Focus

Focus

Le nuove disposizioni di diritto penale sostanziale introdotte dal decreto sicurezza

18 Dicembre 2018 | di Fabio Piccioni

Delitti contro la persona

La l. 1 dicembre 2018, n. 132, di conversione con modifiche del d.l. 4 ottobre 2018, n. 113, c.d. decreto sicurezza, prevede, tra l'altro numerose modifiche alle norme di diritto sostanziale in materia penale. Grazie a un intervento eterogeneo, la novella risulta disseminata nel decreto tra le Disposizioni in materia di sicurezza pubblica e di prevenzione del terrorismo di cui al Capo I del Titolo II, le Disposizioni in materia di prevenzione e contrasto alla criminalità mafiosa di cui al Capo II del Titolo II, e le Disposizioni in materia...

Leggi dopo

Il braccialetto elettronico: le buone intenzioni vanificate dalla scarsa disponibilità del mezzo

17 Dicembre 2018 | di Luigi Giordano

Braccialetto elettronico

L'art. 16, comma 1, del decreto legge 4 ottobre 2018, n. 113, recante Disposizioni in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica, nonché misure per la funzionalità del Ministero dell'interno e l'organizzazione e il funzionamento dell'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, ha previsto che la misura dell'allontanamento dalla casa familiare disciplinata dall'art. 282-bis c.p.p. può essere applicata oltre i limiti di pena disciplinati all'art. 280 c.p.p. e con l'utilizzo del c.d. braccialetto elettronico anche quando...

Leggi dopo

Sanzioni pecuniarie. Il principio del reciproco riconoscimento tra Stati membri della Ue entra in azione

14 Dicembre 2018 | di Roberto Bertuol

Diritto comunitario

Con il d.lgs 37/2016 l'Italia ha dato attuazione alla decisione quadro 2005/214/Gai in tema di mutuo riconoscimento delle sanzioni pecuniarie in ambito Ue. La disciplina contempla, per il caso di richieste di riconoscimento provenienti dall'estero, la competenza della Corte d'appello di più stretto collegamento oggettivo e soggettivo con la persona condannata e la procedura secondo le forme dell'art. 127 c.p.p. Nonostante la lunga gestazione del provvedimento...

Leggi dopo

A proposito del trojan di Stato, le investigazioni altamente tecnologiche ci portano verso una “costituzione infinita”?

13 Dicembre 2018 | di Enrica Priolo

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

Il nuovo captatore informatico, come disciplinato attualmente, tiene acceso il dibattito sul rapporto tra sicurezza e libertà di partecipare alla società virtuale. Si ha bisogno della libertà per impedire all'Autorità di abusare dei suoi poteri e si ha altrettanto bisogno dello Stato per impedire l'abuso della libertà. Il core area of private life deve rappresentare un argine solido contro le derive totalitarie, sempre possibili quando si giustifica una sorveglianza di Stato a tutti i costi.

Leggi dopo

L’abolizione della protezione umanitaria e le altre novità in materia di immigrazione a opera decreto sicurezza

13 Dicembre 2018 | di Maria Donatella Laricchia

Stranieri

Le modifiche introdotte dal Legislatore in tema di immigrazione mirano ad arginare il fenomeno migratorio e a contrastare la domanda di protezione internazionale, eliminando il permesso di soggiorno per motivi umanitari e introducendo una tipizzazione delle tipologie di tutela complementare. Ciò in quanto, come esplicitato nella relazione al decreto sicurezza, la maggiore criticità del sistema è rappresentata dall'alta percentuale di riconoscimento della protezione umanitaria rispetto alla...

Leggi dopo

Indebite compensazioni fiscali: profili di responsabilità penale per il professionista

11 Dicembre 2018 | di Wenda Biondo

Reati tributari

Sul versante penal-tributario, l'interesse dello Stato ad una tempestiva ed efficace riscossione delle imposte, dei contributi e degli altri crediti è stato assicurato dalla previsione del reato di indebita compensazione di cui all'art. 10-quater del D.Lgs. n. 74/2000. Tuttavia, è innegabile come la tutela di tale bene giuridico sarebbe gravemente compromessa nel caso in cui il soggetto attivo del reato in esame venisse considerato, in maniera riduttiva, il solo contribuente. In tale contesto, la Corte di Cassazione è tornata recentemente sull'argomento e con la prima pronuncia del 18 gennaio 2018, n. 1999, successivamente ribadita nelle sentenze...

Leggi dopo

Il GDPR in ambito giudiziario: fino a che punto può spingersi l'accountability?

11 Dicembre 2018 | di Ferdinando Brizzi

Privacy

Il decreto legislativo 101 del 10 agosto 2018 contiene le disposizioni per l'adeguamento della normativa nazionale ai principi del Regolamento europeo 2016/679 (c.d. GDPR), relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati, che ha abrogato la direttiva 95/46/Ce (Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati). La funzione del decreto legislativo 101/2018 è, quindi, quella di armonizzare le norme enunciate dal nostro Legislatore nel codice in materia di protezione dei dati personali (d.lgs. 196/2003) con quelle introdotte dal GDPR, entrato in vigore il 25 maggio scorso.

Leggi dopo

Mancato versamento di tributi: la crisi di liquidità può escludere la responsabilità penale

07 Dicembre 2018 | di Lorenzo Gambi

Cass. pen., Sez. III,

Reati tributari

Il mancato pagamento delle fatture da parte dei committenti dell’imprenditore può rappresentare causa di esclusione della responsabilità penale per omessi versamenti del tributo Iva. È onere dell’imputato fornire la prova di aver fatto tutto il possibile per reperire le risorse necessarie ai fini dell’adempimento dell’obbligazione tributaria, sia attraverso idonee azioni di recupero dei crediti, sia attraverso l’impiego di proprie risorse personali.

Leggi dopo

Omessa pronuncia sulla confisca nella guida in stato di ebbrezza. Quali rimedi dopo la condanna irrevocabile?

07 Dicembre 2018 | di Federica Negro

Guida sotto l'influenza dell'alcool

La natura giuridica della confisca prevista per il reato di guida in stato di ebbrezza è stata oggetto di un lungo e discusso dibattito giurisprudenziale. Difatti prima della riforma operata con la legge 120 del 29 luglio 2010, la Suprema Corte, con la pronuncia a Sezioni unite n. 23428/2010, riconduceva la confisca obbligatoria prevista dal reato in questione a natura di sanzione penale accessoria, mentre la Consulta con la sentenza n. 196/2010, qualificava la confisca come misura sanzionatoria, sottolineandone la sua natura punitiva.

Leggi dopo

Il Daspo dopo il d.l. sicurezza

06 Dicembre 2018 | di Maria Francesca Cortesi

Misure di prevenzione

Il c.d. decreto sicurezza (d.l. 4 ottobre 2018, n. 113, conv. con modif., dalla l. 1 dicembre 2018, n. 132) incide in maniera assai significativa su diversi settori dell'ordinamento giuridico con modifiche tra loro legate da un unico filo conduttore costituito dalla finalità di garantire la “sicurezza pubblica”. Non poteva, dunque, mancare un intervento anche sul settore della prevenzione e, in particolare, per quel che riguarda l'analisi che segue, sul settore della prevenzione personale, che assume un ruolo sempre più centrale e rilevante al fine di soddisfare esigenze di tutela della comunità.

Leggi dopo

Pagine