News

News

È incostituzionale non permettere alla madre detenuta per reati ostativi l’assistenza all’esterno del figlio

27 Luglio 2018 | di Redazione Scientifica

Corte cost. 4 luglio 2018 (dep. 23 luglio 2018), n. 174

Detenute madri

La Corte costituzionale (sent. 4 luglio 2018 – dep. 23 luglio 2018, n. 174) ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 21-bis ord. pen., «nella parte in cui, attraverso il rinvio al precedente art. 21, con riferimento alle detenute condannate alla pena della reclusione per uno dei delitti di cui all’art. 4-bis, commi 1, 1-ter e 1-quater,della legge 354/1975, non consente l’accesso all’assistenza dei figli...

Leggi dopo

La rapina in un luogo di privata dimora configura un reato complesso

25 Luglio 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. II, 1 giugno 2018 (dep. 9 luglio 2018), n. 30950

Rapina

Con l’inserimento, da parte della legge 94/2009, dell’aggravante di cui al comma 3, n. 3-bis dell’art. 628 c.p. – per il fatto commesso nei luoghi di cui all’art. 624-bis o in luoghi tali da ostacolare la pubblica o privata difesa – l’introduzione in un edificio o altro luogo destinato a privata dimora ...

Leggi dopo

Milleproroghe: rinviata l’attuazione della disciplina sulle intercettazioni e sospese le norme sul dibattimento a distanza

25 Luglio 2018 | di Redazione Scientifica

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

Il Consiglio dei Ministri, in data 24 luglio 2018, ha approvato in via definitiva il testo del decreto legge proroga termini (c.d. milleproroghe). Il decreto, all’art. 2, comma 1, posticipa al 31 marzo 2019 l’operatività della nuova disciplina delle operazioni di intercettazione introdotta con il d.lgs. 216/2017, in attuazione della legge delega contenuta nella l. 103/2018, al fine di completare le complesse misure organizzative in atto per l’attuazione delle nuove norme ...

Leggi dopo

Le decisioni delle S.U. in tema di falsità su assegno bancario e successione di norme penali nel tempo

24 Luglio 2018 | di Redazione Scientifica

Delitti contro la fede pubblica

Il 19 luglio 2018 le Sezioni unite della Cassazione di penale, in camera di consiglio, hanno risolto alcune questioni controverse loro rimesse ed hanno affermato i seguenti principi di diritto: 1) la falsità commessa su assegno bancario munito della clausola di non trasferibilità rientra nella fattispecie descritta dall’art. 485 c.p., oggi abrogata a seguito dell’intervento del d.lgs. 7/2016. 2) A fronte di una condotta interamente posta in essere sotto il vigore di una legge penale più favorevole e di un evento intervenuto ...

Leggi dopo

Art. 656 c.p.p. La Cassazione rilegge la norma alla luce della dichiarazione di illegittimità costituzionale

23 Luglio 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. I, 2 luglio 2018 (dep. 20 luglio 2018), n. 34427

Esecuzione dei provvedimenti giurisdizionali

La Cassazione penale, Sez. I, con sentenza n. 34427, depositata il 20 luglio 2018, si è pronunciata in tema di esecuzione delle pene detentive e ha affermato che: «a seguito della sentenza della Corte costituzionale n. 41 del 2018, relativa alla declaratoria di illegittimità costituzionale dell’art. 656 c.p.p. ove il condannato ...

Leggi dopo

Concordato in appello. Ricorso in Cassazione solo per i motivi non rinunciati

20 Luglio 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. II,1 giugno 2018 (dep. 9 luglio 2018), n. 30990

Concordato in appello

Deve essere dichiarato inammissibile il ricorso per cassazione proposto, avverso la sentenza pronunciata in sede di concordato in appello, per violazione di legge e vizio di motivazione: le uniche doglianze proponibili sono quelle aventi a oggetto la formazione della volontà della parte di accedere al concordato in appello ...

Leggi dopo

Divieto di concessione di benefici penitenziari. L’art. 58-quater ord. pen. torna sotto la lente della Corte costituzionale

17 Luglio 2018 | di Redazione Scientifica

Misure alternative alla detenzione

La I Sezione penale della Corte di cassazione, chiamata a stabilire se il divieto triennale di concessione delle misure alternative, derivante da revoca di altra misura (nella specie, la semilibertà), previsto dall'art. 58-quater ord. pen., nel combinato disposto dei suoi primi tre commi, operi anche rispetto alla concessione della detenzione domiciliare "speciale" i cui all'art. 47-quinquies ord. pen., ha sollevato questione di legittimità costituzionale dell'art. 58-quater ord. pen. ...

Leggi dopo

Autoriciclaggio. La Cassazione limita le condotte non punibili

17 Luglio 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. II, 7 giugno 2018 (dep. 5 luglio 2018), n. 30399

Autoriciclaggio

La Corte di cassazione, Sez. II, sentenza n. 30399, depositata il 5 luglio 2018, ha affermato il seguente principio di diritto: «La clausola di non punibilità prevista nell’art. 648-ter.1 c.p., comma 4, a norma della quale "fuori dai casi di cui ai commi precedenti …", va intesa e interpretata nel senso fatto palese dal significato proprio delle suddette parole ...

Leggi dopo

L’imputato che rinuncia al ricorso ha l’onere di notificarlo alla parte civile

16 Luglio 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. V, 7 maggio 2018 (dep. 27 giugno 2018), n. 29472

Notificazioni

Anche se, nel codice di procedura penale, non si rinviene alcun obbligo a carico dell’imputato che rinunci al ricorso in Cassazione di notificare tale scelta alla parte civile, la Corte di cassazione, Sez. V, sentenza 29472/2018, ha affermato che: «deve configurarsi comunque un onere a carico dell’imputato impugnante ...

Leggi dopo

Il profitto dell’autoriciclaggio non può coincidere con quello del reato presupposto

13 Luglio 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. II, 7 giugno 2018 (dep. 5 luglio 2018) n. 30401

Autoriciclaggio

«Il prodotto, il profitto o il prezzo del reato di autoriciclaggio non coincide con quello del reato presupposto, ma è da questo autonomo in quanto consiste nei proventi conseguiti dall’impiego del prodotto, del profitto o del reato presupposto in attività economiche, finanziarie, imprenditoriali o speculative». Il principio è stato affermato da Cass. pen., Sez. II, sentenza n. 30401 depositata il 5 luglio 2018.

Leggi dopo

Pagine