Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Confisca per equivalente del profitto del reato tributario e commisurazione all'importo delle sanzioni tributarie

27 Giugno 2017 | di Corrado Sanvito

Cass. pen., Sez. III

Confisca per equivalente

La sentenza in commento affronta la questione della possibilità di ritenere profitto del reato tributario la (anche la) sanzione amministrativa tributaria. Presupposto della questione è la confisca obbligatoria del profitto del reato tributario; quindi la confisca dello stesso per equivalente valore.

Leggi dopo

La configurabilità del peculato per uso indebito dell'autovettura di servizio

23 Giugno 2017 | di Alessandro Trinci

Cass. pen., Sez. VI

Peculato

Per l'integrazione del delitto di peculato d'uso mediante l'utilizzo dell'autovettura di servizio per scopi privati è necessaria la configurazione di un danno a carico della pubblica amministrazione oppure è sufficiente il mero uso indebito del mezzo?

Leggi dopo

La Corte costituzionale sulla concessione della detenzione domiciliare speciale ai soggetti condannati per reati ostativi

22 Giugno 2017 | di Valentina Sellaroli

Corte cost.

Detenzione domiciliare

È costituzionalmente illegittimo l'art. 47-quinquies, comma 1-bis, della legge 26 luglio 1975, n. 354 (Norme sull'ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà), limitatamente alle parole «Salvo che nei confronti delle madri condannate per taluno dei delitti indicati nell'art. 4-bis».

Leggi dopo

La Cassazione delimita il rapporto tra qualifica soggettiva e fatto commesso nel reato di depistaggio

22 Giugno 2017 | di Pierluigi Di Stefano

Cass. pen, Sez. VI,

Delitti contro l’amministrazione della giustizia

La Corte di cassazione interviene per la prima volta sul nuovo reato, introdotto dalla legge 11 luglio 2016, n. 133, di frode in processo penale e depistaggio, che sanziona le condotte di pubblici ufficiali ed incaricati di pubblico servizio i quali, mediante inquinamento delle prove o fornendo false ...

Leggi dopo

Continuo abuso dei mezzi di correzione: reato continuato o maltrattamenti in famiglia?

20 Giugno 2017 | di Chiara Fiandanese

Cass. pen., Sez. VI

Abusi penalmente rilevanti (dei mezzi di correzione o di disciplina; di autorità contro arrestati o detenuti)

Le questioni esaminate nella sentenza in commento sono: quali sono i limiti che non deve superare il potere educativo esercitato dal genitore nei confronti del figlio; qual è il rapporto fra il reato di maltrattamenti in famiglia e il reato di abuso di mezzi di correzione; e se, il reiterato abuso dei mezzi di correzione può condurre ...

Leggi dopo

Estradizione dall'estero: preclusioni e limiti dell'incidente di esecuzione in materia di Mae e di violazione della clausola di specialità

15 Giugno 2017 | di Enrico Campoli

Cass. pen., Sez. I,

Mandato di arresto europeo (MAE)

Nel perimetro decisionale dell'incidente di esecuzione (art. 666 c.p.p.) non possono mai rientrare questioni attinenti il mandato d'arresto europeo, così come la violazione della clausola di specialità non può esservi dedotta per la prima volta ovvero essere riproposta.

Leggi dopo

Anche Totò Riina ha diritto ad una “morte dignitosa”

14 Giugno 2017 | di Leonardo Filippi

Cass. pen., Sez. I

Detenzione

Sta suscitando molto clamore la sentenza della Corte di cassazione che ha annullato l'ordinanza del tribunale di sorveglianza di Bologna, il quale aveva respinto l'istanza del capo di Cosa nostra, Salvatore Riina, al regime di cui all'art. 41-bis ord. penit. nel carcere di Parma, che chiedeva il differimento della pena ex art. 147 n. 2 c.p. ...

Leggi dopo

Ricettazione: l'onere di allegazione in capo all'imputato non è onere della prova della sua innocenza

13 Giugno 2017 | di Paola Borrelli

Cass. pen., Sez. II,

Ricettazione

Se il silenzio o l'indicazione lacunosa della provenienza di un telefono cellulare da parte del suo possessore possano essere considerati sintomatici della sua consapevolezza circa la provenienza delittuosa del bene ovvero se pretendere tale precisa indicazione significhi invertire l'onere della prova a carico dell'imputato.

Leggi dopo

Montefibre II. I limiti di utilizzabilità del precedente acquisito ex art. 238-bis c.p.p. in relazione alla colpa “in senso soggettivo”

12 Giugno 2017 | di Giuseppe Todaro

Cass. pen., Sez. IV

Prova

Con la pronuncia in commento la Cassazione affronta la possibilità di risolvere l'accertamento dell'elemento soggettivo colposo attraverso l'utilizzazione di una sentenza resa in un precedente giudizio che abbia acquisito lo status di certezza a seguito del passaggio in giudicato e che ...

Leggi dopo

Il concorso di colpa del danneggiato non esclude la responsabilità del conducente per sorpasso “azzardato”

09 Giugno 2017 | di Carlo Cavallo

Cass. pen., Sez. IV

Circolazione stradale

I profili giuridici di maggiore interesse affrontati dalla sentenza in commento attengono senz'altro alla ripartizione della colpa in capo agli attori del fatto da cui è scaturito il sinistro stradale. In particolare, dirimente appare la scelta tra le due opposte soluzioni che sembrano delinearsi ...

Leggi dopo

Pagine