Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

I presupposti per la revoca della carcerazione preventiva ai tempi del Covid-19

19 Novembre 2020 | di Lorenzo Cattelan

Cass. pen., Sez. VI

Detenzione

La questione attinente alla pronuncia in commento si iscrive nel dibattito circa l'inquadramento del fenomeno pandemico provocato da Covid-19 tra i criteri valutativi rilevanti in una logica presuntiva oppure alla stregua di una prognosi postuma rispetto alla verifica della pericolosità cautelare dell'imputato.

Leggi dopo

Estorsione ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni: il giudice della nomofilachia traccia il sentiero ma il passo dell'interprete rimane incerto

18 Novembre 2020 | di Francesco Agnino

Cass. pen., Sez. Unite

Esercizio arbitrario delle proprie ragioni

Se i delitti di esercizio arbitrario delle proprie ragioni e quello di estorsione siano differenziabili sotto il profilo dell'elemento materiale ovvero dell'elemento...

Leggi dopo

Giudizio di rinvio in materia di misure cautelari personali: le Sezioni Unite intervengono sul dies a quo per la decisione

11 Novembre 2020 | di Marzia Minutillo Turtur

Cass. pen, Sez. unite,

Misure cautelari personali

Se, in tema di misure cautelari personali, nel caso di giudizio di rinvio a seguito di ordinanza che abbia disposto o confermato la misura, il termine di dieci giorni dalla ricezione degli atti previsto per la decisione dall'art. 311, comma 5–bis c.p.p., decorra dalla data dell'arrivo alla cancelleria...

Leggi dopo

Le Sezioni Unite definiscono l'abuso di autorità nel reato di violenza sessuale

02 Novembre 2020 | di Paolo Pittaro

Cass. pen., Sez. Unite,

Violenza sessuale

Nel delitto di violenza sessuale l'abuso di autorità, cui si riferisce l'art. 609-bis, comma 1, c.p., presuppone una posizione di preminenza non solo pubblicistica, ma anche di fatto e di natura privata, che l'agente strumentalizza per costringere il soggetto passivo a compiere o subire atti sessuali.

Leggi dopo

Colloqui tra privati e intercettazioni telefoniche: la Cassazione forza i limiti

02 Novembre 2020 | di Maria Simona Chelo

Cass. pen., Sez. II,

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

Qual è il regime di utilizzabilità delle registrazioni di conversazioni eseguite dal privato vittima di condotte estorsive o usurarie? Si può considerare un discrimine tra prova documentale “pura” e documentazione di attività d'indagine il fatto che la captazione del privato avvenga d'intesa con la polizia giudiziaria e con apparecchiature da questa fornite?

Leggi dopo

Sorveglianza speciale: poteri e doveri del tribunale nel procedimento per la verifica della persistenza della pericolosità sociale

30 Ottobre 2020 | di Corinna Forte

Cass. pen., Sez. II

Misure di prevenzione

Nel caso in esame, appare di prioritario rilievo dogmatico la ricostruzione del percorso argomentativo che conduce la Corte a chiarire in modo espresso il punto dei rapporti tra i due procedimenti che il codice antimafia contempla, attivabili entrambi in un momento successivo rispetto a...

Leggi dopo

Coronavirus: l'interrogatorio di garanzia della persona in misura cautelare personale durante il periodo di sospensione “di tutti i termini procedurali”

29 Ottobre 2020 | di Sebastiano Napolitano

Cass. pen., Sez. II,

Interrogatorio di garanzia

Se il procedimento incidentale previsto dall'art. 294 c.p.p. per l'interrogatorio di garanzia dell'indagato, nei cui confronti sia stata eseguita la misura cautelare personale, sia assimilabile al procedimento di convalida di arresto o fermo, in cui si svolge l'interrogatorio dell'indagato in vinculis, in misura pre-cautelare...

Leggi dopo

Come cambia l’associazione mafiosa: le nuove organizzazioni autonome dai clan mafiosi storicamente operanti sul medesimo territorio

26 Ottobre 2020 | di Gennaro Iannotti

Cass. pen., Sez. II,

Associazione di tipo mafioso o camorristico

Con riferimento alla nuova formazione in una realtà territoriale già interessata dalla presenza di “mafie storiche”, sussiste la necessità di riscontro probatorio della effettiva capacità di intimidazione del nuovo gruppo o è possibile lo sfruttamento di una condizione di assoggettamento ambientale già manifestatasi in precedenza?

Leggi dopo

Gli effetti della pandemia sul decorso dei termini di prescrizione: la parola alle Sezioni Unite (ma solo dopo la Corte Costituzionale)

22 Ottobre 2020 | di Angelo Salerno

Prescrizione del reato

La pandemia in atto ha determinato una serie di interventi volti a garantire, da un lato, la sicurezza degli operatori del diritto e, dall'altro, lo svolgimento delle attività giudiziarie improcrastinabili, determinando una paralisi dei procedimenti non urgenti con conseguente sospensione del termine di prescrizione dei reati ascritti agli imputati. Le norme emergenziali che hanno disposto tale sospensione sono state oggetto, di recente, di plurimi interventi della Corte di Cassazione...

Leggi dopo

Tardiva attuazione della direttiva sul sistema di indennizzo delle vittime di reati intenzionali violenti: la CGUE sulla responsabilità dell'Italia

15 Ottobre 2020 | di Carlotta Corsani

CGUE, Grande Sezione,

Cooperazione giudiziaria

La Corte di Giustizia è stata investita per l'interpretazione dell'art. 12 par 2 della direttiva 2004/80/CE del Consiglio, in relazione a due questioni pregiudiziali fra di loro collegate. Con la prima, il Giudice di legittimità italiano chiedeva alla Corte UE di dire se il diritto dell'Unione imponga di configurare la responsabilità risarcitoria...

Leggi dopo

Pagine