Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Reati fallimentari

Compensi all'amministratore di una società in dissesto: bancarotta fraudolenta o preferenziale?

13 Luglio 2017 | di Andrea Nocera

Cass. pen., Sez. V,

Reati fallimentari

La percezione da parte di un soggetto che rivesta ruoli di gestione di una società (quale, ad esempio, il presidente del consiglio di amministrazione ovvero l'amministratore delegato) di somme per compensi spettanti agli amministratori, ancorchè la società versi in uno stato di dissesto, configura in ogni caso una ipotesi di bancarotta fraudolenta per distrazione?

Leggi dopo

La bancarotta fraudolenta per distrazione tra società collegate o infragruppo

17 Maggio 2017 | di Marco Marzari

Cass. pen., Sez. V

Reati fallimentari

La questione che viene portata all’esame della Corte concerne i rapporti patrimoniali tra distinte società appartenenti allo stesso gruppo societario. Nello specifico, ciò che viene qui analizzato sono le fuoriuscite di denaro dal patrimonio della società (poi) fallita a vantaggio di altre società “consorelle” ed il quesito che si pone è se ...

Leggi dopo

La bancarotta fraudolenta patrimoniale come reato di pericolo concreto

08 Maggio 2017 | di Renato Bricchetti

Cass. pen, Sez. V

Reati fallimentari

Nell’annullare con rinvio la decisione della Corte di merito la Cassazione, dopo avere indugiato sulla linea di confine esistente tra il delitto societario di infedeltà patrimoniale e la bancarotta fraudolenta prefallimentare per distrazione ...

Leggi dopo

Anche per la Cassazione la sentenza di fallimento è una condizione di punibilità

14 Aprile 2017 | di Ciro Santoriello

Cass. pen., Sez. V,

Reati fallimentari

La natura della sentenza dichiarativa di fallimento è uno dei più discussi nell'ambito del diritto penale. In realtà, per molto tempo la giurisprudenza non ha manifestato incertezze in proposito. Abbandonate tesi più risalenti, la Cassazione in maniera assolutamente costante ha affermato la tesi secondo cui ...

Leggi dopo

Rilevanza penale delle condotte post concordatarie dell’amministratore

28 Febbraio 2017 | di Stefano Morri, Francesco Rubino

Cass. pen., Sez. V

Reati fallimentari

La scriminante prevista dall’art. 217-bis, comma 1, l. fall. per le operazioni spoliative del patrimonio sociale compiute dopo l’ammissione al concordato preventivo opera limitatamente alle ipotesi di bancarotta preferenziale ...

Leggi dopo

Il concorso dell’extraneus nei reati fallimentari

02 Febbraio 2017 | di Enrico Corucci

Cass. pen., Sez. V

Reati fallimentari

In tema di reati fallimentari, è configurabile il concorso nel reato di bancarotta fraudolenta da parte di persona diversa dall’imprenditore fallito ovvero estranea, anche di fatto, all’organo amministrativo della società fallita qualora la condotta realizzata ...

Leggi dopo

Ed adesso abbiamo anche il “sindaco di fatto”…

30 Giugno 2016 | di Ciro Santoriello

Cass. pen., Sez. V

Reati fallimentari

Nell'ambito di un procedimento per bancarotta fraudolenta, in sede di merito venivano condannati per i reati di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale, accanto gli amministratori della società, anche i componenti del collegio sindacale. Questi ultimi ricorrevano per cassazione censurando le decisioni che le ricordavano in particolare perché le stesse non avevano considerato che la loro imputazione nella qualità di componente del collegio sindacale era giuridicamente errata per il fatto che gli stessi da tempo non ricoprivano più ricoperto la qualifica di revisore contabile e dunque non potevano neanche rivestire l'incarico di sindaco.

Leggi dopo

Il rapporto tra il reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale e il reato di bancarotta impropria societaria

29 Febbraio 2016 | di Enrico Corucci

Cass. pen., Sez. V

Reati fallimentari

Viola il principio di correlazione con l’accusa la sentenza che, in presenza di una imputazione di bancarotta fraudolenta per distrazione, riqualifichi il fatto come bancarotta impropria societaria, in quanto il primo reato è di pericolo concreto e non pretende l’esistenza di un nesso eziologico tra la condotta ed il fallimento.

Leggi dopo