Giurisprudenza sovranazionale

Giurisprudenza sovranazionale

La sentenza Celaj sul divieto di reingresso: storia di un verdetto annunciato e nuove prospettive

18 Maggio 2016 | di Nicola Canestrini, Giovanni Guarini

Espulsione dello straniero dallo Stato

La sentenza della Corte di giustizia Ue, Sez. IV., 1 ottobre 2015, causa n. C-290/14, Celaj difende inaspettatamente uno degli ultimi baluardi posti dalla legislazione penale italiana a tutela delle frontiere. Infatti, il reato di illecito reingresso nel territorio dello Stato è l'ultimo residuato punito con sanzione detentiva, la reclusione da uno a quattro anni (mentre il reato di clandestinità di cui all'art. 10-bis del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, è punito con la sola ammenda).

Leggi dopo

Affermazioni razziali. La limitazione della libertà di espressione deve parametrarsi al contesto storico-sociale

07 Aprile 2016 | di Marco Gioia

Corte Edu

Corte Edu, Sez. II, 15 ottobre 2015, c. 27510-08, Perinçek v. Switzerland.pdf

Cronaca e critica giudiziaria

La sentenza della Corte riguarda il caso di un politico Turco che ha espresso, nel corso di eventi pubblici tenutisi in Svizzera nel 2005, l’opinione secondo cui le deportazioni di massa e i massacri subiti dagli Armeni nel 1915 nell’Impero Ottomano non sarebbero state un “genocidio”.

Leggi dopo

L'ospedalizzazione obbligatoria non costituisce una pena ex art. 7 Cedu

31 Marzo 2016 | di Marco Gioia

Corte Edu

Misure di prevenzione

La Corte Edu ha affermato che le misure imposte al soggetto di cui è stata dichiarata la carenza di colpevolezza per infermità mentale non sono state applicate in conseguenza di una sua condanna per un reato e come tali non costituirebbero delle pene ai sensi dell’art. 7 Cedu.

Leggi dopo

La vicenda Abu Omar, il segreto di Stato, la condanna dell’Italia a Strasburgo

07 Marzo 2016 | di Giorgio Spangher

Corte Edu

Terrorismo

Osama Mustafa Hassan Nasr (noto come Abu Omar) ricorre a Strasburgo in relazione alla vicenda processuale connessa alla sua extrajudicial transfer (or “extraordinary rendition”) da parte di agenti della Cia, con la collaborazione di ufficiali italiani.

Leggi dopo

Pagine