Homepage

News News

Rovistare nei sacchetti della spazzatura e abbandonare quanto non interessa integra reato ex 639 c.p.

29 Giugno 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. II, 7 giugno 2018 (dep. 22 giugno 2018), n. 29018

Rifiuti

Integra il delitto di cui all'art. 639, comma 2, c.p. la condotta di chi, dopo aver rovistato nelle buste dei rifiuti conferiti in regime di raccolta differenziata, al fine di asportare quanto di suo interesse, rompa le buste che li contengono e asporti quanto a lui utile, abbandonando il resto sulla pubblica via, in ragione del pregiudizio ...

Leggi dopo
Focus Focus

Sequestro di persona a scopo di estorsione. Il contenuto del dolo specifico in rapporto al sequestro di persona a scopo di coazione

29 Giugno 2018 | di Gianluca Bergamaschi

Sequestro di persona

La questione verte sul fatto se, per aversi un sequestro di persona a scopo di estorsione, sia necessario che la pretesa, quale prezzo della liberazione del sequestrato, debba avere un contenuto economico-patrimoniale, ovvero sia sufficiente una qualsiasi utilità, considerato anche il raffronto con lo spesso negletto e dimenticato delitto di cui all'art. 3 della l. 718/1985 ...

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

La sanzione dell'inutilizzabilità ex art. 191 c.p.p. si applica anche quando la prova è a favore dell'imputato?

29 Giugno 2018 | di Federico Lucariello

Cass. pen., Sez. II,

Inutilizzabilità delle prove

Prendendo spunto dalla ritenuta inutilizzabilità anche in favore del reo delle dichiarazioni rese dallo stesso quando ancora non rivestiva formalmente la qualità di indagato, si analizzano i profili applicativi della predetta sanzione. Viene cioè scandagliata la questione se un atto inutilizzabile, favorevole all'imputato, possa trovare spazio nel fascicolo processuale ...

Leggi dopo
News News

Usura. Le Sezioni unite intervengono sulla rilevanza delle commissioni di massimo scoperto

28 Giugno 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. civ., Sez. unite, 27 febbraio 2018 (dep. 20 giugno 2018), n. 16303

Usura

Con ordinanza interlocutoria 20 giugno 2017, n. 15188, la Sez. I della Cassazione civile rilevava un contrasto tra la sua giurisprudenza e quella della Sez. II della medesima Corte sulla questione della rilevanza delle commissioni di massimo scoperto agli effetti del superamento del tasso soglia dell'usura, si cui all'art. 644, comma 3, primo periodo, c.p.

Leggi dopo
News News

Le S.U. sulle nuove disposizioni in tema di procedibilità: se il ricorso è inammissibile non è necessario avvisare la persona offesa

28 Giugno 2018 | di Redazione Scientifica

Querela

Il 21 giugno 2018 le Sezioni unite della Cassazione penale hanno affrontato le questioni, ritenute di speciale importanza, loro rimesse d'ufficio riguardanti la nuova disciplina del d.lgs. 10 aprile 2018, n. 36 – che ha previsto l'estensione della perseguibilità a querela per alcuni reati – e, specificamente, in relazione all'ambito applicativo del regime di diritto transitorio previsto dall'art. 12 del citato decreto e hanno affermato ...

Leggi dopo
Focus Focus

Terrorismo “domestico”: i problemi interpretativi connessi all'aggravante della finalità terroristica

28 Giugno 2018 | di Ferdinando Brizzi

Cass. pen. Sez. I

Terrorismo

Quanti si siano recentemente occupati del fenomeno terroristico hanno potuto constatare come l'attenzione della giurisprudenza e dottrina sia stata attirata soprattutto dalle vicende delle cellule islamiche operanti in Italia che si richiamano all'Isis: si è così “accantonata” l'attenzione al terrorismo “domestico”, tutt'ora attivo ed estremamente pericoloso.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Particolare tenuità del fatto tra abitualità, continuazione e condotte plurime

28 Giugno 2018 | di Alessandro Trinci

Cass. pen., Sez. VI,

Particolare tenuità del fatto

La causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto di cui all'art. 131-bis c.p. può essere dichiarata in presenza di più reati legati dal vincolo della continuazione? La commissione di plurime condotte naturalistiche perpetrate nel medesimo contesto spazio-temporale e con identità criminosa è sempre ostativa alla non punibilità per particolare tenuità del fatto? Sui rapporti tra reato continuato e particolare tenuità del fatto, la giurisprudenza si è soffermata più volte su ...

Leggi dopo
Focus Focus

La confisca senza condanna nel caso di sentenze di proscioglimento per prescrizione e di confisca urbanistica

27 Giugno 2018 | di Cristina Ingrao

Confisca (misura di sicurezza)

Il nostro ordinamento conosce diverse forme di confisca. In particolare, alla previsione codicistica di cui all'art. 240 c.p. ha fatto seguito, nel tempo, una proliferazione di ipotesi speciali di confisca tale da far venir meno l'unitarietà dell'istituto. A tal proposito, sempre più spesso si parla di “confische”, piuttosto che di “confisca al singolare” ...

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. La condizione di clandestinità dei lavoratori integra lo stato di bisogno

27 Giugno 2018 | di Chiara Fiandanese

Cass. pen., Sez. V,

Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro

Il delitto di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro è stato introdotto nel codice penale dal d.l. 138/2011 e modificato dalla l. 199/2016 (Disposizioni in materia di contrasto ai fenomeni del lavoro nero, dello sfruttamento del lavoro in agricoltura e di riallineamento retributivo nel settore agricolo).

Leggi dopo
La Bussola LA BUSSOLA

Collaboratori di giustizia

26 Giugno 2018 | di Andrea Alberico

Il fenomeno della collaborazione di giustizia, c.d. pentitismo, si inserisce nel contesto delle fattispecie premiali fondate sul comportamento post delictum. In particolare, il legislatore riconosce valore attenuante alla collaborazione (tanto quella sostanziale, che consiste nell'adoperarsi per evitare che l'attività criminosa prosegua, quanto quella investigativa/processuale, che si estrinseca nel rendere dichiarazioni etero accusatorie o nel consentire il rinvenimento di materiale probatorio) fornita dal reo e finalizzata a contrastare determinati fenomeni criminosi che si caratterizzano per il particolare allarme sociale che suscitano, ovvero per la difficoltà di contrasto da parte delle forze dell'ordine, sia nella fase investigativa che in quella repressiva.

Leggi dopo

Pagine