Giurisprudenza sovranazionale

Giurisprudenza sovranazionale

Tardiva attuazione della direttiva sul sistema di indennizzo delle vittime di reati intenzionali violenti: la CGUE sulla responsabilità dell'Italia

15 Ottobre 2020 | di Carlotta Corsani

CGUE, Grande Sezione,

Cooperazione giudiziaria

La Corte di Giustizia è stata investita per l'interpretazione dell'art. 12 par 2 della direttiva 2004/80/CE del Consiglio, in relazione a due questioni pregiudiziali fra di loro collegate. Con la prima, il Giudice di legittimità italiano chiedeva alla Corte UE di dire se il diritto dell'Unione imponga di configurare la responsabilità risarcitoria...

Leggi dopo

Gli strumenti per scongiurare il rischio di “trattamenti inumani e degradanti” per il destinatario del MAE

13 Dicembre 2019 | di Riccardo Polidoro, Claudia Cavaliere

C.G.UE, Grande Sezione,

Mandato di arresto europeo (MAE)

La sentenza del 15 ottobre 2019 della Grande Sezione della Corte di Giustizia dell’Unione europea (causa C-128/18), si colloca all’interno di un percorso giurisprudenziale già iniziato nel 2016. Il punto di arrivo è costituito dal rafforzamento della tutela dei diritti fondamentali dei soggetti destinatari di un mandato di arresto europeo...

Leggi dopo

Tutela dell'ambiente e tutela dei diritti umani. La Corte di Strasburgo condanna l'Italia per la vicenda Ilva

10 Luglio 2019 | di Mariangela Montagna

Corte Edu, Sez. I

Affidamento in prova al servizio sociale

Nelle parole della sentenza Cordella e altri c. Italia si delinea in sottofondo uno dei principali problemi dell'epoca moderna: l'esigenza di trovare un equilibrio tra...

Leggi dopo

Ergastolo ostativo. La Corte Edu condanna l’Italia e richiede una riforma che elimini presunzioni assolute e automatismi

08 Luglio 2019 | di Riccardo Polidoro

Corte Edu, Sez. I

Ergastolo

Il 12 dicembre 2016, il detenuto ergastolano Marcello Viola proponeva ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo contro l'Italia, ai sensi dell'art. 34 della Convenzione, sostenendo di essere sottoposto a una pena detentiva a vita incomprimibile, inumana e degradante...

Leggi dopo

Diffusione delle riprese della deposizione di un soggetto indagato. Rispetto della vita privata e libertà di espressione nella giurisprudenza europea

05 Giugno 2019 | di Wanda Nocerino

CGUE, Sez. II

Cronaca e critica giudiziaria

La registrazione, all'interno di un commissariato, di funzionari di polizia nell'espletamento delle loro funzioni e la pubblicazione del relativo video sulla rete Internet devono considerarsi, rispettivamente, dato personale e trattamento di dato personale...

Leggi dopo

La stretta inviolabilità del rapporto avvocato-detenuto secondo i parametri Cedu

22 Maggio 2019 | di Veronica Manca

Corte Edu, Sez. II,

Detenzione

Con il caso Altay c. Turchia (N. 2), la Corte europea dei diritti dell’uomo torna a pronunciarsi sulla delicata questione del diritto di difesa del detenuto e, in particolar modo, del rapporto con l’avvocato (dalla corrispondenza ai colloqui). La decisione si aggiunge ad una serie di pronunce in merito, con cui la Corte di Strasburgo ha delineato una forma di tutela rafforzata, sotto l’ombrello di copertura dell’art. 8 Cedu (e/o art. 6, § 1 Cedu), in relazione ai momenti cruciali del rapporto tra avvocato e assistito (nella specie recluso).

Leggi dopo

Diffamazione a mezzo stampa e applicazione della pena detentiva (sospesa): la Corte Edu condanna ancora l’Italia

11 Aprile 2019 | di Angelo Salerno

Corte Edu

Corte Edu, 7 marzo 2019, Causa Sallusti c. Italia ric. n.22350-13.pdf

Convenzione europea dei diritti dell’uomo

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo è stata così chiamata nuovamente a pronunciarsi in merito alla compatibilità con la Convenzione dell’irrogazione, nei confronti di un giornalista, di una pena detentiva e ai limiti entro cui è possibile ricorrere a tale forma di sanzione.

Leggi dopo

Il caso Provenzano. La Corte di Strasburgo sul regime detentivo di cui all'art. 41-bis ord. pen.

19 Novembre 2018 | di Giuseppe De Marzo

Corte Edu, Sez. I

Carcere duro

Al fine di valutare se l'applicazione al detenuto delle restrizioni previste dall'art. 41-bis l. 354 del 1975 raggiunga o non la soglia minima di gravità richiesta per rientrare nell'ambito di applicazione dell'articolo 3 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo (divieto di tortura)

Leggi dopo

La Corte Edu torna sul diritto alla revisione della sentenza irrevocabile a seguito di violazione della Convenzione

18 Ottobre 2018 | di Donatella Perna

Corte Edu, Sez. I,

Revisione

La questione proposta, peraltro già affrontata dalla Corte Edu nel caso Moreira Ferreira c. Portugal è se la decisione della Corte europea, che ravvisi una violazione della Convenzione in un giudizio ormai concluso con sentenza irrevocabile, dia diritto...

Leggi dopo

La Corte di Giustizia torna sulle cause di rifiuto della consegna nel Mae: ulteriori limitazioni e qualche nuova apertura

15 Ottobre 2018 | di Andrea Chelo

Mandato di arresto europeo (MAE)

Le note sentenze del 25 luglio 2018, pronunciate dalla Corte di Giustizia Ue nelle cause C-220/18 PPU, C‑216/18 PPU e C‑268/17 PPU, hanno definito con maggior dettaglio la portata di alcune cause di rifiuto della consegna in ambito di mandato di arresto europeo

Leggi dopo

Pagine