Focus

Focus

Le linee-guida del tribunale di Palermo per gli amministratori giudiziari: la giurisprudenza anticipa la riforma del codice antimafia

08 Maggio 2017 | di Antonio Balsamo

Misure di prevenzione

Il sistema dell'amministrazione giudiziaria dei beni sottoposti a misure di prevenzione patrimoniali, dal quale dipende in larga misura la legittimazione “esterna” della lotta alla mafia nel processo di integrazione giuridica europea, ha attraversato ...

Leggi dopo

Alcune riflessioni sulla sospensione ‘condizionale' della confisca ai sensi del comma 2 dell'art. 12-bis, d. lgs. 74/2000

05 Maggio 2017 | di Luca Mazzanti, Loretta Loretti

Sequestro preventivo

In questo breve lavoro, si affronta la portata della norma di cui al comma 2 dell'art. 12-bis, d.lgs. 74/2000. Con tale precetto, il Legislatore ha inteso sospendere l'apprensione definitiva al patrimonio dello Stato dei beni confiscati nel caso in cui il contribuente abbia aderito formalmente a taluna delle procedure finalizzate a consentirgli il pagamento del debito erariale. In caso di estinzione, totale o parziale, del debito erariale la non operatività della confisca diviene, in tutto o in parte, definitiva.

Leggi dopo

Dove sono finite le indagini difensive?

28 Aprile 2017 | di Cristiana Valentini

Indagini difensive

Alla vigilia dell’ennesima riforma codicistica frastagliata e carente e nell’eco di sentenze che suscitano più di una riflessione pessimistica sulle chances del nostro sistema di approdare finalmente ad un processo penale davvero equo, viene spontaneo porsi un dubbio: ma che fine ha fatto l’istituto delle indagini difensive? E dire che esso era chiamato a rappresentare la chiave di volta dell’effettività del diritto alla prova e così esordiva in effetti la relazione della Commissione Giustizia ...

Leggi dopo

L'abusivo utilizzo dell'autovettura di servizio per fini personali: un caso di ampio e variegato diritto vivente

26 Aprile 2017 | di Daniele Livreri

Abuso di ufficio

Sebbene sembrasse definitivamente consolidato l'indirizzo ermeneutico secondo cui l'abusivo utilizzo dell'autovettura di servizio costituisce peculato d'uso, alcune recenti pronunce della suprema Corte hanno riproposto, all'interno della sesta Sezione, il contrasto in ordine alla qualificazione della fattispecie in epigrafe, ritenendo ...

Leggi dopo

Il garante nazionale dei detenuti, fra passi in avanti e criticità irrisolte

24 Aprile 2017 | di Francesca Di Muzio

Detenzione

Il presente contributo nasce dall’esigenza di passare in rassegna l’attività del Garante nazionale per i diritti dei detenuti ad una anno dal suo insediamento analizzando i punti di forza e le criticità degli interventi che il legislatore nazionale ha introdotto nel nostro ordinamento per porre rimedio al drammatico fenomeno del sovraffollamento carcerario.

Leggi dopo

Nuove metodologie scientifiche e giudizio di revisione. Il caso Stasi

18 Aprile 2017 | di Roberto V. O. Valli

Revisione

Nel presente contributo si vuole quindi verificare se le nuove prove raccolte dalla difesa di Alberto Stasi dopo la condanna – relative in particolare ad una diversa valutazione dei tracciati elettroforetici elaborati in sede di perizia genetica nel processo di appello bis – possano o meno giustificare la riapertura del processo.

Leggi dopo

Modello di organizzazione della governance in funzione penalistica

11 Aprile 2017 | di Dario Scarpa

Responsabilità degli enti

La valutazione del modello di organizzazione della società per azioni, allo scopo di indagare le possibili ripercussioni di ordine penale sulle condotte amministrative dei componenti l'organo di amministrazione, vuole la ricostruzione della disciplina societaria in materia di obblighi informativi, transitivi e riflessivi, a carico dei soggetti agenti (ex art. 2381 c.c.).La disciplina introdotta dalla recente riforma societaria vede negli amministratori delegati i soggetti che, nel momento organizzativo della società di capitali, devono occuparsi della gestione dell'impresa; questi vengono, di conseguenza, considerati come la sorgente dei flussi informativi che ...

Leggi dopo

Il concorso eventuale nei reati associativi tra moniti sovranazionali, resistenze domestiche e questioni aperte

07 Aprile 2017 | di Alessandro Trinci

Concorso esterno nei reati associativi

L'annoso dibattito sulla configurabilità del concorso esterno nei reati associativi, sopitosi negli ultimi anni, ha ricevuto di recente una forte rivitalizzazione ad opera della decisione della Corte europea dei diritti dell'uomo assunta nel 2015 su ricorso di Bruno Contrada, condannato in Italia per concorso esterno in associazione mafiosa. A fronte di tale importante pronuncia vi è stata, sul piano interno, una iniziativa (bocciata) per estendere il dicta europeo anche ad altri condannati ...

Leggi dopo

Adeguatezza e responsabilità in funzione della corporate social responsability

05 Aprile 2017 | di Dario Scarpa

Responsabilità degli enti

Il principio di adeguatezza coincide, in senso lato, con un atteggiamento di prudenza che ha come finalità primaria quella di salvaguardare la compagine societaria da ipotetici rischi derivanti da un'adozione incontrollata di decisioni i cui effetti non sono ancora sicuri senza, però, per questo bloccare il normale iter gestorio dell'organo amministrativo, in omaggio al c.d. business judgement rule.

Leggi dopo

Finalmente una nuova disciplina per la corruzione tra privati

04 Aprile 2017 | di Roberto Zannotti

Reati societari

Ennesimo maquillage del reato di corruzione tra privati: la necessità di attuare una decisione-quadro in tema di lotta contro la corruzione nel settore privato ha indotto il Legislatore a modificare la norma già prevista all'art. 2635 c.c. Le modifiche apportate sono da condividere anche se resta il problema che il reato è rimasto procedibile, almeno rispetto ad una parte delle condotte previste, a querela di parte.

Leggi dopo

Pagine