News

News su Reati fallimentari

Il concorso formale e materiale nei reati di bancarotta

15 Ottobre 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. V 13 giugno (dep. 9 ottobre 2018), n. 45285

Reati fallimentari

Tra il reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale e quello di bancarotta impropria per causazione del dissesto con operazioni dolose, ove contestati in relazione alla medesima procedura fallimentare, non è configurabile un concorso formale, rimanendo pertanto il secondo reato assorbito nel primo nel caso in cui la relativa condotta sia individuata nell’imputazione con riguardo agli stessi fatti addebitati nell’accusa di bancarotta fraudolenta.

Leggi dopo

Bancarotta fraudolenta. Il reato è configurabile anche in sede di concordato preventivo con continuità aziendale

20 Settembre 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. V, 15 giugno 2018 (dep. 3 settembre 2018), n. 39517

Reati fallimentari

Le innovazioni normative degli aspetti civilistici dell’istituto del concordato preventivo con continuità aziendale di cui all’art. 186-bis l. fall., introdotto dal d.l. 22 giugno 2012, n. 83 come modificato dalla legge di conversione 7 agosto 2012, n. 134...

Leggi dopo

La bancarotta fraudolenta patrimoniale quale reato di pericolo concreto: la rilevanza del “contesto economico” dell'azienda

17 Settembre 2018 | di Antonio D'Avirro

Reati fallimentari

La Corte di cassazione con la sentenza del 24 marzo 2017, n. 17819 traccia un passaggio fondamentale nell'indagine relativa al reato di bancarotta fraudolenta prefallimentare, sottolineando che, quale che sia la natura della dichiarazione di fallimento all'interno della fattispecie, «anche ove si candidasse quest'ultima a ricoprire il ruolo di condizione di punibilità, non ne risulta comunque esclusa l'esigenza di un'indagine sull'imputabilità soggettiva del pericolo concreto per la massa dei creditori».

Leggi dopo

Reati fallimentari. Sull’onere probatorio dell’accusa in caso di bancarotta preferenziale

29 Gennaio 2018 | di Enrico Fontana

Cass. pen., Sez. V, 15 gennaio 2018 (dep. 26 gennaio 2018), n. 3797

Reati fallimentari

L’amministratore di una società viene condannato dal Gip in sede di rito abbreviato per bancarotta preferenziale, previa riqualificazione della originaria imputazione di bancarotta per distrazione, in relazione a pagamenti al medesimo effettuati dalle casse sociali a titolo di emolumenti come amministratore della società e pagamento dei relativi contributi previdenziali.

Leggi dopo

Bancarotta fraudolenta per distrazione. La sufficienza del dolo generico e la necessità del pericolo concreto

30 Agosto 2017 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. V, 23 giugno 2017 (dep. 1 agosto 2017), n. 38396

Reati fallimentari

Per integrare l’elemento psicologico del delitto di bancarotta fraudolenta per distrazione non occorre che l’impresa sia in stato di dissesto e che di tale stato sia consapevole l’agente: l’elemento soggettivo del delitto in questione è costituito dal ...

Leggi dopo

La bancarotta pre fallimentare richiede un pericolo concreto per i creditori

21 Aprile 2017 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. V, 24 marzo 2017 (dep. 7 aprile 2017), n. 17819

Reati fallimentari

Non sussiste alcun dubbio che la vendita di un bene appartenente alla società, in una situazione di grave crisi finanziaria della stessa, con modalità tali da comportare ...

Leggi dopo

Bancarotta per distrazione pre-fallimentare: la sentenza dichiarativa di fallimento è condizione obiettiva di punibilità

17 Febbraio 2017 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. V, informazione provvisioria n. 3-2017

Reati fallimentari

La Corte di cassazione, Sezione V, all’udienza dell’8 febbraio 2017, esaminata la questione se, con riferimento alla bancarotta fraudolenta per distrazione pre-fallimentare, la sentenza dichiarativa di fallimento vada qualificata ...

Leggi dopo

Il sindaco inerte concorre nella bancarotta causata dagli amministratori

21 Dicembre 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., 27 ottobre 2015 (dep. 16 dicembre 2015), n. 49628

Reati fallimentari

L’inerzia del sindaco di fronte agli atti illeciti compiuti dagli amministratori configura un contributo causale al configurarsi del reato di bancarotta.

Leggi dopo

Bancarotta per distrazione: il reato non sussiste se la società ha a disposizione altre risorse

18 Dicembre 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. V

Reati fallimentari

Con la sentenza n. 49622 depositata il 16 dicembre scorso, la Corte di cassazione ribadisce come il reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale si configuri quale reato di pericolo concreto, aggiungendo che tale fattispecie delittuosa non può essere contestata all’amministratore che impoverisca la società di risorse enormi quando questa abbia comunque a disposizione risorse ben più rilevanti idonee a fornire garanzia per eventuali pretese creditorie.

Leggi dopo