Homepage

Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Trasmissione di atti tra uffici giudiziari in allegato a mezzo Pec: qual è la data di ricezione?

11 Luglio 2018 | di Luigi Giordano

Cass. pen., Sez. V,

Notifiche telematiche

Nel caso in cui la trasmissione di atti tra uffici giudiziari – nella specie da parte dell’Autorità giudiziaria procedente al tribunale distrettuale del riesame – avvenga in formato digitale e, specificamente, per mezzo di Pec, il momento della ricezione va fissato in quello della ricezione del messaggio da parte dell’ufficio ricevente o ...

Leggi dopo
Quesiti Operativi Quesiti Operativi

Agente provocatore e operatività della scriminante dell’adempimento di un dovere

10 Luglio 2018 | di Catello Vitiello

Agente provocatore

L'agente di polizia giudiziaria che si serva illecitamente di un confidente per l'arresto degli spacciatori, con il consenso implicito e di fatto dei superiori, può invocare l'esimente di cui all'art. 51 c.p. quando agisce nel convincimento che sta svolgendo una attività lecita? La questione non è di semplicissima risoluzione perché entrano in gioco più criticità.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Colpa medica. I criteri per la valutazione della condotta del professionista

10 Luglio 2018 | di Carmine Gatto

Cass. pen., Sez. IV,

Colpa professionale

La Corte territoriale, nella sentenza di condanna, qualifica la condotta colposa dell'imputato come connotata da imprudenza escludendo che abbiano efficacia dirimente, ai fini dell'esonero di responsabilità, l'osservanza delle linee guida cui, secondo la difesa, si sarebbe attenuto il medico ...

Leggi dopo
News News

Nei confronti del parlamentare è configurabile solo la corruzione c.d. impropria

10 Luglio 2018 | di Redazione Scientifica

Corruzione

La VI Sezione (udienza 2 luglio 2018, notizia di decisione) ha affermato che «il parlamentare riveste la qualifica di pubblico ufficiale nello svolgimento sia dell’attività legislativa in senso stretto, sia delle attività parlamentari tipiche (disciplinate dalla legge e dai regolamenti della Camera di appartenenza) connesse all’attività legislativa o da essa, direttamente od indirettamente, discendenti».

Leggi dopo
Contrasti giurisprudenziali Contrasti giurisprudenziali

La legge penale applicabile nei casi in cui tra condotta ed evento entri in vigore una norma penale sfavorevole per l'imputato

09 Luglio 2018 | di Alessandra Rossi, Maurizio Riverditi

Cass. pen., Sez. IV,

Successione nel tempo di norme penali

Cass. pen., Sez. IV, con ordinanza n. 21286/2018 ha rimesso al Primo Presidente della Corte Suprema di cassazione un ricorso avente a oggetto la questione ritenuta oggetto di contrasto giurisprudenziale: Se, a fronte di una condotta interamente posta in essere sotto il vigore di una legge penale più favorevole e di un evento intervenuto nella vigenza di una legge penale più sfavorevole, debba trovare applicazione ...

Leggi dopo
La Bussola LA BUSSOLA

Riserva di codice

09 Luglio 2018 | di Sergio Beltrani

L'art. 1, comma 85, lettera q), della l. 103 del 2017, nel delegare al Governo la riforma dell'ordinamento penitenziario, prevedeva, tra i criteri direttivi, «l'attuazione, sia pure tendenziale del principio della riserva di codice nella materia penale, al fine di una migliore conoscenza dei precetti e delle sanzioni e quindi dell'effettività della funzione rieducativa della pena, presupposto indispensabile perché l'intero ordinamento penitenziario sia pienamente conforme ai princìpi costituzionali, attraverso l'inserimento nel codice penale di tutte le fattispecie criminose previste da disposizioni di legge in vigore che abbiano a diretto oggetto di tutela beni di rilevanza costituzionale, in particolare i valori della persona umana, e tra questi il princìpio di uguaglianza, di non discriminazione e di divieto assoluto di ogni forma di sfruttamento ...

Leggi dopo
News News

Le Sezioni unite sulla tutela del creditore cessionario in caso di sequestro e confisca

09 Luglio 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. unite, 31 maggio 2018 (dep. 3 luglio 2018), n. 29847

Confisca (misura di prevenzione)

Le Sezioni unite della Cassazione penale, chiamate a pronunciarsi sulla questione controversa «se la cessione, avvenuta dopo la trascrizione del provvedimento di sequestro o di confisca di prevenzione, del credito ipotecario insorto, determini o meno di per sé uno stato di mala fede in capo al nuovo titolare, come tale preclusivo dell’ammissibilità della sua ragione creditoria» ...

Leggi dopo
News News

Incostituzionale l’impossibilità per l’imputato di chiedere la messa alla prova in caso di circostanza aggravante risultante dal dibattimento

09 Luglio 2018 | di Redazione Scientifica

Corte cost., 21 marzo 2018 (dep. 5 luglio 2018), n. 141

Messa alla prova

La Corte costituzionale, sentenza n. 141 depositata il 5 luglio 2018, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 517 del codice di procedura penale, nella parte in cui, in seguito alla nuova contestazione di una circostanza aggravante ...

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Falso in bilancio. Momento consumativo, conti d’ordine, persone offese ed elemento soggettivo

06 Luglio 2018 | di Ciro Santoriello

Cass. pen., Sez. V,

Reati societari

La Cassazione finalmente pronuncia una decisione sul delitto di falso in bilancio senza affrontare il tema – già più volte venuto all’attenzione della Suprema Corte – della rilevanza penale delle valutazioni mendaci, ma soffermando su altri (pur importanti) profili di tale delitto ovvero l’individuazione del momento consumativo, la definizione dell’oggetto materiale del falso ...

Leggi dopo
Contrasti giurisprudenziali Contrasti giurisprudenziali

Sulla punibilità della falsità commessa su assegno bancario non trasferibile dopo il d.lgs. 7/2016

06 Luglio 2018 | di Rosa Pezzullo

Cass. pen., Sez. II

Delitti contro la fede pubblica

Se la falsità commessa su un assegno bancario munito della clausola di "non trasferibilità” rientra nella fattispecie descritta dall'art. 485 c.p. (rubricato "Falsità in scrittura privata" e oggi depenalizzata, a seguito dell'intervento del d.lgs. 7 del 2016) e non in quella – differente – della "Falsità in testamento olografo, cambiale o titoli di credito" (di cui all'art. 491 c.p., come riformulato dal medesimo d.lgs. 7 del 2016).

Leggi dopo

Pagine