Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Stupefacenti. Sull'illegittimità costituzionale della pena minima dell'art. 73, comma 1, d.P.R. n. 309/1990

10 Maggio 2019 | di Luca Della Ragione

Corte cost.

Droga (traffico di)

La Corte costituzionale, con una pronuncia che consacra il principio della proporzionalità della pena quale limite alla discrezionalità di scelte legislative necessariamente fondate sulla tutela effettiva dei diritti fondamentali...

Leggi dopo

L’eccesso di potere non sempre integra l’abuso d’ufficio

09 Maggio 2019 | di Gian Luigi Mastio

Trib. Sassari,

Abuso di ufficio

A seguito della nuova formulazione della fattispecie di abuso d'ufficio a opera della legge 16 luglio 1997, n. 234 che ha novellato l'art. 323 c.p., il reato in questione non può configurarsi se non in presenza di “una violazione di norma di legge o regolamento”...

Leggi dopo

Il medesimo disegno criminoso può delinearsi anche in caso di aberratio ictus?

09 Maggio 2019 | di Antonio Francesco Morone

Cass. pen., Sez. I,

Reato continuato

La questione involge il riconoscimento del vincolo della continuazione nella fase del giudicato in relazione a diversi episodi di omicidio collegati dal contesto mafioso in cui si sono sviluppati. Può essere riconosciuto il medesimo disegno criminoso nel caso in cui...

Leggi dopo

Confisca di prevenzione: gli scenari possibili dopo la sentenza della Corte costituzionale n. 24/2019

08 Maggio 2019 | di Ferdinando Brizzi

Cass. pen., Sez. II, 19 febbraio 2019 (dep. 28 marzo 2019), n. 13566

Confisca (misura di prevenzione)

La sistematica reimmissione di capitali di provenienza non lecita, derivanti da appropriazione indebita aziendale nonché da continuative condotte di evasione fiscale, di rilievo penale, costituisce elemento rilevante al fine del vaglio in ordine all'inquadramento del soggetto nella categoria di cui all'art. 1, comma 1, lett. b), del D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159, non inciso dal recente intervento della Corte costituzionale (sent. n. 24 del 2019).

Leggi dopo

Prescrizione del reato e confisca del prezzo e del profitto. Sull’applicabilità dei principi delle S.U. Lucci in caso di confisca facoltativa

06 Maggio 2019 | di Ciro Santoriello

Corte d'Assise d'appello di Milano

Confisca (misura di sicurezza)

Secondo la Corte d'Assise d'appello di Milano non vi è alcuna preclusione in ordine alla possibilità di applicare la confisca facoltativa del profitto del reato in un caso – come quello in esame – nel quale l'imputato è stato...

Leggi dopo

Il perito e il consulente tecnico: il loro esame, la prova dichiarativa e la rinnovazione dibattimentale nel nuovo intervento delle Sezioni Unite

06 Maggio 2019 | di Andrea Pellegrino

Cass. pen., Sez. Unite

Rinnovazione del dibattimento

La dichiarazione resa dal perito nel corso del dibattimento costituisce una prova dichiarativa. Di conseguenza, ove risulti decisiva, il giudice di appello ha l'obbligo di procedere alla rinnovazione dibattimentale, nel caso di riforma della sentenza di assoluzione sulla base di un diverso apprezzamento di essa.

Leggi dopo

Omesso versamento di ritenute certificate: il reato si consuma nel luogo dove si trova la sede effettiva dell'impresa

02 Maggio 2019 | di Federica Negro

Cass. pen., Sez. III

Delitti in materia di pagamento di imposte

Con il caso in esame, la Suprema Corte torna ad esprimersi sui criteri da applicare per l'individuazione della competenza per territorio nei reati tributari. In via generale, fatta eccezione per i c.d. reati in dichiarazione...

Leggi dopo

L’impiego di denaro proveniente da delitto nel settore del gioco e scommesse è “attività speculativa” ex art. 648-ter.1?

29 Aprile 2019 | di Antonella Cafagna

Cass. pen., Sez. II,

Autoriciclaggio

La questione affrontata dalla S.C. ha per oggetto la corretta esegesi della locuzione attività speculative, utilizzata dal legislatore per circoscrivere l'incriminazione di cui all'art. 648ter.1 c.p., sotto il profilo dell'astratta riconducibilità ad essa della destinazione in giochi o scommesse del denaro proveniente dalla commissione di altro delitto.

Leggi dopo

Blackberry Messenger: l'indisponibilità dell'algoritmo per decriptare i dati informatici non lede il diritto di difesa

28 Aprile 2019 | di Luigi Giordano

Cass. pen., Sez. VI,

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

L'attività di messa in chiaro di flussi telematici inviati tra dispositivi elettronici in modo criptato necessita del contributo di ausiliari tecnici di polizia giudiziaria e, sovente, è possibile solo con il ricorso alla collaborazione del produttore del sistema operativo. Le compagnie che offrono i servizi non mettono a disposizione delle parti dell'algoritmo necessario per la decriptazione dei dati, limitandosi a fornire i messaggi interpretati...

Leggi dopo

La configurazione della fattispecie lieve in materia di sostanze stupefacenti dopo le Sezioni Unite

26 Aprile 2019 | di Nicolò Pini

Cass. pen., Sez. VI,

Droga (traffico di)

Il caso in questione offre l’occasione di analizzare le prime applicazioni giurisprudenziali del principio, di recente formulato dalla Cassazione penale, Sez. Unite, 27 settembre 2018, n. 51063 secondo cui la fattispecie lieve prevista dall’art. 73, comma 5, d.P.R. 309/1990...

Leggi dopo

Pagine