Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Affidamento in prova al servizio sociale e risarcimento del danno alla vittima del reato

29 Luglio 2015 | di Fabio Fiorentin

Cass. pen., Sez. V

Affidamento in prova al servizio sociale

Il tribunale di sorveglianza non può subordinare la concessione della misura alternativa dell’affidamento in prova all'adempimento, da parte del condannato, dell'obbligo di provvedere al risarcimento del danno in favore della vittima del reato.

Leggi dopo

Il sequestro della corrispondenza del detenuto

29 Luglio 2015 | di Francesco Vergine

Cass. pen., Sez. un.

Sequestro probatorio

La disciplina delle intercettazioni di conversazioni non è applicabile alla corrispondenza dovendosi applicaregli artt. 254 e 353 c.p.p. e, in casop di corrispondenza di detenuti, anche le particolari formalità stabilite dall'art. 18-ter dell'ord. pen..

Leggi dopo

La lista dei testimoni può essere trasmessa a mezzo fax alla cancelleria del Tribunale?

28 Luglio 2015 | di Antonio Miriello

Cass. pen., Sez. I

Dibattimento

Il deposito in cancelleria della lista testimoniale di cui all’articolo 468 c.p.p., comma 1, – ove non contenga anche la richiesta al giudice di autorizzazione alla citazione di testimoni, periti e consulenti tecnici di cui al comma 2 dello stesso articolo 468, per la quale è d’obbligo la forma rituale dell’istanza – può avvenire anche a mezzo di trasmissione con i mezzi tecnici quale il fax.

Leggi dopo

Esclusione della ricorribilità in Cassazione dell’ordinanza che vieta la contestazione di un reato concorrente

27 Luglio 2015 | di Michele Ambra

Cass. pen., Sez. II

Udienza preliminare

Non è impugnabile per cassazione, l’ordinanza con la quale il giudice dell’udienza preliminare nega al pubblico ministero, nel corso della stessa udienza, la possibilità di contestare nuovi fatti di reato legati col vincolo della continuazione a quelli contestati.

Leggi dopo

La proporzionalità va rispettata anche nel disporre il sequestro conservativo del credito

27 Luglio 2015 | di Antonella Marandola

Cass. pen., Sez. VI

Sequestro conservativo

È illegittimo il provvedimento che dispone il sequestro conservativo a tutela di un credito il cui importo non sia stato ritenuto determinabile nemmeno in via approssimativa.

Leggi dopo

La motivazione per relationem nei provvedimenti cautelari

27 Luglio 2015 | di Natalia Rombi

Cass. pen., Sez. II

Udienza camerale

Non è nulla per vizio di motivazione l'ordinanza applicativa di una misura cautelare emessa dal giudice a cui sono stati trasmessi gli atti, ex art. 27 c.p.p., qualora riproduca sostanzialmente il provvedimento emesso dal giudice territorialmente incompetente.

Leggi dopo

Consolidato il concetto di “grave situazione locale” quale fonte di reale rischio di parzialità dell'ufficio giudiziario

27 Luglio 2015 | di Antonella Marandola

Cass. pen., Sez. V

Rimessione del processo

La grave situazione locale di cui all'art. 45 c.p.p. deve essere intesa come fenomeno esterno di tale e manifesta abnormità da costituire fonte di reale rischio di parzialità dell'ufficio giudiziario procedente ovvero di reale lesione, o pericolo di lesione, della libera determinazione delle persone che vi partecipano,

Leggi dopo

L’azione di responsabilità civile non dà luogo alla rimessione del processo

27 Luglio 2015 | di Antonella Marandola

Cass. pen., Sez. VI

Rimessione del processo

La rimessione del processo è un istituto eccezionale, al quale non si può accedere ricusando tutti i componenti di un intero ufficio giudiziario, né l'acclarata infondatezza delle singole ricusazioni può legittimare la proposizione della richiesta di rimessione.

Leggi dopo

Sospensione condizionale della pena subordinata al pagamento di una provvisionale: il termine per adempiere

27 Luglio 2015 | di Valentina Angeli

Cass. pen., Sez. IV

Provvisionale

Il beneficio della sospensione condizionale della pena non può essere subordinato dal giudice, ove la condizione attenga al pagamento di una somma a titolo provvisionale in favore della parte civile costituita, al versamento della medesima entro un termine anteriore al passaggio in giudicato della sentenza. La statuizione relativa alla apposizione di una condizione di questo genere deve essere annullata senza rinvio.

Leggi dopo

L’istanza di revoca o sostituzione della misura cautelare e la notifica alla persona offesa

27 Luglio 2015 | di Teresa Bene

Cass. pen., Sez. VI

Persona offesa dal reato e soggetto danneggiato

In capo all’imputato vige l’onere di notificare la richiesta di modifica della misura cautelare anche quando ne chieda l’applicazione ‘‘con modalità meno gravose’’, in virtù dell’oggettivo collegamento tra il primo ed il secondo inciso della disposizione di cui al comma 4-bis dell’art. 299 c.p.p.

Leggi dopo

Pagine