Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

È legittima la delega orale al sostituto processuale

08 Novembre 2018 | di Andrea Nocera

Cass. pen., Sez. I,

Difesa e difensore

Con la sentenza in commento, la Suprema Corte affronta, in via preliminare, la questione della possibilità di conferire delega orale al sostituto processuale ex art. 102 c.p.p. da parte del difensore di fiducia dell'imputato illustra le ragioni per le quali ha ritenuto il sostituto, in tali forme delegato, legittimato al patrocinio.

Leggi dopo

Sulla trasmissione a mezzo Pec degli atti di parte: c'è realmente un contrasto in Cassazione?

07 Novembre 2018 | di Valeria Bove

Cass. pen., Sez. III,

Notifiche telematiche

La questione che la Corte affronta, sia pur per evidenziare la non manifesta infondatezza del ricorso, riguarda la possibilità per la parte privata, e più specificamente per il difensore, di depositare atti trasmettendoli con Pec.

Leggi dopo

Le Sezioni unite ammettono la confisca allargata per i delitti tentati aggravati da metodo mafioso

06 Novembre 2018 | di Giuseppina Anna Rosaria Pacilli

Cass. pen., Sez. unite

Misure di sicurezza

La questione di diritto, per la quale i ricorsi sono stati rimessi alle Sezioni unite, concerne la possibilità di disporre – sulla base delle disposizioni normative vigenti prima della legge di riforma del codice antimafia – il sequestro preventivo...

Leggi dopo

Usura. Sulla rilevanza penale degli interessi di mora

06 Novembre 2018 | di Gian Luigi Mastio

Trib. Cagliari

Usura

La sentenza in commento, fra le varie questioni affrontate, si è diffusamente soffermata sul tema attinente al momento consumativo del reato di usura e, altresì, su quello relativo alla rilevanza penale degli interessi di mora.

Leggi dopo

Cure ayurvetiche e imputazione per omicidio colposo. Il necessario accertamento della condotta alternativa lecita

02 Novembre 2018 | di Vittorio Nizza

Cass. pen., Sez. IV

Attività medico-chirurgica

La sentenza in epigrafe si incentra principalmente sulla problematica della prova della sussistenza del nesso causale tra la condotta e l’evento; questione di particolare rilevanza e difficoltà probatoria quando si verta in un’ipotesi, come quella ...

Leggi dopo

Resistenza a più pubblici ufficiali: reato continuato, concorso formale o un unico reato?

31 Ottobre 2018 | di Laura Piras

Cass. pen, Sez. unite

Resistenza a un p.u.

La condotta di chi usa violenza o minaccia, commessa con un'unica azione od omissione per opporsi a più pubblici ufficiali o incaricati di pubblico servizio nel caso appena detto, configura un reato unico ovvero un concorso formale di reati o un reato continuato?

Leggi dopo

La responsabilità penale del sindaco di una società per omessa vigilanza

31 Ottobre 2018 | di Angelo Salerno

Cass. pen, Sez. V

Reati fallimentari

Il sindaco di una società di capitali dispone di poteri impeditivi idonei ad evitare la commissione di reati da parte degli amministratori? In presenza di un contributo causale giuridicamente rilevante del sindaco alla commissione del reato da parte degli amministratori, quali sono gli indici che consentono di accertare l'elemento soggettivo del reato?

Leggi dopo

Quando è ammissibile l'istanza di rinvio dell’udienza trasmessa a mezzo Pec?

30 Ottobre 2018 | di Luigi Giordano

Cass. pen., Sez. V,

Notifiche telematiche

L’impiego di una modalità di trasmissione che esula da quelle contemplate dall’art. 121 c.p.p. determina l’irricevibilità o l’inammissibilità dell’istanza di rinvio? Qualora la richiesta di rinvio non sia stata presa in considerazione dal giudice, quali oneri probatori gravano sul difensore che intenda eccepire la nullità del giudizio per la violazione del diritto di difesa?

Leggi dopo

Concorso di circostanze eterogenee a effetto speciale e ragguaglio della pena pecuniaria

29 Ottobre 2018 | di Paolo Pittaro

Cass. pen., Sez. IV,

Circostanze del reato

Nella disciplina della fattispecie concreta, del tutto corretti sono i riferimenti alle norme del codice della strada. La questione giuridica sorge, invece, in ordine all'applicazione dell'art. 63, comma 4, c.p. Tale disposizione, come è noto, sancisce la disciplina del concorso omogeneo delle circostanze (così come l'art. 69 c.p. viene a disporre del concorso eterogeneo). Se, dunque, concorrono circostanze dello stesso segno...

Leggi dopo

I difficili rapporti tra provvedimenti ablatori del giudice penale e dichiarazione di fallimento

29 Ottobre 2018 | di Ciro Santoriello

Cass. pen., Sez. III

Sequestro preventivo

Il tema dei rapporti fra responsabilità da reato degli enti collettivi e le procedure concorsuali è venuto più volte all'attenzione della Corte di legittimità. È evidente infatti che frequentemente il patrimonio di una società può essere oggetto di...

Leggi dopo

Pagine