Contrasti giurisprudenziali

Contrasti giurisprudenziali

Disposizioni contro le immigrazioni clandestine. La natura delle fattispecie disciplinate dall’art. 12, comma 3, d.lgs. 286/1998

18 Ottobre 2018 | di Leonardo Degl'Innocenti

Cass. pen., Sez. unite
Cass. pen., Sez. I

Stranieri

Se in tema di disciplina dell'immigrazione, le fattispecie disciplinate dall'art. 12, comma terzo, del d.lgs. 25 luglio 1998, n. 286 costituiscano circostanze aggravanti del delitto di cui all'art. 12, comma primo, del medesimo d.lgs. ovvero figure autonome di reato.

Leggi dopo

Rigetto della richiesta di archiviazione e imputazione coatta per reati diversi. Sul ricorso in Cassazione dell’indagato

10 Ottobre 2018 | di Alessandro Trinci

Cass. pen., Sez. unite,
Cass. pen., Sez. VI,

Ricorso per cassazione

Se sia ammissibile il ricorso per cassazione proposto dall’indagato avverso il provvedimento del giudice per le indagini preliminari che respinga la richiesta di archiviazione e disponga la formulazione dell’imputazione ...

Leggi dopo

Bancarotta. La natura della dichiarazione di fallimento ancora al centro del dibattito giurisprudenziale

05 Ottobre 2018 | di Ciro Santoriello

Reati fallimentari

L'individuazione della natura giuridica e del ruolo che la dichiarazione di fallimento assume nell'ambito dei reati di bancarotta prefallimentare è ancora oggetto di contrasto in giurisprudenza. Abbandonata rapidamente l'isolata tesi secondo cui tale provvedimento giudiziale assumeva il ruolo di evento del reato, la Cassazione oggi divisa fra il ribadire la assai risalente tesi che vede nella dichiarazione di fallimento un elemento costitutivo sui generis dell'illecito...

Leggi dopo

Sull'obbligo della Corte di appello di giustificare l'omesso esercizio dei poteri officiosi ex art. 597, ultimo comma, c.p.p.

04 Ottobre 2018 | di Francesca Del Villano

Cass. pen., Sez. III,

Appello

Le Sezioni unite penali della Corte di cassazione sono chiamate a dirimere il contrasto interpretativo sull'art. 597, ultimo comma, c.p.p., che verte, in particolare, sull'obbligo della Corte di appello di dar conto del concreto esercizio...

Leggi dopo

Imputazione “liquida”. Conseguenze dell'indeterminatezza o genericità in base alla sede processuale in cui è rilevata

03 Ottobre 2018 | di Enrico Campoli

Imputazione

Il contrasto ha a oggetto le ripercussioni della indeterminatezza o genericità dell'imputazione: i due filoni giurisprudenziali rivendicano, da parte del giudice dibattimentale, rispettivamente, la necessità dell'invito al pubblico ministero di provvedere alle precisazioni della contestazione prima di potergli restituire gli atti...

Leggi dopo

Quale termine per il deposito della domanda di ammissione del credito in caso di confisca di prevenzione?

26 Settembre 2018 | di Raffaello Magi

Cass. pen., Sez. unite,
Cass. pen., Sez. V

Confisca (misura di prevenzione)

Se il termine di decadenza di 180 giorni, decorrente dall'entrata in vigore della legge 24 dicembre 2012, n. 228, entro cui i titolari di un diritto di credito garantito da ipoteca iscritta su beni confiscati, in esito a procedimento di prevenzione ...

Leggi dopo

La recidiva implicitamente riconosciuta. Rilevanza ai fini del calcolo del tempo necessario a prescrivere il reato

20 Settembre 2018 | di Alessandro Trinci

Cass. pen., Sez. III,

Recidiva

Se, la recidiva contestata e accertata nei confronti dell'imputato e solo implicitamente riconosciuta dal giudice di merito che, pur non ritenendo di aumentare la pena a tale titolo, abbia specificamente valorizzato, per negare il riconoscimento delle...

Leggi dopo

Rito abbreviato in sede di continuazione: un passe-partout della diminuente di pena anche per i reati giudicati con rito ordinario?

12 Settembre 2018 | di Enrico Campoli

Cass. pen., Sez. V,
Cass. pen., Sez. unite

Giudizio abbreviato

Se l'applicazione della continuazione tra reati giudicati con rito ordinario e altri giudicati con rito abbreviato comporti che soltanto a questi ultimi debba essere applicata la riduzione...

Leggi dopo

Appello avverso l'ordinanza applicativa di una misura cautelare. L'inammissibilità può essere dichiarata de plano?

10 Settembre 2018 | di Emilia Conforti

Cass. pen., Sez. VI

Appello

Se l'appello avverso un'ordinanza applicativa di una misura cautelare – nella specie, una misura interdittiva disposta a carico di una società – possa essere dichiarato inammissibile anche senza formalità ex art. 127, comma 9, c.p.p., dal tribunale che ritenga la sopravvenuta mancanza di interesse a seguito...

Leggi dopo

L'illegittimità della motivazione sintetica del provvedimento di sequestro probatorio del corpo del reato

28 Agosto 2018 | di Alessandro Trinci

Cass. pen., Sez. III
Cass. pen., Sez. unite

Sequestro probatorio

Se, per le cose che costituiscono corpo di reato, il decreto di sequestro probatorio possa essere motivato con formula sintetica ove la funzione probatoria del medesimo costituisca connotato ontologico ed immanente del compendio sequestrato...

Leggi dopo

Pagine