Bussola

Risarcimento del danno

30 Maggio 2016 |

Sommario

Inquadramento | Natura del risarcimento del danno “da reato” | Risarcimento ex art. 185, comma 2, e 2043 c.c.: norme a confronto | Il danno non patrimoniale | Responsabile civile e responsabile indiretto | Il danneggiato | Casistica |

 

Oltre alle pene (principali o accessorie) e/o alle misure di sicurezza, che ne sono conseguenze propriamente penali, dal reato possono anche derivare, in via immediata o mediata, alcune conseguenze di natura civile delle quali si occupa il titolo VII del codice penale agli artt. 185 e ss. Quest'ultima disposizione ricomprende anche la formula risarcitoria che in passato, secondo la prevalente dottrina, veniva fatta rientrare a pieno titolo direttamente nelle maglie del sistema penale alla luce di un rinnovato interesse per la vittima e della plausibile insoddisfazione nei confronti dell'efficacia dissuasiva delle sanzioni penali tradizionali. Tale impostazione è venuta meno in epoca più recente quando è stato sostenuto che nonostante il risarcimento non vada esente da qualche tratto punitivo (addirittura più intenso rispetto ad una comune sanzione penale) esso non può definirsi una pena, neppure privata, stante la sua struttura tipicamente compensativa-reintegratoria.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >