Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Carcere: trattamenti inumani e spazio minimo vitale

23 Febbraio 2017 | di Francesca Di Muzio

Cass. pen., Sez. I

Rimedi risarcitori ex art. 35-ter ord. pen.

Per spazio minimo individuabile in cella collettiva va intesa la superficie della camera detentiva fruibile dal singolo detenuto ed idonea al movimento, il che comporta la necessità di detrarre dalla complessiva superficie non solo lo spazio destinato ai servizi igienici e quello occupato dagli arredi fissi, ma anche quello occupato dal letto.

Leggi dopo

Messa alla prova: incostituzionale la mancata previsione di incompatibilità per il giudice che ha respinto la richiesta?

23 Febbraio 2017 | di Ottavia Murro

Corte cost.,

Sospensione del procedimento con messa alla prova

Con ordinanza del 9 maggio 2015, il tribunale di Firenze, ha sollevato la questione di illegittimità costituzionale dell'art. 34, comma 2, c.p.p., nella parte in cui

Leggi dopo

La nozione di “residenza” rilevante ai fini del rifiuto dell'esecuzione di un Mae

22 Febbraio 2017 | di Andrea Bigiarini

Cass. pen., Sez. VI,

Mandato di arresto europeo (MAE)

La nozione di residenza sul territorio italiano rilevante ai fini del rifiuto della consegna di un cittadino dell'Unione europea, da parte della Corte di appello richiesta di dare esecuzione ad un mandato di arresto europeo (Mae), presuppone un radicamento reale e non estemporaneo della persona nello Stato ...

Leggi dopo

La Corte di cassazione torna sul c.d. abuso di ufficio non patrimoniale

22 Febbraio 2017 | di Maria Hilda Schettino

Cass. pen., Sez. VI

Abuso di ufficio

La Corte di cassazione dedica particolare attenzione alla disamina dei criteri di configurabilità dell'elemento oggettivo del reato di abuso di ufficio, in relazione ai profili della sussistenza o insussistenza, nel caso di specie, di una violazione di legge e di un danno ingiusto ascrivibili agli imputati.

Leggi dopo

L'invito (accolto) a precisare l'imputazione non rende incompatibile il Gup

17 Febbraio 2017 | di Alessandro Trinci

Corte cost.

Incompatibilità del giudice

Il giudice che, avendo ravvisato, nel corso dell'udienza preliminare, un fatto diverso da quello contestato, abbia invitato il pubblico ministero a procedere, nei confronti dello stesso imputato e per il medesimo fatto storico, alla modifica dell'imputazione, invito al quale il pubblico ministero abbia aderito, diviene incompatibile a svolgere le medesime funzioni?

Leggi dopo

Lo stabile asservimento del pubblico ufficiale agli interessi dei privati integra la fattispecie della corruzione c.d. propria

17 Febbraio 2017 | di Giuseppe Marra

Cass. pen., Sez. VI,

Corruzione

In tema di corruzione, lo stabile asservimento del pubblico ufficiale ad interessi personali di terzi, attraverso il sistematico ricorso ad atti contrari ai doveri di ufficio, ancorché non predefiniti, né specificamente individuabili ex post, ovvero ...

Leggi dopo

Illegittimità costituzionale dell’art. 197-bis, commi 3 e 6 c.p.p., con riferimento all’assolto “perché il fatto non sussiste”

16 Febbraio 2017 | di Carlotta Conti

Testimonianza

È costituzionalmente illegittimo, per contrasto con l'art. 3 Cost., il comma 6 dell'art. 197-bis c.p.p., nella parte in cui prevede l'applicazione della disposizione di cui all'art. 192, comma 3 c.p.p. anche per le dichiarazioni rese dalle persone, indicate al comma 1 dell'art. 197-bis c.p.p., nei cui confronti ...

Leggi dopo

Reati tributari e limiti alla confisca per equivalente

15 Febbraio 2017 | di Francesca Di Muzio

Cass. pen., Sez. III

Reati tributari

La Corte di cassazione con la sentenza n. 30995 del 20 luglio 2016 è tornata ad esprimersi in tema di sequestro per equivalente, focalizzando l'attenzione sull'onere probatorio relativo alla dimostrazione dell'impossibilità di procedere al sequestro del profitto diretto del reato.

Leggi dopo

I nuovi delitti di omicidio e lesioni stradali: da concorso di reati a reato complesso

13 Febbraio 2017 | di Fabio Piccioni

Cass. pen., Sez. IV

Omicidio colposo (e omicidio stradale)

Qual è la natura giuridica del nuovo delitto di omicidio stradale? E quali le conseguenze in ordine alle sanzioni amministrative accessorie? Va ribadita la giurisprudenza di questa Corte secondo la quale, ai sensi dell'art. 589, comma 3, c.p. vigente sotto la l. 24 luglio 2008 n. 125, in caso di omicidio colposo o di lesione colposa e di contemporanea violazione delle norme sulla circolazione stradale ...

Leggi dopo

Altra tappa nella vicenda Taricco: gli atti tornano alla Corte di giustizia Ue

10 Febbraio 2017 | di Maria Hilda Schettino

Corte cost.

Prescrizione del reato

Nell'ordinamento giuridico italiano, la prescrizione è un istituto di natura sostanziale e il suo regime legale è soggetto al principio di legalità in materia penale, espresso dall'art. 25, comma 2, Cost. Pertanto, è necessario che essa sia analiticamente descritta da una norma vigente al tempo di commissione del fatto, al pari del reato e della pena, essendo un istituto che incide sulla punibilità della persona.

Leggi dopo

Pagine