Bussola

Reati tributari

Sommario

Inquadramento | Le circostanze aggravanti e cause di non punibilità | La c.d. confisca allargata | La responsabilità delle società |

 

La disciplina in tema di rilevanza penale degli illeciti tributari è contenuta nel D.Lgs. 10/03/2000, n. 74, recentemente riformato con il D.L n. 124/2019 (conv. con modif. L. n. 157/2019), riforma che segue a quella contenuta nel D.lgs. n. 158/2015. La disciplina precedente al D.Lgs. n. 74/2000 si caratterizzava per la scelta del legislatore di abbandonare la cosiddetta pregiudiziale tributaria, formulando cioè le nuove fattispecie di reato in modo che l'esercizio dell'azione penale non fosse condizionato dalla definitiva conclusione della vicenda amministrativa, come era invece in precedenza. Tale opzione di fondo determinò la scelta di affidare al codice penale l'entità dell'imponibile o dell'imposta evasa, rimettendo poi all'Amministrazione finanziaria ogni incombenza valutativa inerente la determinazione concreta del debito d'imposta. Nell'ambito di tale scelta metodologica, il legislatore volle ricorrere a figure di reato a consumazione anticipata, che non punissero, cioè, l'evasione in senso proprio, ma comportamenti di regola prodromici alla stessa; da qui, l'introduzione nel sistema degli illeciti penali tributari di fattispecie criminose di natura contravvenzionale, che perseguivano obblighi di natura formale, punite prevalentemente con pena pecuniaria, sia pur con l...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Multimedia

Multimedia

Su Reati tributari

La riforma dei reati tributari
di Gianluca Gambogi

Vedi tutti »