Homepage

Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Adesione psicologica a una ideologia estremista e partecipazione a una associazione di matrice terroristica jihadista

18 Dicembre 2017 | di Teresa Grieco

Terrorismo

La sentenza in commento coinvolge numerosi temi delicati e, tra questi, senz'altro spicca quello, da sempre oggetto di posizioni contrastanti in dottrina e in giurisprudenza, concernente i limiti dell'anticipazione della soglia di punibilità, in relazione ai reati di pericolo presunto, di cui, come oramai pacificamente riconosciuto, il reato associativo fa parte.

Leggi dopo
Focus Focus

La legge 179/2017. Gli esiti incerti di una riforma che promette tutele al whistleblower in ambito sia pubblico che privato

18 Dicembre 2017 | di Letizia d'Altilia

Responsabilità degli enti

È stata pubblicata in Gazzetta ufficiale n. 291 del 14 dicembre 2017 la legge 30 novembre 2017, n. 179 recante Disposizioni per la tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell’ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato (c,d. whistleblowing), che entrerà in vigore dal 29 dicembre 2017. In particolare, la riforma si snoda attraverso tre articoli ...

Leggi dopo
News News

Reformatio in pejus. Nessun obbligo di rinnovazione dibattimentale del teste subornato

15 Dicembre 2017 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. II, 26 settembre 2017 (dep. 11 dicembre 2017), n. 55068

Reformatio in pejus (divieto di)

L’acquisizione in primo grado delle testimonianze cartolari all’esito dell’incidente previsto dall’art. 500 c.p.p., comma 4, non implica in grado di appello alcun obbligo di rinnovazione dibattimentale, essendo la matrice della cartolarizzazione individuabile nella subornazione, ovvero in una condizione del testimone ...

Leggi dopo
La Bussola LA BUSSOLA

Prescrizione del reato

15 Dicembre 2017 | di Sergio Beltrani

La prescrizione, disciplinata dagli artt. 157 – 161 c.p., è una delle cause generali di estinzione del reato; trova il suo fondamento sul venir meno dell’interesse dello Stato alla punizione del reo dopo un determinato lasso di tempo, commisurato alla gravità del reato, e mira ad assicurare la “durata ragionevole” del processo penale (artt. 6 Cedu e art. 111, comma 2, Cost.). La prescrizione opera in difetto di una sentenza in giudicato, estinguendo la punibilità in astratto del reato entro un termine attualmente corrispondente al massimo della pena edittale prevista dalla legge e comunque non inferiore a sei anni per i delitti e quattro anni per le contravvenzioni (in entrambi i casi, anche se puniti con la sola pena pecuniaria). I reati puniti con l’ergastolo (anche se come effetto dell’applicazione di circostanze aggravanti) sono ...

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Intercettazioni per mezzo di captatore informatico: il tribunale può riqualificare il fatto esposto nel decreto del Gip

15 Dicembre 2017 | di Luigi Giordano

Cass. pen., Sez. VI

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni

Se il Gip, pur autorizzando dette intercettazioni, non ha ravvisato gli estremi di un illecito che rientra in tale categoria, è ammissibile la riqualificazione giuridica dei fatti da parte del tribunale del riesame ai fini dell'utilizzabilità del materiale probatorio raccolto?

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Violenza sul terreno di gioco. I limiti alla scriminante dell’attività sportiva

14 Dicembre 2017 | di Carlo Cavallo

Trib. Milano

Attività sportiva violenta

La decisione in commento scaturisce dal procedimento penale instaurato a carico di un soggetto chiamato a rispondere delle lesioni personali volontarie (art. 582 c.p.) cagionate, nel corso di una competizione calcistica, a un giocatore della compagine avversaria.

Leggi dopo
News News

L’inammissibilità del ricorso per cassazione proposto dall’imputato non ammette eccezioni per il detenuto

13 Dicembre 2017 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. I, 4 ottobre 2017 (dep. 23 novembre 2017), n. 53330

Ricorso per cassazione

La legge 103/2017 ha modificato il sistema delle impugnazioni penali. Tra le varie novità, la riforma ha escluso la facoltà per la parte che è imputata di proporre ...

Leggi dopo
La Bussola LA BUSSOLA

Reato permanente

13 Dicembre 2017 | di Francesco Carrelli Palombi

Il reato permanente rappresenta una creazione giurisprudenziale, riscontrabile in quelle situazioni in cui l’offesa al bene giuridico tutelato dall’ordinamento, si protrae nel tempo in virtù di una condotta persistente e volontaria. Nonostante il Legislatore faccia numerosi riferimenti a questa figura di reato (art. 158 c.p., artt. 8 e 382 c.p.p.), manca una definizione univoca dello stesso ed una elencazione dei suoi elementi strutturali. È possibile affermare che si tratta di un reato c.d. di durata, caratterizzato dal fatto che l’evento lesivo e la sua consumazione perdurano nel tempo. L’offesa, pertanto, dovrà essere rivolta nei confronti di un bene che non sia suscettibile di una distruzione definitiva bensì solo di una compressione temporanea come ad esempio la libertà personale nell’ipotesi del reato di sequestro di persona ex art. 605 c.p.

Leggi dopo
Focus Focus

La messa alla prova nel procedimento penale degli enti. Quali prospettive?

13 Dicembre 2017 | di Francesca Di Muzio

Responsabilità degli enti

Il d.lgs. 231/2001 sulla responsabilità delle persone giuridiche si caratterizza per una spiccata vocazione preventiva, nel senso che si pone come obiettivo primario il recupero della legalità dell’ente, il quale viene quindi spinto a dotarsi di modelli organizzativi in grado di ridurre al minino – seppur non riducendolo a zero – il rischio di commissione dei reati.

Leggi dopo
News News

Quando una sentenza può dirsi “di condanna” ai fini della revisione?

12 Dicembre 2017 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. II, 25 ottobre 2017 (dep. 28 novembre 2017), n. 53678

Revisione

È discusso in Cassazione «se, in caso di sentenza passata in giudicato con la quale l’imputato sia stato prosciolto per prescrizione del reato ascrittogli, ma condannato al risarcimento dei danni a favore della parte civile costituita, sia o no ammissibile il giudizio di revisione».

Leggi dopo

Pagine