Quesiti Operativi

Le dichiarazioni eteroaccusatorie captate nel corso di attività di intercettazione

 

Al fine di valutare le dichiarazioni di persone che conversino tra loro – captate nel corso di attività di intercettazione regolarmente autorizzata ed a loro insaputa – le quali presentino valenza accusatoria nei confronti di terzi che avrebbero concorso in reati commessi dagli stessi dichiaranti o commesso reati a questi connessi o collegati, trova applicazione la regola di cui al comma 3 dell’art. 192 c.p.p.?

Leggi dopo