News

Illegittima, ma non illegale, la pena risultante dall'erronea applicazione del giudizio di bilanciamento tra circostanze eterogenee

 

La pena determinata a seguito dell'errata applicazione del giudizio di comparazione tra circostanze eterogenee concorrenti è illegale soltanto nel caso in cui essa ecceda i limiti edittali previsti dagli artt. 23 e ss., 65 e 71 e ss. c.p., oppure i limiti edittali previsti, per le singole fattispecie di reato, dalle norme incriminatrici che si assumono violate, a nulla rilevando il fatto che i passaggi intermedi che portano alla sua determinazione siano computati in violazione di legge.

Leggi dopo