Focus

Focus

Autonoma valutazione degli indizi e delle esigenze di cautela: ancora disorientamenti in giurisprudenza?

07 Gennaio 2019 | di Luigi Giordano

Misure cautelari personali

La legge 16 aprile 2015, n. 47, come è noto, ha modificato l'art. 292, comma 1, lett. c), c.p.p., prevedendo la necessità di un'autonoma valutazione da parte del giudice delle esigenze cautelari e dei gravi indizi di colpevolezza. Nella giurisprudenza di legittimità sembra sussistere un contrasto sul rispetto di tale prescrizione nel caso in cui il Gip accolga la richiesta del pubblico ministero solo per talune imputazioni o solo per alcuni indagati ovvero si limiti a graduare le misure in modo diverso rispetto alla domanda cautelare.

Leggi dopo

Il delitto di autoriciclaggio. Contrasti giurisprudenziali

21 Dicembre 2018 | di Giovanni Capozio

Autoriciclaggio

La disamina degli orientamenti interpretativi emersi in seno alla giurisprudenza di legittimità attorno ai requisiti strutturali del delitto di autoriciclaggio suggerisce, in primo luogo, di esperire dei brevi cenni inerenti all'introduzione della predetta fattispecie criminosa all'interno del nostro ordinamento...

Leggi dopo

La risposta a domanda suggestiva o nociva è inutilizzabile? Ancora una volta, la Cassazione dice di no

20 Dicembre 2018 | di Michele Sbezzi

Testimonianza

Le domande suggestive, vietate dall'art. 499 c.p.p. terzo comma, non comportano la inutilizzabilità della prova, né la sua nullità.

Leggi dopo

Competizioni in velocità non autorizzate, scommesse e rapporti con il reato di omicidio stradale

19 Dicembre 2018 | di Silvio Scotti

Circolazione stradale

Il nostro Legislatore, con il d.l. 151/2003 convertito, con modificazioni, nella legge 214/2003, ha voluto disciplinare in maniera organica il fenomeno delle corse clandestine e, più in generale, le competizioni in velocità non autorizzate con veicoli a motore: tale fenomeno ...

Leggi dopo

Le nuove disposizioni di diritto penale sostanziale introdotte dal decreto sicurezza

18 Dicembre 2018 | di Fabio Piccioni

Delitti contro la persona

La l. 1 dicembre 2018, n. 132, di conversione con modifiche del d.l. 4 ottobre 2018, n. 113, c.d. decreto sicurezza, prevede, tra l'altro numerose modifiche alle norme di diritto sostanziale in materia penale. Grazie a un intervento eterogeneo, la novella risulta disseminata nel decreto tra le Disposizioni in materia di sicurezza pubblica e di prevenzione del terrorismo di cui al Capo I del Titolo II, le Disposizioni in materia di prevenzione e contrasto alla criminalità mafiosa di cui al Capo II del Titolo II, e le Disposizioni in materia...

Leggi dopo

Il braccialetto elettronico: le buone intenzioni vanificate dalla scarsa disponibilità del mezzo

17 Dicembre 2018 | di Luigi Giordano

Braccialetto elettronico

L'art. 16, comma 1, del decreto legge 4 ottobre 2018, n. 113, recante Disposizioni in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica, nonché misure per la funzionalità del Ministero dell'interno e l'organizzazione e il funzionamento dell'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, ha previsto che la misura dell'allontanamento dalla casa familiare disciplinata dall'art. 282-bis c.p.p. può essere applicata oltre i limiti di pena disciplinati all'art. 280 c.p.p. e con l'utilizzo del c.d. braccialetto elettronico anche quando...

Leggi dopo

Sanzioni pecuniarie. Il principio del reciproco riconoscimento tra Stati membri della Ue entra in azione

14 Dicembre 2018 | di Roberto Bertuol

Diritto comunitario

Con il d.lgs 37/2016 l'Italia ha dato attuazione alla decisione quadro 2005/214/Gai in tema di mutuo riconoscimento delle sanzioni pecuniarie in ambito Ue. La disciplina contempla, per il caso di richieste di riconoscimento provenienti dall'estero, la competenza della Corte d'appello di più stretto collegamento oggettivo e soggettivo con la persona condannata e la procedura secondo le forme dell'art. 127 c.p.p. Nonostante la lunga gestazione del provvedimento...

Leggi dopo

A proposito del trojan di Stato, le investigazioni altamente tecnologiche ci portano verso una “costituzione infinita”?

13 Dicembre 2018 | di Enrica Priolo

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

Il nuovo captatore informatico, come disciplinato attualmente, tiene acceso il dibattito sul rapporto tra sicurezza e libertà di partecipare alla società virtuale. Si ha bisogno della libertà per impedire all'Autorità di abusare dei suoi poteri e si ha altrettanto bisogno dello Stato per impedire l'abuso della libertà. Il core area of private life deve rappresentare un argine solido contro le derive totalitarie, sempre possibili quando si giustifica una sorveglianza di Stato a tutti i costi.

Leggi dopo

L’abolizione della protezione umanitaria e le altre novità in materia di immigrazione a opera decreto sicurezza

13 Dicembre 2018 | di Maria Donatella Laricchia

Stranieri

Le modifiche introdotte dal Legislatore in tema di immigrazione mirano ad arginare il fenomeno migratorio e a contrastare la domanda di protezione internazionale, eliminando il permesso di soggiorno per motivi umanitari e introducendo una tipizzazione delle tipologie di tutela complementare. Ciò in quanto, come esplicitato nella relazione al decreto sicurezza, la maggiore criticità del sistema è rappresentata dall'alta percentuale di riconoscimento della protezione umanitaria rispetto alla...

Leggi dopo

Indebite compensazioni fiscali: profili di responsabilità penale per il professionista

11 Dicembre 2018 | di Wenda Biondo

Reati tributari

Sul versante penal-tributario, l'interesse dello Stato ad una tempestiva ed efficace riscossione delle imposte, dei contributi e degli altri crediti è stato assicurato dalla previsione del reato di indebita compensazione di cui all'art. 10-quater del D.Lgs. n. 74/2000. Tuttavia, è innegabile come la tutela di tale bene giuridico sarebbe gravemente compromessa nel caso in cui il soggetto attivo del reato in esame venisse considerato, in maniera riduttiva, il solo contribuente. In tale contesto, la Corte di Cassazione è tornata recentemente sull'argomento e con la prima pronuncia del 18 gennaio 2018, n. 1999, successivamente ribadita nelle sentenze...

Leggi dopo

Pagine