Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Contestazione di reato concorrente in corso di dibattimento e richiesta di applicazione della pena a norma dell'art. 444 c.p.p.

24 Maggio 2019 | di Andrea Lazzoni

Corte Cost.

Nuove contestazioni

L'art. 517 c.p.p. consente la contestazione durante il dibattimento di una circostanza aggravante o di un reato concorrente che non siano menzionati nel decreto che dispone il giudizio, qualora questi emergano nel corso dell'istruzione dibattimentale: si parla, in questo caso, di nuova contestazione tempestiva o “fisiologica” onde distinguerla da quella...

Leggi dopo

Divieto di utilizzazione delle intercettazioni in procedimenti diversi: il rilievo dell'unitarietà iniziale

23 Maggio 2019 | di Luigi Giordano

Cass. pen., Sez. III,

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

L'art. 270, comma 1, c.p.p. stabilisce che «i risultati delle intercettazioni non possono essere utilizzati in procedimenti diversi da quelli nei quali sono stati disposti, salvo che risultino indispensabili per l'accertamento di delitti per i quali è obbligatorio l'arresto in flagranza». Quali sono i presupposti richiesti dalla legge per ritenere che i procedimenti sono diversi?

Leggi dopo

Applicazione della pena su richiesta delle parti e confisca per equivalente nei reati aggravati dalla transnazionalità

21 Maggio 2019 | di Francesco Alvino

Cass. pen., Sez. II,

Patteggiamento

La Corte di legittimità, nella sentenza in commento, supera l'argomento letterale e perviene a una lettura espansiva della norma di cui all'art. 11 l.146/2006, per cui anche la sentenza applicativa della pena su richiesta delle parti è occasione di giudizio in cui al giudice compete obbligatoriamente disporre la confisca, anche nelle forme per equivalente...

Leggi dopo

La cognizione relativa alla utilizzabilità dei file estratti da supporto informatico spetta al giudice del dibattimento

17 Maggio 2019 | di Federico Cerqua

Cass. pen., Sez. III,

Sequestro probatorio

La sentenza in commento, anzitutto, si inserisce nell'alveo tracciato dalle Sezioni Unite Andreucci (Cass. pen., Sez. unite, 20 luglio 2017, n. 40963), secondo cui è ammissibile il ricorso per cassazione avverso l'ordinanza del riesame di conferma del sequestro probatorio di un personal computer o di un qualsiasi supporto informatico...

Leggi dopo

D.lgs. 231/2001. La dichiarazione di non punibilità ex art. 131-bis per la persona fisica autore del reato salva anche l’ente?

15 Maggio 2019 | di Letizia d'Altilia

Cass. pen., Sez. III,

Particolare tenuità del fatto

La questione di diritto che si pone è quella relativa all'applicabilità o meno della causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto all'ente, una volta dichiarato non punibile ex art. 131-bis c.p. l'autore di un illecito per un reato commesso nell'interesse o a vantaggio dell'ente stesso.

Leggi dopo

Convivenza more uxorio e non punibilità ex art. 384 c.p.: precisazioni della S.C. sull'applicabilità della norma

13 Maggio 2019 | di Laura Piras

Cass. pen., Sez. VI,

Convivenza more uxorio

La questione sottoposta al vaglio della Corte riguarda l'applicabilità della causa di non punibilità di cui all'art. 384 c.p. ai casi di rapporti di sola convivenza (non formalizzata attraverso un matrimonio o un'unione civile), per le ipotesi di delitti contro l'amministrazione della giustizia...

Leggi dopo

Presupposti e criteri di imputabilità del blogger per commenti diffamatori postati dagli utenti

13 Maggio 2019 | di Valentina Sellaroli

Cass. pen., Sez. V,

Diffamazione

Quel che rileva e risulta di particolare interesse nella decisione in commento, oltre ad un ordinato ed organico richiamo dei capisaldi della giurisprudenza e della normativa in tema di soggetti e responsabilità circa i contenuti veicolati dalle piattaforme telematiche di comunicazione, è la precisazione dei confini e delle motivazioni della responsabilità penale ipotizzabile in capo al blogger.

Leggi dopo

Stupefacenti. Sull'illegittimità costituzionale della pena minima dell'art. 73, comma 1, d.P.R. n. 309/1990

10 Maggio 2019 | di Luca Della Ragione

Corte cost.

Droga (traffico di)

La Corte costituzionale, con una pronuncia che consacra il principio della proporzionalità della pena quale limite alla discrezionalità di scelte legislative necessariamente fondate sulla tutela effettiva dei diritti fondamentali...

Leggi dopo

L’eccesso di potere non sempre integra l’abuso d’ufficio

09 Maggio 2019 | di Gian Luigi Mastio

Trib. Sassari,

Abuso di ufficio

A seguito della nuova formulazione della fattispecie di abuso d'ufficio a opera della legge 16 luglio 1997, n. 234 che ha novellato l'art. 323 c.p., il reato in questione non può configurarsi se non in presenza di “una violazione di norma di legge o regolamento”...

Leggi dopo

Il medesimo disegno criminoso può delinearsi anche in caso di aberratio ictus?

09 Maggio 2019 | di Antonio Francesco Morone

Cass. pen., Sez. I,

Reato continuato

La questione involge il riconoscimento del vincolo della continuazione nella fase del giudicato in relazione a diversi episodi di omicidio collegati dal contesto mafioso in cui si sono sviluppati. Può essere riconosciuto il medesimo disegno criminoso nel caso in cui...

Leggi dopo

Pagine