Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Il principio del “chiesto e pronunciato” in sede di archiviazione per particolare tenuità del fatto

27 Novembre 2017 | di Enrico Campoli

Cass. pen., Sez. II,

Particolare tenuità del fatto

Introducendo nel nostro ordinamento, con il decreto legislativo 28 del 16 marzo 2015 la speciale causa di non punibilità della particolare tenuità del fatto il Legislatore, al fine di renderla applicabile anche nell'ambito del procedimento di archiviazione, ha sentito la necessità di dettarne un'autonoma articolazione – art.411, comma 1-bis, c.p.p. –, quest'ultima solo in parte sovrapponibile con la disciplina generale.

Leggi dopo

Circonvenzione del contraente menomato. La Cassazione lascia ancora qualche ombra sul concetto di induzione

23 Novembre 2017 | di Leonardo Iannone

Cass. pen., Sez. VI

Circonvenzione di persone incapaci

Partendo dall’insegnamento di legittimità ormai consolidato, con la decisione in esame vengono in primo luogo ribaditi gli elementi oggettivi e soggettivi che debbono congiuntamente sussistere per configurare il delitto di cui all’art. 643 c.p. Occorre che tali elementi siano individuabili nella ricorrenza accertata delle seguenti concomitanti situazioni ...

Leggi dopo

Rinvio a giudizio e incidente probatorio trattenuto dallo stesso giudice. Provvedimento abnorme?

22 Novembre 2017 | di Leonardo Marino

Cass. pen., Sez. III

Incidente probatorio

La Corte di cassazione, Sezione III, con sentenza depositata il 9 ottobre 2016, n. 46368 ha affrontato la questione se è abnorme il provvedimento del giudice dell'udienza preliminare il quale abbia respinto la richiesta dell'imputato volta a far attendere l'esito dell'incidente probatorio in corso, prima di provvedere sulla richiesta di rinvio a giudizio, al fine di riservarsi la scelta del rito?

Leggi dopo

Omesso versamento di ritenute: il giro di vite della Cassazione sulla causa di non punibilità ex art. 13 d.lgs. 74/2000

16 Novembre 2017 | di Letizia d'Altilia

Cass. pen., Sez. III

Reati tributari

Data la mancanza di una disciplina transitoria, la Cassazione affronta il problema dell'applicabilità della causa di non punibilità di cui all'art. 13 d.lgs 74/2000, come modificato ad opera della d.lgs. 158/2015 ai procedimenti in corso e ...

Leggi dopo

Principio di affidamento e limiti della sua operatività in materia di circolazione stradale

15 Novembre 2017 | di Irene Coppola

Cass. pen, Sez. IV

Circolazione stradale

La questione principale sollevata nei motivi di ricorso ed esaminata dalla Suprema Corte coinvolge il tema del principio di affidamento e i suoi limiti di operatività in materia di circolazione stradale. Tale principio, che opera in relazione ad attività pericolose svolte da una pluralità di persone, consente a ciascun agente di confidare che il comportamento altrui sia conforme alle regole di diligenza, prudenza e perizia, con l'ovvio limite che tale cautela non può spingersi al punto da prevenire ...

Leggi dopo

La particolare tenuità del fatto si applica anche al reato di spaccio di sostanze stupefacenti

14 Novembre 2017 | di Francesca Di Muzio

Cass. pen., Sez. III,

Droga (traffico di)

Con sentenza dell'11 giugno 2015 la Corte di appello di Torino ha confermato l'impugnata sentenza del 3 giugno 2014 del tribunale di Torino, con la quale E.A.Y. era stato condannato alla pena di mesi due di reclusione ed euro 600,00 di multa per il reato di cui al d.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309, art. 73, comma 5, ...

Leggi dopo

Questioni di costituzionalità delle pene pecuniarie per il delitto di procurato ingresso illegale di stranieri nello Stato

14 Novembre 2017 | di Caterina Brignone

Corte cost.

Stranieri

Sono manifestamente infondate le questioni di legittimità costituzionale dell'art. 12, commi 3 e 3-ter, d.lgs. 286/1998, censurato, in riferimento agli artt. 3 e 27 Cost., nella parte in cui ...

Leggi dopo

Caso Contrada: un esito che non convince

13 Novembre 2017 | di Sergio Beltrani

Cass. pen., Sez. I,

Concorso esterno nei reati associativi

La Corte Edu, Sez. IV, con sentenza del 14 aprile 2015, divenuta definitiva, caso Contrada c. Italia, premesso che «integra la violazione dell'art. 7 Conv. Edu la condanna inflitta per un reato che, all'epoca in cui sono stati commessi i fatti per i quali si procede, non era sufficientemente chiaro e prevedibile», ha ritenuto che «il concorso esterno in associazione mafiosa, frutto dell'evoluzione giurisprudenziale ..

Leggi dopo

Ne bis in idem tra sanzioni disciplinari penitenziarie e danneggiamento

10 Novembre 2017 | di Pasquale Fimiani

Cass. pen, Sez. II

Bis in idem (divieto)

La questione all'esame della Corte era se fosse configurabile il divieto di bis in idem nel caso di soggetto detenuto, già sanzionato disciplinarmente con l'esclusione dall'attività comune per la durata di giorni dieci per la volontaria rottura del vetro di una finestra della casa circondariale dove si trovava ristretto, successivamente ...

Leggi dopo

L’accertamento della causalità nei reati omissivi impropri. Il giudizio di alta probabilità logica

09 Novembre 2017 | di Rosita Petrelli

Cass. pen., Sez. IV

Reato omissivo improprio

Nella sentenza in commento, la Corte di cassazione torna a occuparsi della sussistenza del nesso causale nei reati omissivi impropri. Ricorrente è un medico di pronto soccorso, condannata per omicidio colposo a seguito della morte di una paziente, deceduta per shock settico.

Leggi dopo

Pagine