Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Delitto di inquinamento ambientale. Quali oneri per l’impresa?

15 Febbraio 2017 | di Mario Gebbia, Maurizio Bortolotto

Reati ambientali

Il Legislatore, con la legge 68/2015 ha introdotto nel codice penale il delitto di inquinamento ambientale (art. 452-bis c.p.), senza prevedere però nuovi precetti o oneri in capo alle imprese. Quali conseguenze se, l’attività "legale" dell’impresa è causa di inquinamento? Alla luce della struttura del nuovo delitto di inquinamento, si può ritenere che ...

Leggi dopo

L’acquisizione di dati con modalità diverse da quelle autorizzate

03 Febbraio 2017 | di Maria Milia

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

È possibile utilizzare le registrazioni di conversazioni telefoniche effettuate nel corso dello svolgimento di intercettazioni ambientali regolarmente autorizzate? Ed il contrario? Per quanto attiene alla primo quesito, si ritiene che la prova acquisita captando conversazioni telefoniche in costanza di un’autorizzazione ambientale (disposta secondo le modalità imposte dal codice di rito) ...

Leggi dopo

I documenti da allegare all'istanza per l'ammissione al patrocinio a spese dello Stato

31 Gennaio 2017 | di Marco Galati

Patrocinio a spese dello Stato

Quali documenti occorre allegare all'istanza di ammissione al gratuito patrocinio per dimostrare il reale stato di non abbienza dell'interessato nel caso in cui lo stesso abbia numerosi precedenti penali relativi a delitti contro il patrimonio? La Cassazione è ferma nel richiedere le c.d. allegazioni adeguate per dimostrare il reale stato di non abbienza necessario per essere ammesso al patrocinio a spese dello stato. La suprema Corte ritiene, infatti, che a tal fine vadano tenuti in considerazione anche i redditi non dichiarati in quanto provento di ...

Leggi dopo

Annullamento senza rinvio e patteggiamento. Il rito speciale è riproponibile?

26 Gennaio 2017 | di Antonella Marandola

Patteggiamento

Dopo che la Cassazione ha disposto l’annullamento, senza rinvio, della sentenza di patteggiamento determinato dall’illegalità della pena, le parti possono riproporre il rito alternativo?

Leggi dopo

Riconoscimento delle sentenze penali straniere e statuizioni civili

24 Gennaio 2017 | di Alfonso Scermino

Riconoscimento delle sentenze penali straniere

Quali sono le conseguenze del riconoscimento di una sentenza penale straniera per gli effetti civili? Quali le conseguenze, inoltre, in tema di competenza territoriale? La Corte di cassazione, con sentenza n. 14041 del 2 ottobre 2014, è intervenuta dettando importanti principi orientativi, concernenti le modalità di riconoscimento delle sentenze penali straniere all’interno del nostro ordinamento.

Leggi dopo

Il furto in abitazione o con strappo e l’attenuante della tenuità del danno

20 Gennaio 2017 | di Viviana Torreggiani

Furto

L’attenuante di cui all’art. 62 n. 4 c.p. trova applicazione anche all’ipotesi di furto in abitazione e furto con strappo (art. 624-bis c.p.)? La circostanza attenuante comune di cui all’art. 62, n. 4) (che corrisponde all’aggravante prevista dall’art. 61, n. 7) è applicabile a tutti i delitti (non anche alle contravvenzioni) che comunque offendono il patrimonio ...

Leggi dopo

Opposizione alla richiesta di archiviazione fondata su deduzioni soggettive del P.M.

13 Gennaio 2017 | di Viviana Torreggiani

Archiviazione

Quali sono i limiti dell'opposizone all'archiviazione nel caso in cui il pubblico ministero abbia ignorato le indagini indicate nell'atto di querela dalla persona offesa e non vi siano diversi elementi di prova da indicare quali indagini supplettive? La ratio dell'art. 410 c.p.p., come desumibile dalle pronunce della suprema Corte, attribuisce alla persona offesa il diritto al contraddittorio esclusivamente in ordine alla completezza delle indagini potendo indicare nuovi ambiti di indagine e nuove prove, mentre resta precluso il diritto ...

Leggi dopo

“Repliche formali” e giusto processo

10 Gennaio 2017 | di Ettore Randazzo

Giusto processo

Le cosiddette finte repliche, di cui si avvalgono i giudici che non decidono dopo la discussione rinviando di qualche mese, sono in linea con i principi del giusto processo? Caro lettore, il quesito qui posto è tra i più importanti e trascurati della fase decisionale. Le finte repliche, che i giudici quando se ne avvalgono preferiscono chiamare repliche formali, vengono sempre più utilizzate, specie nei processi non semplici, per decidere qualche mese dopo la discussione. Ad esse si ricorre quando non si conosce abbastanza il processo, o non c'è tempo per soffermarsi in camera di consiglio, o altre ragioni non sempre note.

Leggi dopo

Il rigetto dell’istanza di affidamento in prova in casi particolari

04 Gennaio 2017 | di Lucia Randazzo

Affidamento in prova al servizio sociale

Quando il tribunale di sorveglianza può respingere l'istanza di affidamento in prova in casi particolari ai sensi dell'art. 94 d.P.R. 309/1990? L'art. 94 d.P.R. 309 del 1990 prevede che, pur in presenza delle certificazioni previste, il Tribunale possa respingere l'istanza di affidamento in prova in casi particolari in due ipotesi ...

Leggi dopo

L'interrogatorio di garanzia nei confronti di cittadino straniero alloglotta

30 Dicembre 2016 | di Daniele Caprara

Interrogatorio di garanzia

Cosa accade se l'interrogatorio si svolge nei confronti di straniero che non comprenda la lingua italiana?

Leggi dopo

Pagine