Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Intercettazioni: inutilizzabili i risultati per la prova di reati diversi emersi dalle operazioni che non rientrano nel catalogo di cui all’art. 266 c.p.p.

28 Gennaio 2020 | di Luigi Giordano

Cass. pen., Sez. VI,

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

Quali sono i limiti che la sentenza delle Sezioni unite “Cavallo” ha fissato per l’impiego degli esiti delle captazioni per dimostrare la sussistenza di reati diversi da quelli per i quali sono state ab origine disposte?

Leggi dopo

La Cassazione definisce (ancora) i confini tra bancarotta distrattiva e autoriciclaggio

27 Gennaio 2020 | di Gabriele Minniti

Cass. pen., Sez. II,

Autoriciclaggio

La questione posta con il ricorso investe il rapporto tra il reato di cui all'art. 648-ter.1 c.p. e la bancarotta per distrazione.

Leggi dopo

L'assoluzione di Marco Cappato apre indiscriminatamente la strada alla liceità delle condotte di agevolazione associate a dinamiche suicidarie?

23 Gennaio 2020 | di Lorenzo Cattelan

Corte d'Assise di Milano

Omicidio del consenziente ed eutanasia

Il diritto di morire, rifiutando i trattamenti sanitari, ha trovato cristallizzazione attraverso la legge n. 219 del 22 dicembre 2017, nel cui incipit sono esplicitamente richiamati i principi sanciti dagli artt. 2, 13, 32 Cost. nonché dagli artt. 1, 2 e 3 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea.

Leggi dopo

La pena pecuniaria come misura sostitutiva senza prescrizioni e la mancata revoca della sospensione condizionale

17 Gennaio 2020 | di Paolo Pittaro

Cass. pen., Sez. III

Sanzioni sostitutive delle pene detentive brevi

La sostituzione della pena detentiva con quella pecuniaria è consentita anche in relazione a condanna inflitta a persona in condizioni economiche disagiate, in quanto la prognosi di inadempimento, ostativa alla sostituzione in forza dell'art. 58, comma 2, della legge 24 novembre 1981, n. 689, si riferisce...

Leggi dopo

Captatore informatico: inutilizzabili i risultati delle intercettazioni per la prova di reati diversi da quelli di criminalità organizzata

13 Gennaio 2020 | di Luigi Giordano

Cass. pen., Sez. I,

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

Può essere utilizzato il captatore informatico per realizzare intercettazioni ambientali per la prova di reati diversi da quelli di criminalità organizzata? Quali sono i limiti che la sentenza delle Sezioni unite “Scurato” ha fissato per l'impiego del trojan nel corso delle indagini?

Leggi dopo

La Consulta salva l'ergastolo ostativo ma abroga la presunzione assoluta di pericolosità per i condannati a uno dei reati ex art. 4-bis, comma 1, ord. penit.

13 Gennaio 2020 | di Lorenzo Cattelan

Corte Cost.

Ergastolo

È costituzionalmente illegittimo l'art. 4-bis, comma 1, della legge 26 luglio 1975, n. 354, nella parte in cui non prevede che, ai detenuti per i delitti di cui all'art. 416-bis cod. pen. e per quelli commessi avvalendosi delle condizioni previste dallo stesso articolo ovvero...

Leggi dopo

La rilevanza in ambito penale degli accordi a latere della sentenza di divorzio

30 Dicembre 2019 | di Serafina Aceto

Cass. pen., Sez. VI,

Violazione degli obblighi di assistenza familiare

L’accordo transattivo relativo alle attribuzioni patrimoniali concluso tra le parti a latere di un giudizio di divorzio ha natura negoziale e produce effetti per l’ordinamento giuridico, senza che sia necessario sottoporlo al vaglio del Tribunale...

Leggi dopo

Inammissibile il ricorso per cassazione trasmesso a mezzo PEC

24 Dicembre 2019 | di Luigi Giordano

Cass. pen., Sez. VI,

Notifiche telematiche

In tema di impugnazione, è inammissibile il ricorso per cassazione avverso l’ordinanza del Tribunale del riesame non depositato nella cancelleria del giudice che ha emesso la decisione ai sensi dell’art. 311, c. 3, c.p.p., ma in quella di una diversa autorità giudiziaria e da quest’ultima trasmesso a mezzo PEC all'ufficio competente a riceverlo.

Leggi dopo

Il reato di infedeltà patrimoniale: la tipicità del fatto e la procedibilità a querela

23 Dicembre 2019 | di Enrico Corucci

Cass. pen., Sez. V,

Reati societari

Ai fini della configurabilità del reato di infedeltà patrimoniale di cui all’art. 2634, comma 1 c.c., è necessario un antagonismo di interessi effettivo, attuale e oggettivamente valutabile tra il soggetto attivo e la società in ragione del quale il primo si trovi in una posizione antitetica rispetto a quella dell’ente tale da pregiudicarne gli interessi tramite l’atto di disposizione deliberato, non essendo sufficiente, ai fini della configurabilità di tale antagonismo, che siano stati compiuti atti improntati ad illiceità sistematica.

Leggi dopo

Il principio di territorialità di cui all'art. 6 c.p. è derogabile in favore del giudice italiano solo nelle ipotesi espressamente previste dalla legge

18 Dicembre 2019 | di Francesco Agnino

Cass. pen., Sez. V,

Reati commessi all’estero

In un caso di sequestro di persona a scopo di estorsione pluriaggravato, tortura aggravata e violenza sessuale, commessi in territorio straniero a danno di alcuni migranti successivamente giunti nel territorio italiano, la Suprema Corte con la pronuncia in commento ha escluso...

Leggi dopo

Pagine