Contrasti giurisprudenziali

Contrasti giurisprudenziali

La revoca del patrocinio a spese dello Stato nell'ipotesi di dichiarazione reddituale non veritiera o incompleta

06 Febbraio 2020 | di Lucio Camaldo

Cass. pen., Sez. IV,

Patrocinio a spese dello Stato

La Suprema Corte è chiamata a dirimere il contrasto giurisprudenziale riguardante l'eventuale revoca del patrocinio a spese dello Stato in caso di indicazione, nell'istanza di ammissione, di una situazione reddituale non veritiera o incompleta, anche nell'ipotesi in cui i redditi effettivi non superino i limiti previsti dalla legge per ottenere il beneficio.

Leggi dopo

L’aggravante dell’agevolazione mafiosa come direzione della volontà

05 Febbraio 2020 | di Alberto Cisterna

Cass. pen., Sez. II,

Circostanze del reato

Il punto di decisione rimesso alle Sezioni unite ha un rilievo decisivo nell’applicazione di uno dei principali mezzi di contrasto che il legislatore del 1991 aveva approntato per il contrasto alla criminalità mafiosa. È un anno, il 1991, non sufficientemente attenzionato dagli storici della lotta alla mafia, ma è proprio in quei pochi mesi (che videro peraltro la presenza di Giovanni Falcone alla Direzione generale degli affari penali del Ministero di grazia e giustizia, come allora si chiamava) che si è costruito l’intero pacchetto di misure che ha più efficacemente contrastato i clan.

Leggi dopo

Esercizio arbitrario delle proprie ragioni ed estorsione: alla ricerca degli elementi differenziali

24 Gennaio 2020 | di Francesco Agnino

Cass. pen., Sez. II,

Esercizio arbitrario delle proprie ragioni

Se il reato di esercizio arbitrario delle proprie ragioni debba essere qualificato come reato proprio esclusivo e, conseguentemente, in quali termini si possa configurare il concorso del terzo non titolare della pretesa giuridicamente tutelabile. Se il reato di esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza alle persone e quello...

Leggi dopo

Se e a quali condizioni il P.M. può impugnare l'ordinanza cautelare emessa dal Gip incompetente e annullata dal riesame per mancanza dei presupposti?

21 Gennaio 2020 | di Renato Bricchetti

Cass. pen., Sez. VI

Misure cautelari personali

“Se, e a quali condizioni, sia impugnabile, da parte del pubblico ministero, l'ordinanza con la quale il tribunale del riesame abbia dichiarato l'incompetenza per territorio del giudice per le indagini preliminari che ha disposto la misura cautelare impugnata e, esclusa la ricorrenza dei presupposti per il mantenimento temporaneo della efficacia della stessa per ragioni di urgenza, abbia altresì annullato la relativa ordinanza applicativa”

Leggi dopo

Divieto di utilizzabilità delle intercettazioni telefoniche ex art. 270 c.p.p.: sull'effettiva portata della nozione di “procedimento diverso”

02 Dicembre 2019 | di Maria Simona Chelo

Cass. pen., Sez. VI,

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

Rimessa alle Sezioni Unite l'esegesi della nozione di “procedimento diverso”, necessaria, in assenza di una precisa indicazione normativa, al fine di considerare utilizzabili o meno, secondo il regime giuridico di cui all'art. 270 c.p.p., i risultati dell'attività di captazione e di superare l'annoso contrasto giurisprudenziale...

Leggi dopo

La disciplina del procedimento in absentia al vaglio delle Sezioni Unite

02 Dicembre 2019 | di Renato Bricchetti

Cass. pen., Sez. III, 17 dicembre 2018 (dep. 11 febbraio 2019), n. 6377
Cass. pen., Sez. I, 29 gennaio 2019 (dep. 1 marzo 2019), n. 9114

Procedimento in absentia

La nuova disciplina dell'assenza dell'imputato comincia a generare nodi interpretativi. Le questioni approdate alle Sezioni Unite della Corte di cassazione e che dopo l'estate (24 ottobre) saranno discusse sono due. La prima (ordinanza Cass. pen., Sez. I, 29 gennaio 2019, n. 9114, Ismail): «Se, ai fini della pronuncia della dichiarazione di assenza di cui all'art. 420-bis c.p.p., integri di per sé presupposto idoneo...

Leggi dopo

Quali rimedi contro il provvedimento che nega (o ammette) il controllo giudiziario “su richiesta”?

26 Novembre 2019 | di Ferdinando Brizzi

Cass. pen., Sez. VI,
Cass. pen., Sez. Unite,

Misure di prevenzione

Alle Sezioni Unite è stato richiesto di stabilire se sia proponibile il ricorso per cassazione avverso il provvedimento con cui il tribunale competente per le misure di prevenzione neghi l’applicazione del controllo giudiziario richiesto dall’impresa destinataria di una informazione antimafia interdittiva, ai sensi dell’art. 34 bis, comma 6 d.lgs. 159/2011.

Leggi dopo

Un nuovo intervento delle Sezioni Unite in tema di stupefacenti: l’aggravante dell’ingente quantità nelle condotte relative alle “droghe leggere”

18 Novembre 2019 | di Michele Toriello

Cass. pen., Sez. IV,

Droga (traffico di)

Se, con riferimento alle cd. "droghe leggere", la modifica del sistema tabellare realizzata per effetto del D.L. 20 marzo 2014, n. 36 convertito con modificazioni nella L. 16 maggio 2014, n. 79, imponga una nuova verifica in ordine alla sussistenza dei presupposti per l’applicazione della circostanza aggravante della ingente quantità, in considerazione...

Leggi dopo

Sezioni Unite: la sentenza della Corte EDU Contrada c. Italia non è una "sentenza pilota"

28 Ottobre 2019 | di Angela Caruso

Cass. pen., Sez. VI,

Revisione

La Suprema Corte di Cassazione a Sezioni Unite, all'esito dell'udienza del 24 ottobre 2019, Presidente Carcano, Relatore Boni, in relazione al quesito posto dalla Sezione sesta, ha fornito la seguente risposta: «negativa, in quanto la sentenza della Corte EDU del 14/4//2015 Contrada c. Italia non è una “sentenza pilota” e non può considerarsi espressione di una giurisprudenza europea consolidata».

Leggi dopo

Il ricorso per cassazione contro la sentenza di patteggiamento dopo la Riforma Orlando. Prime questioni rimesse alle Sezioni Unite

27 Settembre 2019 | di Renato Bricchetti

Patteggiamento

Il nuovo comma 2-bis dell'art. 448 c.p.p. ha già prodotto due questioni che saranno discusse dalle Sezioni Unite della Corte di cassazione all'udienza del 26 settembre 2019. La disposizione, introdotta dall'art. 1, comma 50, della legge 23 giugno 2017, n. 103, c.d. Riforma Orlando, entrata in vigore il 3 agosto 2017, riguarda il ricorso per cassazione contro la sentenza di applicazione concordata della pena...

Leggi dopo

Pagine