News

Riciclaggio e finanziamento del terrorismo: in vigore la V direttiva dell’Unione europea

11 Luglio 2018 |

Direttiva Ue, 30 maggio 2018, n. 843

Antiriciclaggio

È entrata in vigore il 9 giugno 2018 la direttiva (Ue) 2018/843 del Parlamento europeo e del Consiglio del 30 maggio 2018 che modifica la direttiva Ue 2015/849 relativa alla prevenzione dell’uso del sistema e del sistema finanziario a fini di riciclaggio o finanziamento del terrorismo e che modifica le direttive 2009/138/Ce e 2013/36/Ue, pubblicata in Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, 19 giugno 2018.

A poco più di un anno dalla data stabilita per il recepimento della direttiva Ue 2015/849 (26 giugno 2017) si è reso necessario «adottare ulteriori misure volte a garantire la maggiore trasparenza delle operazioni finanziare, delle società e degli altri soggetti giuridici, nonché dei trust e degli istituti giuridici aventi assetto o funzioni affini a quelli dei trust (“istituti giuridici affini”), allo scopo di migliorare l’attuale quadro di prevenzione e di contrastare più efficacemente il finanziamento del terrorismo».

I recenti attentati terroristici hanno, infatti, evidenziato l’emergere di nuove tendenze in merito alle modalità con cui i gruppi terroristici finanziano e svolgono le proprie operazioni. Si tratta, in particolare, del ricorso a sistemi finanziari alternativi i quali risultano esclusi dall’ambito di applicazione del diritto dell’Unione europea o comunque beneficiano di deroghe all’applicazione di obblighi giuridici.

In tale contesto emerge, dunque, l’importanza dell’adozione di misure che consentano di affrontare il finanziamenti del terrorismo in maniera più efficace e globale, posto che l’infiltrazione dei mercati finanziari permette il finanziamento del terrorismo.

 

Le modifiche della direttiva Ue 2018/843 dovranno essere recepite dagli Stati membri entro il 10 gennaio 2019.

Leggi dopo