News

News

Detenuto in regime di 41-bis. Cade il divieto di cuocere i cibi in cella

15 Ottobre 2018 | di Redazione Scientifica

Corte cost., 26 settembre 2018 (dep. 12 ottobre 2018), n. 180.

Carcere duro

La Corte costituzionale, sentenza n. 186 del 12 ottobre 2018, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 41-bis, comma 2-quater, lett. f), l. 354/1975, Norme sull’ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative della libertà, come modificato dall’art. 2, comma 25, lett. f) n. 3 l. 15 luglio 2009, Disposizioni in materia di sicurezza pubblica, limitatamente alle parole «cuocere i cibi».

Leggi dopo

Decreto Salvini. In Gazzetta ufficiale le disposizioni urgenti in materia di sicurezza

05 Ottobre 2018 | di Redazione Scientifica

decreto legge 4 ottobre 2018, n. 113

Misure di prevenzione

È stato pubblicato in Gazzetta ufficiale n. 231 del 4 ottobre 2018 il d.l. 4 ottobre 2018, n. 113, Disposizioni in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica, nonché misure per la funzionalità del Ministero dell’interno e l’organizzazione e il funzionamento dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione...

Leggi dopo

Riforma Orlando. Via libera ad altri cinque decreti legislativi

01 Ottobre 2018 | di Redazione Scientifica

Ordinamento penitenziario

Il 27 settembre 2018, il Consiglio dei Ministri ha approvato cinque decreti legislativi attuativi della legge delega per la riforma del codice penale, codice di procedura penale e dell’ordinamento penitenziario contenuti nella legge 23 giugno 2017, n. 103 (riforma Orlando). l testo approvato contiene disposizioni volte alla modifica dell’ordinamento penitenziario...

Leggi dopo

Riesame. Infondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 309, comma 10, c.p.p.

24 Settembre 2018 | di Redazione Scientifica

Riesame

È manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 309, comma 10, c.p.p., sollevata per asserito contrasto con l'art. 3 della Costituzione, nella parte in cui non prevede che l'ordinanza che dispone la misura coercitiva non può essere rinnovata, salve eccezionali esigenze cautelari specificamente motivate, anche in caso di annullamento ex art. 309, comma 9, ultimo capoverso, c.p.p.

Leggi dopo

Bancarotta fraudolenta. Il reato è configurabile anche in sede di concordato preventivo con continuità aziendale

20 Settembre 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. V, 15 giugno 2018 (dep. 3 settembre 2018), n. 39517

Reati fallimentari

Le innovazioni normative degli aspetti civilistici dell’istituto del concordato preventivo con continuità aziendale di cui all’art. 186-bis l. fall., introdotto dal d.l. 22 giugno 2012, n. 83 come modificato dalla legge di conversione 7 agosto 2012, n. 134...

Leggi dopo

La bancarotta fraudolenta patrimoniale quale reato di pericolo concreto: la rilevanza del “contesto economico” dell'azienda

17 Settembre 2018 | di Antonio D'Avirro

Reati fallimentari

La Corte di cassazione con la sentenza del 24 marzo 2017, n. 17819 traccia un passaggio fondamentale nell'indagine relativa al reato di bancarotta fraudolenta prefallimentare, sottolineando che, quale che sia la natura della dichiarazione di fallimento all'interno della fattispecie, «anche ove si candidasse quest'ultima a ricoprire il ruolo di condizione di punibilità, non ne risulta comunque esclusa l'esigenza di un'indagine sull'imputabilità soggettiva del pericolo concreto per la massa dei creditori».

Leggi dopo

La procedibilità a querela dopo il d.lgs. 36/2018. Le Sezioni unite chiariscono la portata della disciplina transitoria

17 Settembre 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. unite, 21 giugno 2018 (dep. 7 settembre 2018), n. 40150

Querela

Le Sezioni unite della Cassazione penale hanno depositato le motivazioni relative alle questioni loro sottoposte: 1) se, in presenza di un ricorso inammissibile, debba darsi alla persona offesa l’avviso previsto dall’art. 12, comma 2, d.lgs. 10 aprile...

Leggi dopo

Osservatorio in materia di esecuzione penale e penitenziaria

12 Settembre 2018 | di Leonardo Degl'Innocenti, Francesco Faldi

Magistratura di sorveglianza

L'art 656, comma 5, c.p.p., nel testo modificato dalla legge 27 marzo 1998, n. 165 (c.d. legge Saraceni-Simeone) stabiliva che se la pena residua che il condannato deve espiare, anche se costituente residuo di una pena di maggiore entità, non è superiore a tre anni, il pubblico ministero che cura l'esecuzione deve disporre la sospensione dell'ordine di carcerazione in modo da mettere in condizione il condannato di presentare ...

Leggi dopo

Trattamenti di dati effettuati per finalità di polizia. Il provvedimento di archiviazione resta in banca dati per vent’anni

11 Settembre 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. civ., Sez. I, 29 maggio 2018 (dep. 29 agosto 2018), n. 21362

Privacy

Il d.P.R. 15/2018, Trattamenti di dati effettuati per finalità di polizia, all’art. 10, comma 3, lett. f) stabilisce il termine di venti anni per la conservazione delle informazioni relative ad attività di polizia giudiziaria conclusasi con provvedimento di archiviazione.

Leggi dopo

Il consenso della difesa all’utilizzo di prove acquisite in dibattimento è irrevocabile anche se interviene la nomina di un nuovo difensore

10 Settembre 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. III, 27 aprile 2018 (dep. 24 agosto 2018), n. 38907

Difesa e difensore

È irrevocabile il consenso della difesa ad utilizzare le prove precedentemente acquisite mediante lettura dei relativi verbali, espresso dal difensore all'epoca titolare, all'udienza precedente (impegno a prestare il consenso) a quella di effettivo mutamento della persona del giudicante, e non rileva la nomina...

Leggi dopo

Pagine