Bussola

Sospensione condizionale della pena

Sommario

Inquadramento | I presupposti per la concessione della sospensione condizionale della pena | Poteri del giudice in ordine alla concessione della sospensione condizionale della pena: giudizio prognostico e onere di motivazione | Potere del giudice: limiti entro i quali è ammessa la sospensione condizionale della pena | Potere del giudice: adempimento di obblighi da parte del condannato | Effetti della sospensione condizionale della pena | Estinzione del reato |

 

La sospensione condizionale della pena è una causa di estinzione del reato che trova la propria disciplina negli artt. 163 - 168 c.p. In particolare si tratta di un istituto per la cui applicazione è richiesta la pronuncia da parte del giudice di una sentenza di condanna alla pena della reclusione o dell'arresto della quale, in presenza di determinati presupposti (artt. 163-164 c.p.) ne sospende l'esecuzione per un periodo di tempo predeterminato dalla legge (163 c.p.) a condizione che il reo non commetta altro reato. Tale termine decorre dal passaggio in giudicato della sentenza che concede il beneficio. La concessione della sospensione condizionale della pena può essere subordinata dal giudice all'adempimento da parte del condannato di taluni obblighi (obbligo delle restituzioni, risarcimento del danno, eliminazione delle conseguenze dannose o pericolose del reato nonché l'eventuale prestazione di attività lavorativa non retribuita a favore della collettività). Per effetto della modifica apportata all'art. 165 dalla l. 69/2015 (riforma in materia di contrasto alla corruzione relativamente a specifici delitti contro la Pubblica Amministrazione), nei casi di condanna per le fattispecie delittuose di cui agli artt. 314, 317, 318, 319, 319-ter, 319-quater, 320 e 322-bis c.p., la...

Leggi dopo