Bussola

Espulsione dello straniero dallo Stato

Sommario

Inquadramento | L’espulsione dei cittadini extracomunitari e degli apolidi | L'espulsione dei cittadini comunitari | L'espulsione giudiziaria | L'espulsione giudiziaria a titolo di misura di sicurezza personale | L’espulsione giudiziaria come sanzione sostitutiva della pena per i cittadini extracomunitari | L'espulsione giudiziaria come sanzione sostitutiva della pena per i cittadini comunitari | L'espulsione giudiziaria come misura alternativa alla detenzione per cittadini extracomunitari | I casi di divieto di espulsione | Aspetti processuali |

 

L’espulsione è il provvedimento dell'autorità statale con il quale si dispone l’allontanamento del cittadino non appartenente allo Stato italiano per giustificati motivi. Per i cittadini extracomunitari e gli apolidi la disciplina dell’espulsione è contenuta nel d.lgs. 286/1998 (Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero); per i cittadini di altri Stati membri dell’Unione europea è contenuta nel d.lgs. 30 del 2007 (Attuazione della direttiva 2004/38/Ce relativa al diritto dei cittadini dell’Unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri). Altre norme concernenti l’espulsione giudiziaria degli stranieri, comunitari ed extracomunitari, sono contenute nel codice penale (art. 235 c.p.) e nel d.P.R. 309/1990 (Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti).

Leggi dopo