Bussola

Verbale e verbalizzazione

11 Dicembre 2015 |

Sommario

Inquadramento | La documentazione degli atti | Le forme di verbalizzazione | Le tecniche di documentazione dell’atto | I soggetti titolari della funzione documentativa | Il contenuto del verbale | La sottoscrizione | La verbalizzazione nella fase delle indagini preliminari | Segue. L'annotazione | La verbalizzazione nella fase dibattimentale | La nullità dei verbali | Guida all'approfondimento |

 

Gli atti del procedimento penale devono essere documentati affinché, anche a distanza di tempo, nell’ambito della stessa fase del processo ovvero in fasi o gradi successivi se ne possa conservare traccia (A. Galati, Gli atti, in D. Siracusano – A. Galati – G. Tranchina – E. Zappalà, Diritto processuale penale, II, Milano, 2001, p. 312). Tale documentazione è disciplinata, in via generale, nel titolo III del libro II del codice di procedura penale. Tuttavia, essa non è onnicomprensiva e va integrata con disposizioni specifiche. In particolare, la documentazione degli atti è disciplinata dall’art. 420, comma 4,c.p.p. per l’udienza preliminare, dagli artt. 480, 481, 482, 483, 510 c.p.p. per l’udienza dibattimentale, dall’art. 559, comma 2, c.p.p. per il procedimento davanti al tribunale in composizione monocratica, e dall’art. 666, comma 9, c.p.p. per il procedimento di esecuzione.

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Focus

Focus

Su Verbale e verbalizzazione

Il valore probatorio del verbale
di Giuseppe Tabasco

Vedi tutti »