Bussola

Indagini preliminari

Sommario

Inquadramento | Caratteristiche delle indagini preliminari | Il pubblico ministero nelle indagini preliminari | Finalità delle indagini preliminari | Rapporto funzionale tra pubblico ministero e polizia giudiziaria | Il giudice delle indagini preliminari | Il procedimento per le indagini preliminari |

 

Il legislatore del nuovo codice di procedura penale, approvato con d.p.r. n. 447 del 1988 ed entrato in vigore il 24 ottobre 1989 in attuazione della delega conferita con la l. 81/1987, ha perseguito il dichiarato fine del superamento del sistema misto vigente sotto l’impero del codice Rocco, per attuarne uno di carattere più spiccatamente democratico. Le indagini preliminari disciplinate dal vigente codice di rito mostrano appieno i propri caratteri e le proprie finalità solo se analizzate alla luce del previgente sistema da cui con evidenza si allontanano. In questo contesto, infatti, vanno analizzati i poteri ed i compiti degli organi investigativi e l’attività di ricerca della prova della quale essi sono investiti, anche in una prospettiva di successivo accertamento giurisdizionale del fatto di reato.   In evidenza Il codice del 1930 prevedeva un processo ispirato in parte al modello inquisitorio, in parte a quello accusatorio e per quel che interessa in questa sede, caratterizzato dalla presenza della c.d. fase di istruzione, a sua volta da distinguersi in una istruzione sommaria, affidata al pubblico ministero ed in una istruzione formale, di competenza del giudice istruttore, entrambe funzionali non soltanto allo svolgimento dell’attività investigativa ma anche alla ...

Leggi dopo