Focus

Focus

Dichiarazioni indizianti rese da persona offesa-indagato connesso o collegato

22 Dicembre 2015 | di Carlotta Conti

Persona informata sui fatti

Con sentenza Cass. pen., Sez. V, 28 maggio 2014, n. 43508, la suprema Corte ha ribadito una massima ormai tralatizia secondo cui le dichiarazioni autoindizianti rese alla polizia giudiziaria da una persona informata sui fatti non sono utilizzabili contro chi le ha rese ma sono pienamente utilizzabili contro i terzi, perché prevale la qualità di teste-persona offesa del reato in relazione al quale si indaga rispetto a quella di possibile coindagato di reato connesso.

Leggi dopo

L’evoluzione normativa della disciplina dell’agente provocatore

18 Dicembre 2015 | di Catello Vitiello

Agente provocatore

Fino agli anni Novanta nell’ordinamento italiano l’agente provocatore non era inquadrato in alcuno scampolo del tessuto normativo, codicistico o di legislazione speciale. Nel frattempo, la giurisprudenza, aveva comunque previsto un’area di non punibilità a favore dell’agente provocatore per gli eventuali reati commessi nel corso di un’operazione di polizia giudiziaria. La prima disciplina organica che ha introdotto una specifica normativa in tema di infiltrazione si è avuta con la riforma legislativa in materia di stupefacenti, prevedendo, ai sensi dell’art. 25, legge 162/1990, poi sostituito dall’art. 97 nel d.P.R. 309/1990.

Leggi dopo

Il consenso informato nei trattamenti medico-chirurgici

16 Dicembre 2015 | di Sergio Beltrani

Consenso dell’avente diritto

Viene esaminata la possibile rilevanza scriminante del consenso informato del paziente ai trattamenti medico-chirurgici, in relazione alle varie tipologie di questi ultimi, analizzando i relativi orientamenti giurisprudenziali, che è ormai possibile ritenere, caso per caso, consolidati. L'attività medico - chirurgica, per essere legittima, presuppone il consenso del paziente, che non si identifica con quello di cui all'art. 50 c.p. ma costituisce un presupposto di liceità del trattamento, al di fuori di taluni casi eccezionali

Leggi dopo

La riforma del diritto penale tributario. Uno sguardo d’insieme

16 Dicembre 2015 | di Ciro Santoriello

Reati tributari

Con il decreto legislativo n. 158 del 2015 si è dato corpo alla riforma del diritto penale tributario, intervenendo sul contenuto del decreto legislativo 74 del 2000. Quanto agli interventi di riforma di maggior rilievo gli stessi non riscrivono le fattispecie delittuose interessate dalle innovazioni ma si limitano ad intervenire su singoli aspetti della disciplina rispetto ai quali, nel corso degli anni, la previgente normativa contenuta nel decreto legislativo del 2000 aveva mostrato necessità di integrazione o comunque aveva dato adito a dubbi interpretativi.

Leggi dopo

I mezzi di ricerca delle prove: la perquisizione

15 Dicembre 2015 | di Gian Luca Giovannini

Prova

Tra i doveri tipici della polizia giudiziaria ex art. 55 c.p.p. c’è l’attività di assicurazione delle fonti di prova. Affinché qualunque fonte di prova possa essere assicurata per la prosecuzione delle indagini e per gli esiti dibattimentali deve essere “cercata”. Tale attività penetrativa posta in essere dalla polizia giudiziaria prende il nome di perquisizione.

Leggi dopo

Patrocinio a spese dello Stato: la liquidazione del compenso per il difensore nominato

14 Dicembre 2015 | di Saverio Sapia

Patrocinio a spese dello Stato

È l’art. 82 del Testo unico d.P.R. 115/2002 a disciplinare e regolamentare l’iter di liquidazione del compenso in favore del difensore nominato dal beneficiario del patrocinio. La competenza spetta all’Autorità giudiziaria titolare del procedimento in oggetto e decide mediante decreto motivato. Nella fase delle indagini preliminari la determinazione sarà effettuata dal giudice per le indagini preliminari e, sino alla fase predibattimentale di rinvio a giudizio, compreso l’incidente probatorio e l’attività dinanzi il tribunale del riesame.

Leggi dopo

Il “complicato” rapporto tra autoriciclaggio e reati tributari

09 Dicembre 2015 | di Letizia d'Altilia

Autoriciclaggio

Il nuovo delitto di autoriciclaggio solleva un dubbio interpretativo sotto il profilo della configurabilità dello stesso in relazione agli illeciti, come quelli tributari, nei quali non vi è un profitto esterno in termini di acquisizione di nuova ricchezza. In particolare, il rischio concreto è quello di ravvisare tout court la fattispecie incriminatrice di cui all’art. 648-ter.1 c.p. laddove il contribuente abbia realizzato un risparmio di imposta conseguente ad un delitto tributario.

Leggi dopo

Delitto tentato: compatibilità con il dolo alternativo e con il dolo eventuale

07 Dicembre 2015 | di Andrea Alberico

Delitto tentato

Nonostante il tema della compatibilità tra tentativo e dolo eventuale o alternativo abbia ricevuto, negli ultimi anni, una soluzione tendenzialmente univoca da parte della giurisprudenza, esso continua ad animare la discussione scientifica e la riflessione del foro. Le soluzioni offerte, infatti, non sempre riescono a convincere della validità degli argomenti utilizzati, prestando il fianco, talvolta, a decisive critiche che ne minano l’assolutezza e la stabilità.

Leggi dopo

Giudizio immediato: criticità vecchie e nuove di una formula procedimentale parzialmente sottratta alla verifica della difesa

04 Dicembre 2015 | di Giuseppe Belcastro

Giudizio immediato

Con ordinanza del 12 maggio 2015, il tribunale di Roma, Ufficio Gup, dichiarava la nullità del decreto di giudizio immediato per omesso interrogatorio dell’imputato sui fatti costituenti l’evidenza probatoria presupposto del rito per il caso di concorrenza di reati per alcuni dei quali difettavano le condizioni per l’accesso al rito alternativo

Leggi dopo

La conservazione dei reperti alla luce della normativa sulla privacy e degli orientamenti della Corte Edu

01 Dicembre 2015 | di Gian Luca Giovannini

Prova

Conservare i reperti, legittimamente acquisiti da parte delle Forze di Polizia, al termine del processo con l’assoluzione dell’imputato integra una lesione dei principi di cui all’art. 8 della Cedu. Così si è espressa la Corte europea dei diritti dell’uomo in data 18 aprile 2013 accogliendo il ricorso n. 19522/2009 tra M.K. e lo Stato delle Francia.

Leggi dopo

Pagine