Giurisprudenza commentata

Esegesi dell’art. 275, comma 4, c.p.p. con riferimento all’assoluta impossibilità della madre a dare assistenza prole

24 Settembre 2015 |

Cass. pen., Sez. VI

Custodia cautelare in carcere

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni | Guida all'approfondimento |

 

Ai fini dell’applicabilità del divieto di custodia cautelare in carcere nei confronti del padre di figli di età non superiore a sei anni, qualora la madre sia assolutamente impossibilitata a dare assistenza alla prole, l’assoluta impossibilità richiesta dall’art. 275, comma 4, c.p.p. va letta ed interpretata non con riferimento al soggetto chiamato a dare assistenza, bensì con riferimento al destinatario di detta assistenza, ossia al minore di età inferiore a sei anni, il cui processo evolutivo ed educativo potrebbe essere irrimediabilmente compromesso dalla mancanza di una valida ed efficace presenza di entrambi i genitori.

Leggi dopo