Bussola

Conseguenze civili del reato

16 Maggio 2017 |

Sommario

Inquadramento | Il danno “criminale” ed il danno “civilistico” | La riparazione del danno derivante da reato: a) le restituzioni (art. 185, comma 1) | b) Il risarcimento del danno (art. 185, comma 2) | Riparazione del danno mediante pubblicazione della sentenza di condanna | Spese per il mantenimento del condannato. Obbligo di rimborso. | Le garanzie per le obbligazioni civili: a) Il sequestro | b) L'azione revocatoria penale | Obbligazione civile per le multe e le ammende inflitte a persona dipendente | Obbligazione civile delle persone giuridiche per il pagamento delle multe e delle ammende | Effetti dell'estinzione del reato o della pena sulle obbligazioni civili | Casistica |

 

Dalla commissione del reato derivano, oltre che l'applicazione della pena e delle misure di sicurezza, anche conseguenze di ordine civile, in base al principio sancito all'art. 2043 c.c. secondo il quale « qualunque fatto doloso o colposo che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno ». Diverse le sanzioni di natura civile previste dal Libro I, Titolo VII del codice penale fra le quali si annoverano: a) le restituzioni (art. 185, comma 1, c.p.); b) il risarcimento del danno (art. 185, comma 2, c.p.); c) la pubblicazione della sentenza di condanna (art. 186 c.p.); d) le obbligazioni civili del condannato verso lo Stato; e) le garanzie per le obbligazioni civili che consistono nel sequestro dei beni mobili ed immobili dell'imputato (art. 189 c.p.) e nell'azione revocatoria penale (artt. 192 – 194 c.p.) ove il condannato non faccia fronte alle obbligazioni civili. 

Leggi dopo