Bussola

Parte civile, responsabile civile e soggetto civilmente obbligato per la pena pecuniaria

06 Luglio 2015 |

Sommario

Inquadramento | La costituzione di parte civile | (segue) Esclusione e revoca | Il responsabile civile: costituzione | (segue) Intervento | (segue) Esclusione | Citazione del civilmente obbligato per la pena pecuniaria | Casistica | Guida all'approfondimento |

 

Il titolo V del libro I del codice di procedura penale è dedicato all’azione civile nel processo penale, individuando le tre parti private che, a diverso titolo, sono interessate dalle pretese civilistiche avanzate in ambito penale, tese, come evincibile dall’art. 74 c.p.p., ad ottenere le restituzioni ed il risarcimento del danno determinati dalla commissione di un reato. È bene, infatti, chiarire che non tutte le azioni tipiche di impronta civilistica possono essere fatte valere nel processo penale: è, quindi, escluso che si possano richiedere al giudice penale provvedimenti di accertamento, costitutivi, modificativi o estintivi di rapporti giuridici; mentre, come detto, potranno farsi valere il diritto alle restituzioni, che dottrina e giurisprudenza prevalente intendono in un’accezione ampia, comprensiva non solo della riconsegna in senso stretto del bene di cui la persona offesa era stata privata per effetto del reato ma anche della restituito in integrum della situazione preesistente al reato; e soprattutto il diritto al risarcimento del danno, patrimoniale o non patrimoniale. Oltre alla parte civile, ovvero il soggetto al quale il reato ha recato danno ovvero i suoi successori universali, che si costituisce nel processo penale per far valere le proprie pretese civilisti...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Su Parte civile, responsabile civile e soggetto civilmente obbligato per la pena pecuniaria

Vedi tutti »