costituisce causa di forza maggiore ma esclude il dolo

03 Settembre 2015 | di Sergio Beltrani

Cass. pen., Sez. VI

Caso fortuito e forza maggiore

In tema di violazione degli obblighi di assistenza familiare, lo stato di prolungata detenzione dell'obbligato non può considerarsi una causa giustificativa del suo inadempimento dell'obbligo di prestare i mezzi di sussistenza, in quanto la responsabilità per l'omessa prestazione non è esclusa dall'indisponibilità dei mezzi necessari, quando questa sia dovuta, anche parzialmente, a colpa dell'obbligato ma può rilevare ai fini della verifica della sussistenza dell'elemento soggettivo del reato, consistente nella volontà cosciente e libera di sottrarsi, senza giusta causa, agli obblighi inerenti alla propria qualità.

Leggi dopo

Fattispecie applicative della misura del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa e esigenze di cautela della vittima

02 Settembre 2015 | di Viviana Torreggiani

Cass. pen., Sez. V

Divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa

L'art. 282-ter c.p.p. ha assunto una dimensione articolata in più fattispecie applicative, graduate in base alle esigenze di cautela del caso concreto; è compito del giudice del merito, pertanto, stabilire, in base alle concrete connotazioni assunte dalla condotta invasiva dell'agente, se questi debba tenersi lontano da luoghi determinati – in questo caso da indicare specificamente – ovvero se debba tenersi lontano, puramente e semplicemente, dalla persona offesa; e se una siffatta prescrizione debba essere accompagnata dal divieto di comunicare, anche con mezzi tecnici, con quest'ultima.

Leggi dopo

La portata del divieto di ne bis in idem rispetto alla sentenze non ancora irrevocabili

02 Settembre 2015 | di Marco Siragusa

Cass. pen., Sez. un.

Bis in idem (divieto)

In tema di divieto di un secondo giudizio, le situazioni di litispendenza che non trovino soluzione nell'ambito dei conflitti positivi di competenza di cui all'art. 28 c.p.p. devono essere risolte dichiarando nel secondo processo, l'impromovibilità dell'azione penale in virtù della preclusione fondata sul principio generale del ne bis in idem,

Leggi dopo

La portata confessoria degli atti compiuti dal pubblico ufficiale nell’esercizio delle funzioni

23 Agosto 2015 | di Claudio Papagno

Cass. pen., Sez. V

Confessione

Le relazioni di servizio redatte dal pubblico ufficiale - imputato per reati commessi nell’esercizio delle sue funzioni o con abuso delle stesse - e inerenti ai fatti per i quali si procede contro lo stesso pubblico ufficiale, non sono assistite da alcuna astratta presunzione di veridicità e possono essere acquisite e valutate, ai sensi dell’art. 237 c.p.p., come scritti provenienti dall'imputato e non ai sensi dell’art. 234 c.p.p. quale prova documentale

Leggi dopo

Omesso versamento di ritenute. Rapporto tra illecito tributario e illecito penale

16 Agosto 2015 | di Maria Teresa Trapasso

Cass. pen., Sez. un.

Concorso apparente di norme

Il reato di omesso versamento di ritenute certificate (art. 10-bis, d.lgs. 74/2000), che si consuma con il mancato versamento, per un ammontare superiore ad euro cinquantamila, delle ritenute complessivamente risultanti dalla certificazione rilasciata ai sostituiti, entro la scadenza del termine finale per la presentazione della dichiarazione annuale, non si pone in rapporto di specialità ma di progressione illecita con l’art. 13, comma 1, d.lgs. n. 471/1997, che punisce con la sanzione amministrativa l’omesso versamento periodico delle ritenute alla data delle singole scadenze mensili, con la conseguenza che al trasgressore devono essere applicate entrambe le sanzioni.

Leggi dopo

Identità digitale e sostituzione di persona

11 Agosto 2015 | di Luigi Cuomo

Cass. pen., Sez. V

Internet

Integra il delitto di sostituzione di persona (art. 494 c.p.) la condotta di colui che crea ed utilizza un "profilo" su social network, sfruttando abusivamente l'immagine di una persona del tutto inconsapevole.

Leggi dopo

Pagine