Bussola

Confessione

Sommario

Inquadramento | Il valore probatorio della confessione | La ritrattazione della confessione | I meccanismi confessori: la confessione giudiziale | Segue: la confessione stragiudiziale | Guida all'approfondimento |

 

Prova regina nel vecchio ordinamento processuale, la confessione rappresenta l'atto processuale con cui vi è l'attribuzione a sé, in tutto o in parte, del fatto penalmente rilevante, oggetto di contestazione; una sorta di negazione, insomma, della dialettica processuale tra l'accusa e la difesa che si traduce nella sostanziale cessazione della materia del contendere. Sulla scorta dell'esperienza accumulato sotto l'egida del codice di rito del 1930, occorre, preliminarmente, chiedersi quale sia il peso procedimentale di siffatte ammissioni, quindi quali siano le connotazioni del fenomeno, le sue regole e le incidenze, in termini di risultato, sull'esito del processo. Nel codice Rocco la confessione era auspicata, per non dire quasi “cercata” dall'autorità procedente; nell'attuale codice rimane una rilevanza consistente da punto di vista probatorio, non scevro, però, di taluni limiti e precisazioni su cui occorre cimentarsi.

Leggi dopo