Bussola

Estorsione

Sommario

Inquadramento | I soggetti | La violenza o minaccia | Il contenuto della coartazione | L'ingiusto profitto con altrui danno | Il momento consumativo e il tentativo | L'elemento psicologico | Le circostanze aggravanti | I rapporti con gli altri reati | Casistica |

 

Il delitto di estorsione si concreta, secondo la formula dell'art. 629 c.p., nel fatto di chi mediante violenza o minaccia, costringendo taluno a fare o ad omettere qualche cosa, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno. La norma descrive la condotta (la violenza e la minaccia), una serie di eventi naturalistici (il metus indotto nel soggetto passivo e la di lui conseguente condotta di disposizione patrimoniale, il danno e il profitto ingiusto) e il nesso causale tra la minaccia o la violenza e il comportamento collaborativo, ai quali conseguono danno e profitto. La norma tutela l'interesse del soggetto a poter operare in termini patrimonialmente rilevanti  indipendentemente da altre interferenze incidenti sulla formazione della sua volontà. Si tratta pertanto di un reato plurioffensivo in quanto lesivo del patrimonio e della libera determinazione della persona

Leggi dopo