Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Se l'infermiere chiama il medico deve visitare il paziente: presupposti e limiti della responsabilità per rifiuto di atto d'ufficio

14 Maggio 2021 | di Angelo Salerno

Cass. pen, Sez. VI

Attività medico-chirurgica

Risponde del delitto di rifiuto di atto d'ufficio il medico che, durante il proprio turno di servizio, richiestone da parte di personale qualificato, quale quello infermieristico, rifiuti di visitare il paziente, a meno che non risulti impegnato in attività di assistenza sanitaria egualmente urgente e indifferibile...

Leggi dopo

È legittima la sostituzione del difensore con altro prontamente reperito all'udienza dinanzi il Tribunale di Sorveglianza?

13 Maggio 2021 | di Laura Piras

Cass. pen., Sez. I

Difesa e difensore

È nulla, per violazione del diritto di difesa, l'ordinanza emessa dal Tribunale di Sorveglianza all'esito di un'udienza, fissata secondo le modalità “da remoto”, che si sia svolta in assenza del difensore di fiducia dell'interessato che non abbia partecipato per un malfunzionamento del sistema di videoconferenza e sia stato sostituito illegittimamente da un difensore d'ufficio prontamente reperito...

Leggi dopo

I provvedimenti del giudice conseguenti alla sentenza di proscioglimento, per infermità di mente, dell'imputato sottoposto a misura cautelare

10 Maggio 2021 | di Pierangelo Cirillo

Corte Cost.

Misure di sicurezza

Non è fondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 300, comma 2, c.p.p., sollevata in riferimento all'art. 32 Cost., nella parte in cui, in caso di proscioglimento per infermità di mente dell'imputato in stato di custodia cautelare, subordina (mediante il rinvio all'art. 312 c.p.p.) l'applicazione provvisoria della misura di sicurezza alla previa richiesta del p.m...

Leggi dopo

La configurabilità dei reati di falso in relazione alle autodichiarazioni Covid-19

30 Aprile 2021 | di Lorenzo Cattelan

GUP Milano

GUP Milano, 12 marzo 2021.pdf

Falsità materiali ed ideologiche

Le false dichiarazioni contenute nel modulo di autocertificazione richiesto per giustificare i propri spostamenti in relazione alle misure di contenimento del contagio da Covid-19 non integrano la fattispecie di falsità ideologica del privato in atto pubblico ai sensi dell'art. 483 c.p. in quanto non è rinvenibile un atto pubblico con specifici effetti giuridici nel quale confluisca la dichiarazione del privato...

Leggi dopo

Violazione della normativa antinfortunistica e responsabilità dell'ente: l'interesse della società può configurarsi anche con una sola trasgressione

27 Aprile 2021 | di Ciro Santoriello

Cass. pen., Sez. IV

Responsabilità degli enti

In tema di responsabilità da reato delle persone giuridiche per il reato di lesioni colpose con violazione della normativa antinfortunistica, il criterio di imputazione oggettiva dell'interesse può sussistere anche in relazione a una trasgressione isolata dovuta a un'iniziativa estemporanea, senza la necessità di provare la natura sistematica delle violazioni antinfortunistiche...

Leggi dopo

Il “collage” della Cassazione sugli istituti dell’ispezione e dell’accertamento tecnico irripetibile in materia ambientale

21 Aprile 2021 | di Gennaro Iannotti

Cass. pen., Sez. III

Reati ambientali

La particolarità degli accertamenti richiesti in tema di reati ambientali richiede modalità operative talvolta particolarmente complesse, che giustificano l’adozione di provvedimenti articolati, i quali, facendo contemporaneo ricorso a più istituti disciplinati dal codice di rito, assicurino comunque le garanzie di difesa, garantendo, nel contempo, le esigenze investigative...

Leggi dopo

Assoluta autonomia fra impugnazione dell'ente e della persona fisica imputata

13 Aprile 2021 | di Ciro Santoriello

Cass. pen., Sez. IV

Impugnazioni (Disposizioni generali)

Nell'ambito del procedimento nei confronti delle persone giuridiche, l'art. 587, comma 1, c.p.p., che consente al coimputato non impugnante di partecipare al procedimento di impugnazione promosso da altro imputato, giovandosi della impugnazione di quest'ultimo, non attribuisce all'imputato non appellante un autonomo diritto a proporre ricorso per Cassazione, nell'ipotesi di mancato accoglimento dei motivi presentati dall'imputato ritualmente appellante...

Leggi dopo

Ancora in tema di captatore informatico: i limiti di impiego del Trojan tra questioni sostanziali e procedurali

12 Aprile 2021 | di Wanda Nocerino

Cass. pen., Sez. V

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

In tema di intercettazioni di conversazioni o comunicazioni mediante installazione di un captatore informatico (Trojan), la riforma introdotta dal d.lgs. n. 216/2017 si applica a far data dal 1° settembre 2020, con la conseguenza che i procedimenti in materia di criminalità organizzata iscritti anteriormente a tale data sono soggetti alla disciplina precedentemente in vigore, nel rispetto dei principi affermati dalla sentenza delle Sezioni Unite “Scurato” del 2016...

Leggi dopo

L'abuso della qualità dell'agente e il dissenso del soggetto passivo nei reati di violenza sessuale ed induzione indebita

09 Aprile 2021 | di Lorenzo Cattelan

Cass. pen., Sez. VI

Violenza sessuale

In tema di violenza sessuale, l'abuso di autorità presuppone una posizione di preminenza che l'agente strumentalizza per costringere il soggetto passivo a compiere o subire atti sessuali. Nell'induzione indebita a dare o promettere utilità, invece, l'abuso esercitato dal pubblico agente può alternativamente riguardare i suoi poteri, nel caso di prospettazione dell'esercizio delle potestà per scopi diversi da quelli leciti, ovvero la sua qualità, nel caso della strumentalizzazione della posizione rivestita all'interno della pubblica amministrazione...

Leggi dopo

Il cerchio si stringe intorno alla confisca urbanistica senza condanna: la Cassazione interviene su un caso di lottizzazione abusiva negoziale

07 Aprile 2021 | di Gennaro Iannotti

Cass. pen., Sez. III

Confisca (misura di sicurezza)

In presenza di una lottizzazione abusiva solo negoziale, il giudice del merito è tenuto ad accertare in fatto non solo se, sotto il profilo del principio di proporzionalità, la confisca costituisca l'unica misura idonea a ripristinare la conformità urbanistica dell'area interessata, ma anche se possano essere eventualmente adottate altre e meno invasive misure ripristinatorie...

Leggi dopo

Pagine