News

News

Caso Peveri. La Cassazione torna sulla definizione del dolo alternativo

12 Luglio 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. I, 15 febbraio (dep. 2 luglio 2019), n. 28794

Dolo

Con la sentenza n. 28794, la Prima Sezione ha affrontato la questione della qualificazione del dolo diretto, nella forma di dolo alternativo, rispetto agli eventi di lesioni o morte del soggetto passivo. Nel caso di specie, il Supremo Collegio ha valorizzato il tipo di arma utilizzata (un fucile a pompa), la micidialità del suo funzionamento...

Leggi dopo

Il regime di 41-bis non può ostacolare alla detenzione domiciliare “in deroga”

11 Luglio 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. I, 7 maggio 2019 (dep. 5 luglio 2019), n. 29488

Carcere duro

Alla valutazione di applicabilità della detenzione domiciliare in deroga non può ritenersi di ostacolo né l’entità del residuo pena, né il titolo del reato in esecuzione, né tanto meno la attuale sottoposizione del ricorrente al regime differenziato di cui all’art. 41-bis ord. pen.

Leggi dopo

Tanto rumore per nulla (…o peggio). La riforma del processo penale prende forma

11 Luglio 2019 | di Antonella Marandola

Procedimento e processo

La tanto attesa e annunciata legge delega di riforma del processo penale finalizzata alla semplificazione, speditezza e razionalizzazione dell’iter processuale pare finalmente prendere forma. A dispetto di quello che si prevedeva e, soprattutto, si auspicava...

Leggi dopo

Cannabis sativa L. Le motivazioni delle Sezioni Unite sul divieto di commercializzazione

11 Luglio 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. Unite, 30 maggio 2019 (dep. 10 luglio 2019), n. 30475

Droga (traffico di)

La cessione, la vendita e, in genere, la commercializzazione al pubblico dei derivati della coltivazione di cannabis sativa L, quali foglie, inflorescenze, olio, resina, sono condotte che integrano il reato di cui all’art. 73, d.P.R. n. 309/1990, anche a fronte di un contenuto di THC inferiore a...

Leggi dopo

Ammissibile l’impugnazione della parte civile contro pronuncia dichiarativa della prescrizione

10 Luglio 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sezioni Unite, 28 marzo 2019 (dep. 3 luglio 2019), n. 28911

Impugnazioni

Nei confronti della sentenza di primo grado che dichiari l’estinzione del reato per intervenuta prescrizione, così come contro la sentenza di appello che tale decisione abbia confermato, è ammessa l’impugnazione della parte civile che lamenti l'erronea applicazione della prescrizione.

Leggi dopo

Le pene accessorie di durata non fissa devono essere determinate dal giudice

08 Luglio 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. unite, 28 febbraio 2019 (dep. 3 luglio 2019), n. 28910

Reati fallimentari

Le pene accessorie per le quali la legge indica un termine di durata non fissa, devono essere determinate in concreto dal giudice in base ai criteri di cui all'art. 133 c.p. Con la sentenza, le Sezioni Unite della Cassazione superano il proprio precedente orientamento espresso nella pronuncia n. 6240/2015. La Corte d’appello, in parziale riforma della sentenza del Giudice dell’udienza preliminare, confermava il giudizio di responsabilità formulato a...

Leggi dopo

Il rifiuto del difensore d’ufficio all’elezione di domicilio non sempre impedisce la notifica ex art. 161, comma 4, c.p.p

05 Luglio 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. II, 3 maggio 2019 (dep. 25 giugno 2019), n. 27935

Notificazioni

Sulla premessa che è facoltà dell’imputato quella di dichiarare o eleggere domicilio ai sensi dell’art. 161, comma primo, cod. proc. pen., è però anche onere dell’individuo che ha provveduto alla elezione di domicilio, quello di conservare, entro il limite della esigibilità della condotta diligente...

Leggi dopo

Caso Sea Watch 3: adempimento di un dovere e obblighi internazionali

04 Luglio 2019 | di Redazione Scientifica

Trib. Agrigento

Misure cautelari personali

Con ordinanza del GIP del Tribunale di Agrigento, si chiude – per ora – il primo “capitolo” della Sea Watch 3: il 2 luglio, il GIP non ha convalidato l’arresto di Carola Rackete, eseguito dalla Guardia di Finanza il 29 giugno 2019, e ha rigettato la richiesta di misura cautelare emessa dal Pubblico Ministero di Agrigento il 30 giugno 2019, in relazione al divieto di dimora nella provincia di Agrigento.

Leggi dopo

Sospensione dell’ordine di esecuzione in data antecedente alla legge anticorruzione: vige il principio del tempus regit actum

03 Luglio 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. I, 3 maggio 2019 (dep. 6 giugno 2019), n. 25212

Corruzione

La sopravvenienza normativa che aumenta il novero di delitti di cui al catalogo contenuto nell'art. 4-bis ord. pen., richiamato dall'art. 656 c.p.p., comma 9, ai fini del divieto di sospensione dell'ordine di esecuzione, non può comportare la revoca della sospensione già disposta e il mutamento delle regole per la eventuale concessione delle misure alternative richieste.

Leggi dopo

Misure di prevenzione e obbligo di soggiorno: autorizzazione ad allontanarsi solo per gravi e comprovati motivi di salute o di famiglia

01 Luglio 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. II, 12 marzo 2019 (dep. 24 luglio 2019), n. 27846

Misure di prevenzione

Con la sentenza n. 27846/2019, la Seconda Sezione ha confermato il principio di diritto già espresso in altri arresti (v. Cass. pen., Sez. II, n. 38825 del 28 aprile 2017), per cui, in tema di misure di prevenzione, alla persona, sottoposta alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno in un determinato comune, può essere concessa l'autorizzazione ad allontanarsene solo quando ricorrono gravi e comprovati motivi di salute o di famiglia.

Leggi dopo

Pagine