Focus

Focus

Diritto alla riparazione per ingiusta detenzione. Un percorso a ostacoli dall'esito incerto

28 Novembre 2017 | di Riccardo Polidoro, Claudia Cavaliere

Cass. pen., Sez. V,

Riparazione per ingiusta detenzione

In materia di diritto alla riparazione per ingiusta detenzione si registra, da tempo, una tendenza della giurisprudenza di legittimità a valutare il “silenzio” e la condotta “non collaborativa” dell'indagato/imputato quali elementi integranti il presupposto della colpa grave, individuato all'art. 314 c.p.p, in presenza del quale il diritto succitato non trova riconoscimento.

Leggi dopo

L'applicazione delle misure di prevenzione agli indiziati del delitto di atti persecutori

27 Novembre 2017 | di Paola Di Nicola



Misure di prevenzione

Il crescente allarme per l'estensione del fenomeno della violenza nei confronti delle donne e l'inadeguatezza dimostrata sia dalle misure cautelari che dalle sanzioni penali hanno portato il Legislatore a estendere le misure di prevenzione, utilizzate per reprimere il fenomeno mafioso, anche a soggetti pericolosi che si rendano autori delle condotte previste dall'art. 612-bis c.p. La l. 161/2017 con l'aggiunta della lettera i-ter) all'art. 4, comma 1, del d.lgs. 159/2011 (codice antimafia) inserisce nella categoria della pericolosità qualificata, tra i destinatari ...

Leggi dopo

Croce e delizia del processo penale: il DNA e le criticità della buona scienza

24 Novembre 2017 | di Carmela Parziale, Salvatore Spitaleri

Perizia e consulenza tecnica

Le innovazioni tecnologiche dell'ultimo decennio hanno consentito agli accertamenti tecnico biologici mediante analisi del DNA di dare un contributo spesso determinante all'attività investigativa. L'analisi del DNA ha così assunto un ruolo sempre più centrale nel processo penale, ma è necessario che il giurista sappia governare tale prova e i complicati aspetti metodologici e statistici che essa comporta. Altrettanto importante è essere consapevoli dei limiti dell'apporto che il test del DNA può fornire. La biologia forense sta godendo di particolare fortuna per i notevoli progressi ...

Leggi dopo

Di cosa parliamo quando parliamo di De Tommaso?

23 Novembre 2017 | di Ferdinando Brizzi, Carlo Maria Pellicano

Misure di prevenzione

Il Legislatore italiano, esattamente come nella novella del grande scrittore americano Raymond Carver (il cui di cosa parliamo atteneva ovviamente ad altro …) ha “parlato” a lungo, modificando, ampliando e dettagliando alcuni aspetti della normativa sulle misure di prevenzione ma non ha dato alcuna risposta concreta alla falla che si è oggettivamente aperta nel sistema in esito alla pronuncia della Corte Edu De Tommaso c. Italia, falla sulla quale è intervenuta la giurisprudenza interna con sentenze “riparatrici” ma sulla quale pende pericolosamente una questione di legittimità costituzionale.

Leggi dopo

Fatto diverso e riqualificazione del fatto: la necessità di una completa equiparazione a garanzia del diritto di difesa

22 Novembre 2017 | di Lorenzo Dalla Palma


Dibattimento

La riqualificazione senza previo contraddittorio ai sensi dell'art. 521, comma 1, c.p.p. si pone in insanabile contrasto da un lato, per la necessaria equiparazione fra quaestio iuris e quaestio facti, con il principio di uguaglianza a fronte del differente trattamento dell'imputato in caso di fatto diverso ai sensi del comma secondo e, dall'altro, con il diritto di difesa ...

Leggi dopo

Chi esercita la sovranità popolare? Note a margine delle linee guida palermitane sul concordato in appello

21 Novembre 2017 | di Marco Siragusa

Concordato in appello

Se «la sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione» (art. 1, comma 2, Cost.), il rappresentante del “sovrano”, il Legislatore, ha da tempo iniziato una lenta rinuncia alle proprie prerogative.

Leggi dopo

La gestione dei beni e delle aziende sequestrate nel nuovo codice antimafia

21 Novembre 2017 | di Federico Lucariello


Misure di prevenzione

Il lemma "gestire", di un qualsiasi dizionario della lingua italiana, rimanda immediatamente al condurre o comunque portare avanti un’iniziativa o un’attività o più in generale all’amministrare un’impresa per conto proprio o di terzi. È evidente però che una cosa è gestire uno o più beni di un soggetto, altro invece è gestire quel complesso di beni – non tutti necessariamente di proprietà della stessa persona – organizzati dall’imprenditore per l’esercizio dell’impresa che, secondo la definizione dell’art. 2555 c.c. costituisce l’azienda.

Leggi dopo

Misure di prevenzione patrimoniali. Impugnazioni e revocazione dopo la legge 161/2017

17 Novembre 2017 | di Davide Giugno


Misure di prevenzione

Con la legge 161 del 17 ottobre 2017 trovano accesso nel nostro ordinamento giuridico i principi interpretativi cristallizzati dalla Consulta, dai giudici della Suprema Corte, nonché provenienti dalle legittime istanza della cittadinanza.

Leggi dopo

La legge sulla concorrenza estende la lotta alle frodi assicurative anche al contenzioso civile, per poi riverberarsi in sede penale

16 Novembre 2017 | di Fabio Piccioni


Frodi penalmente rilevanti

Il contrasto alle frodi assicurative in materia R.C.A., costituisce da sempre un problema. Infatti: la tutela in sede penale, sconta le difficoltà dovute alla procedibilità a querela del delitto di truffa e alla complessità delle indagini, che fanno spesso scattare la prescrizione; la tutela in sede civile, resta affidata al rigore e alla solerzia con la quale il singolo giudice raccoglie e vaglia le prove.

Leggi dopo

Riforma codice antimafia. Il procedimento per l’applicazione delle misure di prevenzione patrimoniali

15 Novembre 2017 | di Francesco Vergine

Misure di prevenzione

Anche il procedimento applicativo è stato attinto dalla legge di riforma del codice antimafia (n. 161 del 17 ottobre 2017, pubblicata lo scorso 4 novembre 2017) con interventi direttamente riferibili all'iter procedurale o che, comunque, lo condizionano indirettamente. Presupposto imprescindibile per l'avvio di un procedimento di prevenzione è la proposta che deve essere presentata – da parte dei soggetti legittimati – al Presidente del tribunale del capoluogo di provincia in cui ...

Leggi dopo

Pagine