Bussola

Terrorismo

23 Settembre 2016 |

Sommario

Inquadramento | Il profilo ordinamentale | Le fattispecie di delitto in materia di terrorismo e le attività di contrasto | Il “binario” processuale e penitenziario | L'attività di prevenzione |

 

Scandita dagli attentati, la normativa antiterrorismo costituisce ormai un nuovo “binario” – vero e proprio sottosistema – nel panorama della giustizia penale, caratterizzato da una disciplina che si articola secondo l’intero sistema penale: quello preventivo, quello punitivo, quello ordinamentale, quello processuale e quello esecutivo e penitenziario. In successione, con progressive modifiche ed allargamenti della disciplina, si sono susseguiti in materia tre interventi legislativi. La legislazione ha tenuto conto sia della sempre più forte elevazione del pericolo costituito dal fenomeno terroristico, delle sue mutazioni soggettive, oggettive, motivazionali, culturali e ideologiche e della sua espansione in una dimensione internazionale e globale che esso è venuto assumendo. Invero, dopo l’attentato di New York dell’11 settembre 2001, si susseguirono, in un breve lasso di tempo, tre distinti interventi (d.l. 28 settembre 2001, n. 353, convertito dalla l. 27 novembre 2001, n. 415; d.l. 12 ottobre 2001, n. 369, convertito dalla l. 14 dicembre 2001, n. 431; d.l. 18 ottobre 2001, n. 374, convertito dalla l. 15 dicembre 2001, n. 438) finalizzati a introdurre modifiche legislative sia sostanziali sia processuali. Nello specifico, per limitare la disamina agli interventi di maggiore...

Leggi dopo