Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Le condannate con figli affetti da disabilità grave possono beneficiare senza limiti della detenzione domiciliare speciale

28 Febbraio 2020 | di Lorenzo Cattelan

Corte cost.

Detenzione domiciliare

È costituzionalmente illegittima, per contrasto con gli artt. 3, primo e secondo comma, e 31, secondo comma, Cost., la disciplina della detenzione domiciliare speciale di cui all'art. 47-quinquies, comma 1, legge 26 luglio 1974, n. 375

Leggi dopo

È delegabile l'interrogatorio di garanzia nelle misure non custodiali?

27 Febbraio 2020 | di Alessandro Trinci, Riccardo Nerucci

Cass. pen., Sez. I,

Interrogatorio di garanzia

Anche per le misure cautelari non custodiali è possibile delegare l'interrogatorio di garanzia al giudice per le indagini preliminari del luogo in cui si trova il soggetto cautelato?

Leggi dopo

La Cassazione torna sulle garanzie difensive a seguito di decreto di riconoscimento di un ordine europeo d'indagine

24 Febbraio 2020 | di Giacomo Ferrando

Cooperazione giudiziaria

La vicenda che ha dato la stura alla pronuncia della Suprema Corte riguardava il riconoscimento e l'esecuzione di un O.E.I. a seguito di una richiesta trasmessa dall'Autorità giudiziaria olandese...

Leggi dopo

Diritto di cronaca. La scriminante di cui all'art. 51 c.p. è configurabile anche se il delitto è previamente commesso al fine di procacciarsi la notizia?

17 Febbraio 2020 | di Marzia Minutillo Turtur

Cass. pen, Sez. II,

Cause di giustificazione

Il tema principale di riflessione si concentra sulla compatibilità ed estensibilità della causa di giustificazione ex art. 51 c.p. dell'esercizio del diritto al reato di ricettazione…

Leggi dopo

All'imputato assente giudicato con il rito abbreviato deve essere notificato l'estratto della sentenza? La soluzione delle Sezioni Unite

17 Febbraio 2020 | di Natalia Rombi

Cass. pen., Sez. Unite

Procedimento in absentia

A seguito della riforma della disciplina del procedimento in absentia, che ha portato all'abrogazione della disposizione di cui all'art. 548, comma 3, c.p.p.

Leggi dopo

Dubbi di legittimità costituzionale in tema di parità del trattamento sanzionatorio fra rapina propria e impropria

14 Febbraio 2020 | di Cristina Ingrao

Tribunale di Palermo

Trib. palermo, Sez. V penale, ord. 10718-2019 .pdf

Rapina

La questione in esame attiene al reato di rapina disciplinato dall'art. 628 c.p. La norma prevede al primo comma la c.d. rapina propria e al comma 2 la c.d. rapina impropria.

Leggi dopo

La concessione del permesso premio al condannato c.d. ostativo dopo la sentenza della Corte cost. n. 253/2019

10 Febbraio 2020 | di Lorenzo Cattelan

Cass. pen., Sez. I

Ergastolo

La questione posta all'attenzione della Suprema Corte, alla luce della già richiamata sentenza additiva della Corte Costituzionale n. 253 del 2019, è chiamata a valutare – unicamente in materia di permessi premio – il rapporto tra la nuova configurazione dell'art. 4-bis, comma 1, ord. penit. e l'art. 58-ter, o.p. (in tema di persone che collaborano con la giustizia).

Leggi dopo

Niente particolare tenuità nel processo contro gli enti collettivi

07 Febbraio 2020 | di Ciro Santoriello

Cass. pen., Sez. II,

Responsabilità degli enti

Nella decisione in commento, la Cassazione afferma che già in precedenti pronunce era stato escluso che la causa di non punibilità di cui all'art. 131-bis c.p. potesse trovare applicazione nell'ambito del procedimento nei confronti degli enti collettivi, ma in realtà questa conclusione pare eccessivamente tranchant e non pienamente rispondente a quelle che...

Leggi dopo

Furto di beni esposti alla pubblica fede, quando si configura?

07 Febbraio 2020 | di Cristina Ingrao

Trib. Agrigento

Furto

La questione oggetto della decisione in esame attiene alla configurabilità del reato di furto aggravato dall'essere stato posto in essere su cose esposte per necessità, consuetudine o destinazione alla pubblica fede. In particolare, ci si chiede: in quali circostanze trova applicazione l'aggravante di cui all'art. 625, comma 1, n. 7, c.p.?

Leggi dopo

Il consenso dei lavoratori può scriminare la videosorveglianza non autorizzata?

03 Febbraio 2020 | di Ferdinando Brizzi

Cass. pen., Sez. III

Privacy

La sentenza che si commenta ribadisce un costante, e risalente, indirizzo di ferma tutela accordata alla parte debole del rapporto contrattuale di lavoro, il lavoratore: già in passato, ad es., si era affermato che il lavoratore subordinato non può validamente prestare il proprio consenso alla violazione degli obblighi legali...

Leggi dopo

Pagine