Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Violazione degli obblighi di assistenza familiare in caso di separazione: regime di procedibilità e riserva di codice

12 Giugno 2020 | di Angelo Salerno

Cass. pen, Sez. VI

Violazione degli obblighi di assistenza familiare

La questione sottoposta ai giudici di legittimità attiene al regime di procedibilità operante in relazione al delitto di “Violazione degli obblighi di assistenza familiare in caso di separazione o di scioglimento del matrimonio”, di cui all'art. 570 bis c.p.

Leggi dopo

La “variabile culturale” non scrimina la lesione di diritti inviolabili né inficia l’attendibilità della parte lesa

11 Giugno 2020 | di Alessia Sorgato

Cass. pen., Sez. III,

Cause di giustificazione

La sentenza che si annota tocca uno degli argomenti più attuali e suggestivi in tema di dolo e di cause di sua esclusione, invocato plurime volte nelle aule di giustizia (e lì condiviso invero molto di rado) concernente credo religiosi e convinzioni socio-culturali, quando portatori di valori o concessivi di diritti confliggenti con quelli protetti dal nostro ordinamento giuridico.

Leggi dopo

Uso dei risultati delle intercettazioni in procedimenti diversi: i principi della sentenza “Cavallo” si applicano anche ai procedimenti in corso

09 Giugno 2020 | di Luigi Giordano

Cass. pen., Sez. VI,

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

Autorizzate intercettazioni per la ricerca della prova di determinati reati, è frequente nella prassi che emergano altri reati. In questi casi, trova applicazione la disciplina dell'art. 270 c.p.p., come interpretato dalla sentenza delle Sezioni unite “Cavallo”, che di recente ha mutato l'indirizzo in precedenza prevalente.

Leggi dopo

L'art. 191 c.p.p. non ostacola il prelievo del DNA per violazione della privacy

08 Giugno 2020 | di Ferdinando Brizzi

Cass. civ., Sez. III,

Privacy

La categoria della inutilizzabilità della prova ex art. 191 c.p.p. – posta a tutela del diritto di difesa dell'imputato: cfr. artt. 193, commi 3 e 7, 197-bis, comma 5, artt. 203, 240, 270, 271, 350, comma 6 e 7, c.p.p. – non è contemplata nell'ordinamento processuale civile, non venendo in rilievo, nei giudizi in cui si controverte di diritti aventi fonte in rapporti di diritto privato...

Leggi dopo

Sospensione condizionale della pena subordinata a una prestazione pecuniaria e capacità ad adempiere: un contrasto giurisprudenziale mai composto

05 Giugno 2020 | di Federica Tondin

Sospensione condizionale della pena

In relazione all'obbligo per il giudice della cognizione, che intenda subordinare il beneficio della sospensione condizionale della pena al risarcimento del danno ovvero al pagamento di una provvisionale determinata…

Leggi dopo

Bancarotta fraudolenta documentale e prova dell'elemento soggettivo dell'amministratore “testa di legno”

01 Giugno 2020 | di Gabriele Minniti, Francesca Massimo

Cass. pen., Sez. V,

Reati fallimentari

La questione sottoposta al vaglio della Cassazione riguarda la necessità di acquisire la prova della sussistenza dell'elemento soggettivo in capo all'amministratore formale di una società, per la sussistenza del reato di bancarotta fraudolenta documentale in capo allo stesso.

Leggi dopo

Sulla competenza per territorio nel reato di truffa online compiuto mediante accredito su carta postepay

29 Maggio 2020 | di Alessandro Schillaci

Cass. pen., Sez. II

Truffa

Nel delitto di truffa, quando il profitto è conseguito mediante accredito su carta di pagamento ricaricabile (nella specie “postepay”), il tempo e il luogo di “consumazione” del reato sono…

Leggi dopo

Falso nella cartella infermieristica. Quando il fatto è aggravato di pubblico servizio?

28 Maggio 2020 | di Irene Coppola

Cass. pen., Sez. V

Falsità materiali ed ideologiche

L'infermiere in ragione dell'attività espletata, riveste la qualità di incaricato di pubblico servizio, in quanto tale attività persegue finalità pubbliche di rilievo costituzionale, garantendo il diritto alla salute, ai sensi dell'art. 32 Cost. e, come evidenziato dalla l. n. 251 del 2000, art. 1 si inscrive appunto in un'attività diretta alla prevenzione, alla cura e salvaguardia della salute individuale e collettiva.

Leggi dopo

La Consulta estende i poteri cautelari del magistrato di sorveglianza anche alla semilibertà in caso di pena superiore a sei mesi ma non a quattro anni

27 Maggio 2020 | di Leonardo Degl'Innocenti, Francesco Faldi

Corte Cost.

Semilibertà

È costituzionalmente illegittimo l'art. 50, comma 6 della legge 26 1954 n. 354 e s.m.i. nella parte in cui non consente al magistrato di sorveglianza di applicare…

Leggi dopo

La Cassazione alle prese con la configurabilità del metodo mafioso in relazione alle organizzazioni criminali autoctone

26 Maggio 2020 | di Lorenzo Cattelan

Cass. pen., Sez. II

Associazione di tipo mafioso o camorristico

Ai fini della configurazione del metodo mafioso di cui al terzo comma dell'art. 416-bisc.p. alle associazioni criminali autoctone, ossia quei sodalizi privi di una qualsiasi...

Leggi dopo

Pagine