Focus

Focus

La preclusione processuale nel “sistema di prevenzione”

27 Settembre 2018 | di Carlo Maria Pellicano, Ferdinando Brizzi

Bis in idem (divieto)

Come noto la materia delle misure di prevenzione è stata ed è spesso oggetto d'interventi giurisprudenziali che tentano di colmare i vuoti normativi che il d.lgs. 159/2011 – ancorché recentemente riformato con la l. 161/2017 – non è stato in grado di colmare. E tanto più arretra il Legislatore tanto più la giurisprudenza è costretta a intervenire. Esemplare la situazione creatasi in esito alla nota pronuncia De Tommaso nel delicatissimo settore della pericolosità generica...

Leggi dopo

Incendio delle parti comuni dell’edificio e inerzia colpevole dell’amministratore

25 Settembre 2018 | di Maria Beatrice Magro

Incendio

L’amministratore di condominio ha l’obbligo di intervenire a tutela delle parti comuni dell’edificio a prescindere dalla provenienza del pericolo; deve pertanto ritenersi che il dovere per costui di attivarsi sussista anche quando il pericolo per le parti comuni provenga da un bene di proprietà esclusiva di uno dei condomini: la posizione di garanzia concerne l’incolumità pubblica e prescinde dal fatto che il pericolo trovi origine in un bene comune...

Leggi dopo

Furto in luogo di privata dimora e furto con strappo. Problemi ricorrenti e soluzioni giurisprudenziali

24 Settembre 2018 | di Sergio Beltrani

Furto

Il primo e, per certi versi, fondamentale (quanto alle implicazioni) problema che si pone in riferimento ai reati di cui all'art. 624-bis c.p. (furto in abitazione e furto con strappo: si tratta di fattispecie distinte) riguarda l'accertamento della loro natura giuridica: trattasi di reati autonomi o di due ulteriori circostanze aggravanti del furto?

Leggi dopo

Lo “spionaggio” coniugale: limiti e garanzie di tutela nell'ambito degli accertamenti telefonici e informatici

21 Settembre 2018 | di Cesare Parodi

Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico

La crisi del rapporto coniugale determina frequentemente una serie di attività dirette a “verificare” le condotte del partner, per finalità strettamente private o per utilizzare gli elementi così raccolti in sede giudiziale. Laddove l'acquisizione di tali elementi sia posta in essere in termini penalmente rilevanti, quanto e in quali termini gli esiti dell'attività possono essere ritenuti utilizzabili?

Leggi dopo

Verso il riconoscimento automatico delle sentenze penali straniere. Il sistema Ecris

19 Settembre 2018 | di Marina Ingoglia

Riconoscimento delle sentenze penali straniere

Ecris – European Criminal Records Information System – è il sistema informativo del casellario europeo, che consente l'interconnessione telematica dei casellari giudiziari e rende effettivo lo scambio di informazioni sulle condanne fra gli Stati membri, in uno formato standard comune a tutti. Ecris dà completa attuazione, in ambito comunitario, alla Convenzione europea di mutua assistenza in materia penale...

Leggi dopo

Esercizio arbitrario delle proprie ragioni ed estorsione. La ricerca dei confini nella giurisprudenza di legittimità

06 Settembre 2018 | di Cesare Parodi

Estorsione

Se la convinzione di esercitare un diritto costituisce l'elemento individuato dalla S.C. per distinguere la condotta riferibile al delitto di esercizio arbitrario della proprie ragioni rispetto a quello di estorsione in che termini deve essere individuato, sul piano oggettivo e su quello soggettivo, tale diritto?

Leggi dopo

Sostanze dopanti. Le problematiche legate alla vendita online

05 Settembre 2018 | di Nicola Zilio, Roberto Bertuol

Doping

I reati di doping, da sempre, sono argomento di particolare interesse per gli studiosi di diritto penale; non solo perché, fin dalla loro introduzione, sono stati oggetto di forti dibattiti dottrinali e giurisprudenziali ma perché, forse soprattutto, le problematiche connesse a questi reati diventano ogni giorno più attuali. Ed ecco perché, anche se in maniera necessariamente sintetica, pare interessante provare a dare conto di alcune delle questioni più attuali e rilevanti che interessano i reati di doping.

Leggi dopo

Il ricorso straordinario per cassazione per errore di fatto cagionato dal travisamento della prova

03 Settembre 2018 | di Aldo Aceto

Cass. pen., Sez. II,

Ricorso per cassazione

Con sentenza n. 29450/2018, la Suprema Corte, Sez. II, ha ribadito il principio di diritto secondo il quale il ricorso straordinario per errore materiale o di fatto di cui all'art. 625-bis c.p.p. può avere ad oggetto l'omessa considerazione di una prova esistente ma non il suo travisamento.

Leggi dopo

Abusiva timbratura del badge tra inoffensività per irrilevanza economica del danno e non punibilità ex 131-bis

30 Agosto 2018 | di Andrea Antonio Salemme, Gemma Zamagna

Cass. pen., Sez. II

Truffa

In tema di truffa ai danni dello Stato, derivante dall'abusiva timbratura del badge di servizio da parte di un dipendente pubblico, la scarsa rilevanza del danno economico cagionato alla P.A. non esclude l'offesa tipica e quindi la sussistenza del reato, in quanto il fatto realizza di per sé una seria lesione del rapporto fiduciario tra le parti, tanto più grave quando la condotta è reiterata.

Leggi dopo

La prova scientifica informatica e la sua eterna imperfezione

21 Agosto 2018 | di Enrica Priolo

Prova

La "dimensione digitale" si caratterizza per l’estrema semplicità di alterazione dei contenuti (e, perciò, del significato probatorio).

Leggi dopo

Pagine