Focus

Focus

Accesso abusivo a un sistema informatico e telematico: un'analisi critica rispetto all'interpretazione giurisprudenziale

17 Dicembre 2020 | di Carlo Morselli

Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico

L'autore prende in esame, muovendo dal relativo dictum, una doppia (recente) pronuncia della Cassazione avente ad oggetto lo scrutinio dell'art. 615-ter c.p., comma 2, n. 1, la condotta dell'agente (per esempio, del pubblico ufficiale o dell'incaricato di un pubblico servizio che acceda o si mantenga nel sistema per ragioni ontologicamente estranee rispetto a quelle per le quali la facoltà di accesso gli è attribuita)...

Leggi dopo

Il sequestro probatorio dei dispositivi informatici: necessario contemperare esigenze investigative e principio di proporzionalità

10 Dicembre 2020 | di Cesare Parodi

Cass. pen., Sez. VI

Sequestro probatorio

Con riferimento ai mezzi di ricerca della prova, idonei a incidere su beni giuridici costituzionalmente tutelati, il principio di proporzionalità segna il limite entro il quale la compressione di un'istanza fondamentale per fini processuali risulta legittima...

Leggi dopo

Epopea dell'impiego della posta elettronica certificata nel procedimento penale

10 Dicembre 2020 | di Marzia Minutillo Turtur, Andrea Antonio Salemme

Cass. pen, Sez. I

Processo telematico

In tema di giudizio di cassazione, anche a seguito dell'introduzione dell'art. 24, comma 4, del d.l. n. 137/2020, in attesa di conversione, contenente disposizioni per contrastare l'emergenza da COVID-19, sono inammissibili i motivi nuovi di cui al combinato disposto degli artt. 311, comma 4 e 585, comma 4, c.p.p. trasmessi (nella specie dal pubblico ministero) mediante posta elettronica certificata (cd. PEC)...

Leggi dopo

La Cassazione moltiplica i mezzi di intercettazione ed esclude controlli sul virus trojan

04 Dicembre 2020 | di Leonardo Filippi

Cass. pen., Sez. V

Intercettazione illecita di comunicazioni informatiche o telematiche

Deludente la pronuncia della Corte di cassazione che ammette l'impiego di diversi mezzi di intercettazione nei confronti dello stesso soggetto ma, soprattutto, esclude il controllo del giudice e delle parti sull'operatore...

Leggi dopo

Seconda “ondata epidemica” e c.d. decreto ristori: nuove norme sul procedimento penale e dubbi interpretativi

03 Dicembre 2020 | di Riccardo Nerucci, Alessandro Trinci

Processo telematico

ll c.d. decreto Ristori, d.l. n. 137/2020, interviene sul procedimento penale per fronteggiare la seconda ondata di contagi da virus Covid-19, ricorrendo, ancora una volta, allo strumento del processo telematico...

Leggi dopo

Immigrazione e protezione internazionale: le modifiche introdotte dal d.l. 130/2020

30 Novembre 2020 | di Carlo Morselli

Decreto legge 21 ottobre 2020, n. 130

Stranieri

Nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica 21 ottobre 2020, n. 261 è stato pubblicato il decreto legge 21 ottobre 2020, n. 130, che ha introdotto, tra l'altro, modifiche in materia di immigrazione, ai procedimenti di protezione internazionale (e inserito nuove fattispecie di reati), oggetto d'analisi rebus sic stantibus, pendente il passaggio del decreto al Parlamento, per la sua conversione in legge.

Leggi dopo

Immigrazione e protezione internazionale: il d.l. 130/2020 disegna il volto di una “legislazione minima” ma manca un intervento di sistema

24 Novembre 2020 | di Carlo Morselli

Stranieri

Il decreto legge 21 ottobre 2020, n. 130 risale al ceppo della “legislazione minima” per synecdoche (pars pro toto), elucidabile in negativo, in richiamo e riferimento ai pregressi cc.dd. decreti sicurezza o decreti Salvini: il “novum “, paradossalmente, non è revisione, né riforma, neppure rimodulazione (le tre “r”). La matrice di tale riduzionismo è politica, nettamente: riposa sul rapporto di filiazione tra due Governi vincolati...

Leggi dopo

L'art. 24 del cd. decreto Ristori permette la presentazione di impugnazioni a mezzo PEC?

18 Novembre 2020 | di Luigi Giordano

Impugnazioni (Forma, spedizione, presentazione e notificazione)

L'indirizzo giurisprudenziale assolutamente consolidato esclude l'ammissibilità della spedizione di un atto di impugnazione a mezzo PEC, sulla base di una serie di argomenti che appare utile riassumere: la tassatività delle modalità di presentazione e di spedizione dell'impugnazione...

Leggi dopo

Emergenza Covid: riflessi penali del rischio clinico-organizzativo e responsabilità delle strutture sanitarie

17 Novembre 2020 | di Giuseppe Pavich

Attività medico-chirurgica

Indipendentemente dall'oggetto specifico delle diverse responsabilità collegate ai danni derivanti dall'emergenza sanitaria in atto, una delle questioni che si agitano attorno agli effetti dannosi della pandemia da COVID–19 è riferita all'individuazione dei soggetti responsabili...

Leggi dopo

L'appello penale pandemico: poche norme stravolgono il codice di rito

16 Novembre 2020 | di Marco Siragusa

Appello

Nel pieno della pandemia, dopo l'emanazione del decreto legge c.d. Ristori, con la decretazione d'urgenza del decreto legge c.d. Ristori bis sono entrate in vigore due norme destinate a stravolgere lo statuto del processo penale e, in particolare, dell'appello penale. Il nuovo appello pandemico pone a carico delle parti oneri la cui inosservanza “scarta” la trattazione dell'appello sui binari cartolari. In questo contributo cercheremo di prefigurare, con taglio pratico, gli scenari che si presenteranno nei prossimi giorni/mesi.

Leggi dopo

Pagine