Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Incidente stradale e concorso di colpa della vittima

31 Maggio 2017 | di Viviana Torreggiani

Circolazione stradale

La penale responsabilità dell'automobilista che, tamponando con il proprio autoveicolo sulla strada pubblica un trattore agricolo, causa lo sbalzamento del conducente di tale mezzo ed il conseguente suo decesso, può ritenersi affievolita per il mancato utilizzo della cintura di sicurezza da parte della vittima? (Sussiste in altri termini l'obbligo per i conducenti di trattori agricoli circolanti su strada, alla stregua della normativa vigente, di utilizzare le cinture di sicurezza?) Occorre premettere che l'obbligo di dotare le macchine agricole delle cinture di sicurezza è stato introdotto dal d.lgs 81/2008 ...

Leggi dopo

Rinnovo della richiesta di giudizio abbreviato condizionato a seguito di rigetto

29 Maggio 2017 | di Roberto Bertuol

Giudizio abbreviato

È possibile ottenere all'esito del giudizio ordinario la diminuzione di un terzo della pena prevista in caso di condanna a seguito di giudizio abbreviato anche nel caso di rigetto della richiesta di rito abbreviato condizionato da parte del Gup, reiterata all'inizio del successivo dibattimento, ma in tale sede nuovamente rigettata? A mente del dell'art. 438, comma 5, c.p.p. l'imputato può presentare la richiesta di definizione del processo allo stato degli atti, subordinandolo ad un'integrazione probatoria ritenuta necessaria ai fini della decisione, purchè ...

Leggi dopo

Diritto di querela e amministrazione di sostegno

26 Maggio 2017 | di Andrea Lazzoni

Querela

Un amministratore di sostegno può sporgere valida querela per l'amministrato senza previa autorizzazione del giudice tutelare ? La risposta al quesito, nei termini proposti, deve essere negativa: posto che la querela viene inclusa tra gli atti personalissimi, il relativo diritto resta riservato alla persona offesa dal reato anche quando la sua capacità giuridica risulti affievolita a seguito della nomina dell'amministratore di sostegno. Tuttavia ...

Leggi dopo

Utilizzabilità delle indagini avvenute dopo l'avviso di conclusione ex art. 415-bis c.p.p.

23 Maggio 2017 | di Maria Milia

Indagini preliminari

Sono utilizzabili le indagini compiute successivamente all’emissione da parte del pubblico pinistero dell’avviso di conclusione delle indagini? E quelle svolte, o il cui esito è pervenuto, quando il termine di indagine era ormai scaduto? Quanto al primo quesito, va osservato che l’emissione del provvedimento di cui all’art. 415-bis c.p.p. dovrebbe segnare il momento conclusivo delle investigazioni preliminari, costituendo espressione delle determinazioni del pubblico ministero in ordine all’esercizio dell’azione penale ai sensi dell’art. 405 c.p.p. ...

Leggi dopo

L'interrogatorio di garanzia e l'interdizione dai colloqui con il difensore

17 Maggio 2017 | di Daniele Caprara

Interrogatorio di garanzia

Cosa accade nel caso di interdizione dei colloqui della persona sottoposta a custodia cautelare disposta dal pubblico ministero? Gli eventuali vizi del provvedimento di interdizione dei colloqui della persona sottoposta a cautela con il difensore, determina una violazione del diritto all'assistenza fuori dai casi di presenza obbligatoria del difensore: quindi una nullità ...

Leggi dopo

Patrocinio a spese dello Stato. Il trattamento di favore per il difensore d’ufficio del minore

16 Maggio 2017 | di Viviana Torreggiani

Spese di giustizia e compensi dei difensori

Il difensore d’ufficio del minore, una volta che questi abbia raggiunto la maggiore età, può ottenere la liquidazione del proprio compenso per l’attività prestatagli ex art. 118 d.P.R. n. 115/2002 (T.U.S.G.) ? L’art. 118 d.P.R. n. 115/2002, riserva un trattamento di favore al difensore d’ufficio del minore, esonerandolo sia dalla necessità di attivare la procedura per l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato, sia dalla necessità di dimostrare “di aver esperito inutilmente le procedure per il recupero dei crediti professionali”, prevista dall’art. 116 per il difensore d’ufficio di persona maggiorenne.

Leggi dopo

Reato continuato e valutazione delle circostanze

11 Maggio 2017 | di Vanessa Spaziani Testa

Circostanze del reato

Le circostanze, in presenza di una fattispecie continuata, vanno valutate in relazione ad ogni singolo reato oppure al complesso dei fatti illeciti avvinti dal vincolo della continuazione? A lungo ci si è chiesti se, nel caso di reato continuato, la sussistenza delle circostanze andasse vagliata con riferimento ai singoli episodi criminosi oppure alla fattispecie continuata nel suo complesso. La problematica è evidentemente legata a filo doppio alla vexata quaestio della natura unica o plurima del reato continuato ...

Leggi dopo

La confisca di beni appartenenti ad una persona giuridica

09 Maggio 2017 | di Ciro Santoriello

Confisca (misura di prevenzione)

È possibile procedere a confisca per equivalente di un bene di proprietà di una persona giuridica per un reato commesso dal suo amministratore? Non è raro che un illecito penale sia commesso da una persona fisica ma nell'interesse di un terzo ed in particolare nell'interesse di una società di cui il soggetto responsabile del reato sia l'amministratore ...

Leggi dopo

Vittima di usura vende immobile al suo “creditore”. Quali azioni per riacquisire la proprietà nel procedimento penale?

04 Maggio 2017 | di Leonardo Marino, Alessandro Rampello

Usura

Un debitore – in seguito parte offesa dal reato di usura – viene indotto dal creditore – in seguito imputato del reato di cui all'art. 644 c.p. – a trasferirgli, quale corrispettivo dei vari prestiti erogati, la proprietà di un immobile, contro il versamento di un prezzo notevolmente inferiore (pur considerando l'ammontare dei suddetti prestiti) al valore di mercato. Nel corso delle indagini l'immobile viene sottoposto a sequestro preventivo ...

Leggi dopo

Il provvedimento di autorizzazione delle intercettazioni. Quando è permessa la motivazione per relationem?

03 Maggio 2017 | di Maria Milia

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

É ammessa la motivazione per relationem del provvedimento di autorizzazione delle operazioni di intercettazione? In applicazione dell’orientamento espresso dalle Sezioni unite della Suprema Corte sulla motivazione “per relationem” di un provvedimento giudiziale, anche il decreto autorizzativo motivato per relationem si ritiene valido ...

Leggi dopo

Pagine