Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

I limiti del sequestro preventivo sui conti della società per reati tributari commessi dal legale rappresentante

26 Settembre 2019 | di Alessandro Schillaci

Cass. pen., Sez. III,

Sequestro preventivo

La vicenda in esame trae origine dal sequestro preventivo ai fini della confisca diretta o per equivalente disposto dal GIP di Udine nei confronti sia dell'indagato - quale legale rappresentante e socio accomandatario – sia della società per il reato dell'art. 10-bis d.lgs. n. 74/2000. A suo carico pendeva dunque un procedimento penale per...

Leggi dopo

Improcedibilità per particolare tenuità o per remissione di querela: qual è l’epilogo più favorevole per l’imputato?

25 Settembre 2019 | di Valeria Bove

Cass. pen., Sez. V,

Giudice di pace

Sussiste l'interesse dell'imputato a impugnare la pronuncia del giudice di pace d'improcedibilità per particolare tenuità del fatto, per ottenere la medesima declaratoria d'improcedibilità, ma con una formula diversa, ossia per remissione (in questo caso, per comportamento concludente) di querela?

Leggi dopo

La rideterminazione delle pene accessorie fallimentari non ha effetti sulla pena patteggiata

24 Settembre 2019 | di Niccolò Bertolini Clerici

Cass. pen., Sez. V,

Reati fallimentari

La sentenza in commento riconosce (i) la necessità che il giudice, per la determinazione della durata delle pene accessorie fallimentari, svolga una valutazione di merito, facendo ricorso ai parametri di cui all'art. 133 cod. pen., anche in caso di patteggiamento e (ii) l'irrilevanza di una pattuizione delle parti volta a concordare tale durata.

Leggi dopo

L'individuazione degli atti interruttivi della prescrizione nel processo avverso gli enti collettivi

23 Settembre 2019 | di Ciro Santoriello

Cass. pen., Sez. IV

Prescrizione del reato

Nel risolvere la questione inerente l'individuazione del momento della produzione degli effetti interruttivi della contestazione, la sentenza in esame ricorda che alcune pronunce hanno sostenuto che «in tema di responsabilità da reato delle persone giuridiche, la richiesta di rinvio a giudizio nei confronti dell'ente, in quanto atto di contestazione dell'illecito...

Leggi dopo

La consapevolezza del convivente in merito alla detenzione di sostanze stupefacenti integra il concorso nel reato?

18 Settembre 2019 | di Chiara Fiandanese

Cass. pen., Sez. III

Concorso (eventuale) di persone nel reato

La questione presa in esame è la seguente: come deve essere qualificata la condotta di colui che è consapevole della detenzione di sostanze stupefacenti da parte del soggetto con il quale convive, concorso nel reato o connivenza non punibile?

Leggi dopo

Sottrazione e trattenimento di minore all’estero. Ombre di incostituzionalità sulla sospensione dall’esercizio della responsabilità genitoriale

16 Settembre 2019 | di Piera Gasparini

Cass. pen., Sez. VI,

Delitti contro la famiglia

La questione affrontata dalla decisione in commento riguarda la disciplina della fattispecie penale di cui all'art. 574-bis c.p., in punto di applicazione automatica della...

Leggi dopo

Decesso del paziente e valutazione del perimetro di responsabilità del medico specializzando

13 Settembre 2019 | di Vittorio Nizza

Attività medico-chirurgica

Le questioni sottoposto al vaglio della Corte di Cassazione riguardano in primo luogo la sussistenza del nesso eziologico tra il comportamento del chirurgo, comunque connotato da alcuni profili di negligenza, e il decesso del paziente e in secondo luogo la posizione dell'aiuto chirurgo – medico specializzando – che aveva assistito il chirurgo sia nell'attività operatoria che nel successivo decorso del paziente.

Leggi dopo

Quella logica giurisprudenziale del risultato, perseguita adattando regole e rielaborando istituti processuali, che lede il diritto di difesa

12 Settembre 2019 | di Leonardo Iannone

Cass. pen., Sez. III,

Difesa e difensore

In presenza del rifiuto espresso dal difensore di ufficio appena designato di accettare la elezione di domicilio presso di lui fatta alla polizia giudiziaria dalla persona sottoposta alle indagini non seguito da una nuova e diversa elezione di domicilio, è da ritenersi legittimamente effettuata al medesimo difensore la notificazione...

Leggi dopo

Detenzione: i criteri di computo dello spazio minimo disponibile per la valutazione del trattamento inumano e degradante

10 Settembre 2019 | di Veronica Manca

Cass. pen., Sez. V,

Rimedi risarcitori ex art. 35-ter ord. pen.

Si torna nuovamente a discutere, in un momento in cui il sovraffollamento carcerario è un problema strutturale e diffuso, dei criteri di computo dello spazio minimo disponibile al di sotto del quale si configura la violazione dell'art. 3 CEDU. Come noto, la Corte europea individua nella misura di 3 metri quadri, il limite vitale per ogni detenuto in celle condivise; 7 metri quadrati in caso di celle singole (secondo le indicazioni del CPT).

Leggi dopo

L'acquisizione dei tabulati telefonici e il diritto sovranazionale in tema di tutela della privacy

09 Settembre 2019 | di Luigi Giordano

Cass. pen., Sez. III,

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

La disciplina dell'art. 132 codice in materia di protezione dei dati personali, nella parte in cui prevede che i dati relativi al traffico telefonico, conservati dal fornitore per ventiquattro mesi dalla data della comunicazione per finalità di accertamento e repressione di reati, sono acquisiti presso il fornitore con decreto motivato del pubblico ministero, anche su istanza del difensore dell'imputato, della persona sottoposta alle indagini, è conforme alle regole unionali?

Leggi dopo

Pagine