Homepage

Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Incostituzionalità della revoca automatica della patente in caso di condanna per reati in materia di stupefacenti

09 Marzo 2018 | di Fabio Piccioni

Cosrte cost

Circolazione stradale

L'art. 120 cod. strada, come sostituito dall'art. 3, comma 52, lett. a) l. 15 luglio 2009, n. 94, stabilisce che qualora un soggetto venga condannato per i reati di cui agli artt. 73 e 74 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309 – fatti salvi gli effetti di provvedimenti riabilitativi – il prefetto provvede alla revoca della patente di guida.

Leggi dopo
Focus Focus

L'adeguamento della normativa interna della Città del Vaticano alle disposizioni internazionali in materia di riciclaggio

09 Marzo 2018 | di Caterina Mangiola

Riciclaggio e reimpiego

L'adeguamento della normativa interna della Città del Vaticano alle disposizioni internazionali in materia di riciclaggio e finanziamento del terrorismo ha richiesto lunghi periodi di adeguamento e alcune modifiche: in questo articolo diamo brevemente conto del percorso di produzione normativa che ha portato la legislazione dello Stato pontificio alla situazione attuale. Con riferimento alla normativa antiriciclaggio, il 19 dicembre 2009 lo Stato della Città del Vaticano ha firmato ...

Leggi dopo
Giurisprudenza sovranazionale Giurisprudenza sovranazionale

Drassich 2. La Corte di Strasburgo a proposito della formulazione dell’accusa e della partecipazione dell’imputato al processo in Cassazione

08 Marzo 2018 | di Giuseppe De Marzo

Difesa e difensore

I giudici di Strasburgo sono stati chiamati a decidere sull’ennesimo ricorso del Drassich, che si doleva della rinnovata lesione del proprio diritto di difendersi ...

Leggi dopo
Quesiti Operativi Quesiti Operativi

Il ricorso alle intercettazioni nei procedimenti per il delitto di minaccia

08 Marzo 2018 | di Luigi Giordano, Andrea Nocera

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

È ammissibile il ricorso alle intercettazioni nei procedimenti relativi al delitto di minaccia? L'art. 266, comma 1, lett. a), c.p.p. prevede che il ricorso alle intercettazioni è possibile nei procedimenti per delitti non colposi per i quali è prevista la pena dell'ergastolo o della reclusione superiore nel massimo a cinque anni determinata a norma dell'art. 4 c.p.p. La successiva lett. f) della medesima disposizione estende la possibilità di impiegare il mezzo di ricerca della prova anche per i reati di ingiuria, minaccia, usura ...

Leggi dopo
News News

La Cassazione definisce la “manifesta infondatezza”

07 Marzo 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. II, 19 dicembre 2017 (dep. 2 marzo 2018), n. 9486

Ricorso per cassazione

Qual è il discrimen tra infondatezza e manifesta infondatezza dei motivi di ricorso in Cassazione? La Cassazione penale, Sez. II è intervenuta sulla questione con la sentenza n. 9486 depositata il 2 marzo 2018. Nel caso di specie, il ricorrente lamentava, tra l’altro, l’intervenuta prescrizione dopo la sentenza d’appello e sul punto i giudici di legittimità hanno affermato ...

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

L'accertamento del nesso causale per la morte da esposizione professionale ad amianto nel processo Enel di Chivasso

07 Marzo 2018 | di Carlo Cavallo

Cass. pen., Sez. III,

Causalità (rapporto di causalità materiale)

La presente vicenda giudiziaria si inserisce a pieno titolo tra le molte incardinate, in questi anni, avanti alle autorità giurisdizionali di tutta Italia nell'ambito delle c.d. morti professionali da amianto. Anche in questo caso si trattava di stabilire, in buona sostanza, la sussistenza – o meno – di una responsabilità penale a titolo colposo ...

Leggi dopo
Contrasti giurisprudenziali Contrasti giurisprudenziali

Il ricorso personale in Cassazione in materia cautelare personale dopo la riforma Orlando

07 Marzo 2018 | di Andrea Pellegrino

Cass. pen., Sez. V,

Ricorso per cassazione

Con ordinanza resa all'esito dell'udienza camerale del 2 novembre 2017, la quinta Sezione penale della Corte di cassazione, preso atto dell'esistenza di un contrasto interpretativo nella giurisprudenza di legittimità, ha ritenuto di dover rimettere alle Sezioni unite la seguente questione di diritto: «se la modifica dell'art. 613 c.p.p. ...

Leggi dopo
Focus Focus

Violenza di genere e femminicidio. La costituzione di parte civile dei centri antiviolenza

06 Marzo 2018 | di Francesca Di Muzio

Parte civile, responsabile civile e soggetto civilmente obbligato per la pena pecuniaria

Il presente contributo affronta il tema della costituzione di parte civile da parte dei centri antiviolenza. I centri antiviolenza offrono accoglienza e consulenza alle donne con o senza figli minori che hanno subito violenza in un percorso di empowerment e di riacquisizione della propria autonomia e autodeterminazione. Alla base del lavoro dei centri vi quindi è una profonda conoscenza delle cause ...

Leggi dopo
La Bussola LA BUSSOLA

Notifiche telematiche

06 Marzo 2018 | di Valeria Bove

È dal 15 dicembre 2014 che le notificazioni penali a persona diversa dall'imputato si effettuano per via telematica. La data segna un momento di svolta nel processo penale: fino ad oggi, le norme di legge sul processo telematico, in ambito penale, disciplinano solo ed esclusivamente il settore delle notificazioni, un settore per altro fondamentale e delicato, che già nel codice di rito, al fine di annullare puri formalismi ed in un'ottica di efficienza del sistema delle notificazioni, aveva conosciuto l'impiego di mezzi tecnici di notifica, diversi da quelli tradizionali, idonei ad assicurare lo scopo di conoscenza degli atti processuali (in questo senso, le disposizioni di cui agli artt. 148, comma 2-bis, 149 e 150 c.p.p.). La principale fonte normativa primaria di riferimento per le notificazioni telematiche è l'art. 16 del d.l. 18 ottobre 2012, n. 179 ...

Leggi dopo
Focus Focus

L'art. 649 c.p.p. e il ne bis in idem dopo la sentenza della Corte costituzionale 200/2016. Applicazioni pratiche

05 Marzo 2018 | di Cristina Ingrao

Trib. Palermo

Bis in idem (divieto)

La questione affrontata dalla pronuncia in esame concerne l'operatività dell'istituto del ne bis in idem previsto dall'art. 649 c.p.p., che vieta un nuovo procedimento penale per il medesimo fatto nel caso in cui un imputato sia prosciolto o condannato con sentenza o decreto penale ...

Leggi dopo

Pagine