Bussola

Reato complesso

Sommario

Inquadramento | Le forme del reato complesso | Concorso apparente di norme e reato complesso | Le raffigurazioni dottrinarie (ma non solo) del reato complesso | Reato complesso e tentativo | Aspetto processuali | Casistica |

 

Il reato complesso si configura tutte le volte in cui fatti che integrerebbero autonome fattispecie di reato vengono unificati dal Legislatore al fine di evitare che l'interprete applichi, in sede sanzionatoria ma non solo, il regime del concorso dei reati. L'art. 84, comma 1, c.p., difatti, espressamente, sancisce che si ha reato complesso «quando la legge considera elementi costitutivi, o come circostanze aggravanti di un solo reato, fatti che costituirebbero per se stessi reato». Ciò che determina il discrimine è, dunque, l'espressa volontà normativa (quando la legge) di considerare un reato elemento costitutivo, o circostanza aggravante, di altro, tanto da perdere la propria genetica autonomia per confluire nella forma di altra fattispecie a struttura complessa. Non è quindi sufficiente che fatti, i quali isolatamente considerati costituiscono altrettanti reati, abbiano qualche elemento comune bensì occorre che uno di essi, convergendo per volontà legislativa in altro, quale elemento costitutivo o circostanza aggravante, perda la propria autonomia fondendosi, per l'identità dell'elemento oggettivo e dell'elemento soggettivo, in una sola (e nuova) figura.

Leggi dopo